Approfondimenti

Dal Portogallo “Casa Guilhermina”, il nuovo album della regina del fado Ana Moura

Nata nel ’79 in una città con profonde radici storiche del centro del Portogallo, Santarém, capoluogo della provincia del Ribatejo, Ana Moura è cresciuta circondata dal fado: i suoi genitori sapevano cantare, e alla riunioni di famiglia tutti cantavano. Ana Moura ha interiorizzato il fado e ha imparato a cantarlo. Poi da adolescente è diventata la vocalist di un gruppo rock, ma in ogni esibizione si è sempre ritagliata lo spazio per un brano di fado. Nelle “case” consacrate al fado, è abituale che anche i dilettanti possano mettersi alla prova: il talento di Ana Moura cominciò ad essere riconosciuto quando una sera a Lisbona andò in compagnia di amici in una casa do fado, e fu spinta a cantare. Qualche tempo dopo fu ascoltata da una delle più grandi interpreti del genere, Maria da Fé, che la ingaggiò per il suo rinomato locale, aprendole così una carriera da fadista. Nei primi anni del nuovo millennio Ana Moura si è affermata come una delle esponenti più in vista di una nuova generazione di interpreti femminili che in Portogallo hanno ridato smalto al fado agli occhi dei giovani. Nel 2007 Ana Moura era già così famosa da essere scelta per duettare con Mick Jagger in No Expectations durante l’esibizione dei Rolling Stones allo stadio Alvarade di Lisbona. Qualche anno dopo Prince, interessato al fado, navigando in internet si accorse del talento di Ana Moura, andò ad assistere a sue esibizioni, e nel 2010 Ana Moura apparve come ospite dell’esibizione di Prince al grande festival portoghese Super Bock Super Rock, interpretando due brani di fado con Prince alla chitarra. Prince disse ad Ana Moura che alla sua musica occorreva solo un po’ di ritmo. In effetti Ana Moura è stata in questi ultimi vent’anni la principale responsabile dello svecchiamento del fado, ma comunque senza esorbitare, nella postura del canto e nella musica, con accompagnamento assicurato da strumenti acustici, da una dimensione del fado piuttosto sobriamente classica. Un po’ di quel ritmo che Prince auspicava nel fado di Ana Moura si trova però adesso in Casa Guilhermina, settimo album di studio della cantante, appena pubblicato dalla Sony: c’è per esempio in Jacarandá, un brano dedicato proprio a Prince. Alla chitarra c’è Mike Scott, che dal ’96 è stato a più riprese nei New Power Generation di Prince, ma i ritmi che si combinano col fado non sono ispirati da Minneapolis, ma principalmente dalla musica delle ex colonie portoghesi.
L’album è in sintonia con il cosiddetto novo fado, lanciato da Dj e produttori portoghesi che mescolano il fado con le musiche dell’Africa lusofona, come la morna capoverdiana e il semba e il kizomba angolani: da anni in particolare i ritmi angolani hanno ampio corso a livello internazionale nelle musiche da ballo e nell’elettronica. Ma per Ana Moura quei ritmi non sono semplicemente una tendenza, sono anche una storia di famiglia. Durante la sua infanzia e adolescenza in casa di Ana Moura non si ascoltava solo fado ma anche dischi di grandi cantanti angolani come Bonga e Ruy Mingas, di Fausto, di origine angolana, e di José Afonso, che aveva vissuto in Angola da bambino, e una canzone del quale fu scelta come segnale per la rivoluzione dei garofani: la mamma di Ana Moura infatti è angolana, e angolana era la nonna, Guilhermina, a cui l’album è intitolato. Ana Moura si esibirà a Berlino il 18 gennaio, ad Amsterdam il 20, a Londra il 26, a Parigi il 27.

  • Autore articolo
    Marcello Lorrai
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 08/12/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 12/08/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 07/12/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 12/07/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 08/12/2022 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 12/08/2022

  • PlayStop

    10 Pezzi di giovedì 08/12/2022

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che…

    10 Pezzi - 12/08/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 08/12/2022 - ore 12:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 12/08/2022

  • PlayStop

    Microfono aperto di giovedì 08/12/2022

    Vita, politica, storie, dibattito, confronto, scontro. La formula: un tema, un conduttore, degli ospiti e voi. Dalla notizia del momento…

    Microfono aperto - 12/08/2022

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di giovedì 08/12/2022

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del…

    Apertura musicale classica - 12/08/2022

  • PlayStop

    Mono di giovedì 08/12/2022

    Tutti i mercoledì, da mezzanotte all'una, un'ora di musica scelta di volta in volta seguendo un tema, un percorso, un'idea...un…

    Mono - 12/08/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 07/12/2022

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e…

    Jazz Ahead - 12/07/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 07/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/07/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 07/12/2022 - ore 21:32

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 12/07/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 07/12/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 12/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 07/12/2022

    (55 - 246) Dove si assiste ad un'edizione speciale di Muoviti Muoviti per la prima della Scala con collegamenti dentro…

    Muoviti muoviti - 12/07/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 07/12/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 12/07/2022

  • PlayStop

    Sounds and the City di mercoledì 07/12/2022

    Musica, suoni e gli artisti più interessanti e innovativi della scena musicale indie insieme ai grandi classici che li hanno…

    Sounds and the City - 12/07/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 07/12/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 12/07/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 07/12/2022

    Oggi ospite Max Nicolosi per raccontarci il compleanno e la vita di Fattoria Capre e Cavoli di Mesero, di Marte…

    Considera l’armadillo - 12/07/2022

  • PlayStop

    Pini marittimi

    Quando sogniamo a occhi aperti, ci rallegriamo della diminuzione temporanea delle bollette e torniamo indietro di 30 anni in quella…

    Poveri ma belli - 12/07/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 07/12/2022

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 12/07/2022

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 07/12/2022

    Dalla culla alla tomba del welfare state? Ottant’anni fa la presentazione del rapporto Beveridge in Gran Bretagna poneva le basi…

    Pubblica - 12/07/2022

Adesso in diretta