Approfondimenti

Congo, primi casi di coronavirus dopo la fine dell’epidemia di Ebola

  • Play
  • Tratto dal podcast
    Coronavirus |

Cinque giorni dopo aver finalmente debellato l’ultima epidemia di Ebola, nella Repubblica Democratica del Congo è arrivato il primo caso di coronavirus COVID-19, registrato l’11 marzo scorso a Kinshasa, capitale del Paese e terza area metropolitana più grande dell’Africa.

Nelle ultime ore, mentre i dati ufficiali parlano di 18 casi confermati di coronavirus COVID-19, il presidente Felix Tshisekedi ha disposto la chiusura delle scuole, dei luoghi di culto e di bar e ristoranti a Kinshasa e nelle città più grandi del Congo. Sarà sufficiente a limitare la diffusione dell’epidemia di coronavirus in un Paese neanche lontanamente attrezzato ad affrontare una situazione di emergenza come quella che si sta vedendo in altri Paesi del Mondo?

Ne abbiamo parlato con Nicolò Carcano, responsabile progetti AVSI nella Repubblica Democratica del Congo, che attualmente si trova nella città di Goma, a circa due ore di aereo da Kinshasa. L’intervista di Chawki Senouci ad Esteri.

La situazione in Congo dopo i primi casi di coronavirus è di paura. La paura della fine di una grande speranza. Dal 1° agosto 2018 al 6 marzo 2020 abbiamo affrontato una delle più brutte epidemie di Ebola degli ultimi anni con più di 3.500 morti. Il 6 marzo è stato dimesso dall’ospedale l’ultimo paziente di Ebola, c’è stata una grande festa di medici e infermieri e pensavamo di esserci tolti un peso di qualche tonnellata. La tranquillità è durata cinque giorni, perché l’11 marzo è arrivato a Kinshasa, a circa due ore e mezzo d’aereo da dove mi trovo io a Goma, il primo caso di coronavirus COVID-19 in Congo, portato presumibilmente da un congolese al rientro dal Belgio o dalla Francia.
Inizialmente, come sempre, il caso qui è stato preso sottogamba e non c’è stata nessuna particolare attenzione. Ora, però, conoscendo come il virus si è evoluto nella maggior parte dei Paesi che ha toccato, primo fra tutti il nostro, c’è una grandissima paura. Le persone qui si muovono moltissimo, la popolazione locale accusa gli espatriati bianchi di essere gli untori della situazione e di aver portato qui il virus.
Il Congo ha uno dei tassi di corruzione più alti che io abbia mai visto – e sono quasi 16 anni che faccio questo lavoro – e la popolazione è sempre convinta che le problematiche vengano portate dall’esterno così che il governo, le autorità politiche e i bianchi possano fare i soldi sulla loro pelle e sulla loro salute. È una convinzione che deriva da anni di malgoverno, sia nazionale che provinciale.
Se per l’Ebola in qualche modo non eravamo un bersaglio diretto, adesso abbiamo due rischi. Il primo è quello di essere un bersaglio diretto e il secondo è quello di essere coinvolti personalmente da questa epidemia. L’Ebola è indiscutibilmente più pericolosa, come tasso di mortalità eravamo intorno all’80%, ma è più difficile da trasmettere perché occorre un contatto fisico tra un malato di Ebola e un’altra persona. Il darsi la mano senza poi lavarsela immediatamente era una possibilità di contagio immediato. E, invece, come sapete meglio di me, questo coronavirus è molto più volatile ed ha una diffusione simile a quella dell’influenza. Qui è un disastro. In Africa non si può fare il telelavoro, non si può chiedere alla popolazione locale di stare in casa perché nessuno ha la possibilità di fare scorte di cibo. Quella che era una paura per l’Ebola, per il coronavirus diventa almeno dieci volte più grande.
La situazione mondiale ci dice anche che il rischio per noi è quello di rimanere bloccati qui in Congo, perché ad un certo punto chiuderanno tutti i voli aerei e i collegamenti con gli altri Paesi e il sistema sanitario di questo Paese non ci permette di stare tranquilli. Credo che nel posto in cui mi trovo ora ci siano appena due posti letto di terapia intensiva.

Le autorità hanno deciso di chiudere i locali, i ristoranti e i bar a Kinshasa. Secondo te queste misure potranno rivelarsi efficaci?

Sarà molto difficile applicare queste misure. Se abbiamo ben capito le misure sono estese a tutte le grandi città del Congo, anche Goma da cui vi sto parlando, e tutte le capitali provinciali. È qualcosa, ma il problema è culturale. Qui il 99% delle persone deve uscire di casa per poter andare a cercare un lavoretto di un giorno con cui poter avere quei due soldi che servono per comprare qualcosa da mangiare. Chiudere bar e ristoranti è sicuramente un tentativo di emulazione rispetto a quanto fatto dai Paesi europei e dal vicino Ruanda, ma purtroppo non è sufficiente. Da questa mattina hanno anche chiuso tutte le scuole, gli istituti di istruzione e anche i luoghi di culto, una cosa che non credo abbia un precedente in Africa.
Tutte queste misure non sono state prese per l’Ebola e viene da chiedersi perché siano state prese adesso: si tratta soltanto di emulazione delle politiche altrui o c’è la speranza di bloccare quello che sarebbe un contagio catastrofico in questo Paese?
È un’idea, ma non è assolutamente sufficiente.

Quello che è stato fatto per sradicare l’Ebola potrebbe servire per contrastare il coronavirus?

Penso proprio di sì ed è forse l’unica speranza che è rimasta anche a noi che siamo rimasti qui a lavorare per conto di AVSI. Possiamo sperare che ci sia dell’Organizzazione Mondiale della Sanità unitamente alle organizzazioni non governative come la Croce Rossa Internazionale o International Medical Corps per cercare di aiutare il ministero della Salute del Congo a contrastare questo nuovo mostro perché altrimenti il Ministero da solo, con le sue strutture provinciali, cittadine e nei villaggi non sarà mai e poi mai sufficiente.
Per contrastare l’Ebola, e pare che alla fine possiamo dire di avercela fatta, la Banca Mondiale e le più grandi agenzie di cooperazione del Mondo hanno messo sul piatto qualcosa come 500 milioni di dollari. Quello che noi da qui ci chiediamo è se questo impegno potrà essere lo stesso, visto che tutti i Paesi più importanti sono anche le vittime dirette di questa epidemia. Non sappiamo quindi se si schiereranno come hanno fatto per l’Ebola a favore dei Paesi che ne hanno maggiore bisogno come la Repubblica Democratica del Congo.

Foto dalla pagina Facebook di AVSI CONGO

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 12/07 15:32

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 12-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 12/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 12-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 11/07/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 11-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Parla con lei di venerdì 12/07/2024

    PARLA CON LEI: a tu per tu e in profondità con donne la cui esperienza professionale e personale offre uno sguardo sul mondo. Con Serena Tarabini.

    Parla con lei - 12-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/07/2024 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Il murale per Michela Murgia che non piace agli integralisti cattolici

    L'intervista di Roberto Maggioni a Laika, street artist e autrice del murales dedicato alla scrittrice Michela Murgia, sulla facciata del V Municipio a Roma

    Clip - 12-07-2024

  • PlayStop

    Matrilineare - Ep. 5 - Madri, Figlie, Figlie, Madri

    Matrilineare. 5 episodi sul cantautorato femminile, a cura di Piergiorgio Pardo. “Matrilineare” è il titolo di una suggestiva raccolta curata dai C.S.I. nel ’96, in cui un’Italia rurale persa nel tempo e un’altra contemporanea, di estrazione indie-rock, si fondevano lungo il filo rosso del matriarcato. Una provocazione che coinvolgeva anche i talenti, emergenti all’epoca, di Cristina Donà e Ginevra di Marco e si rivolgeva al genere maschile singolare per eccellenza del pop italiano: il cantautorato. Dati alla mano, il cantautorato in Italia continua a distinguersi in fatto di gender gap. Eppure il cammino della nostra canzone d’autore è disseminato di piccoli gioielli di pensiero femminile e divergente. Matrilineare, appunto. Conduce fino ad oggi e vale la pena raccontarlo.

    Matrilineare - 12-07-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 12/07/2024

    Oggi a Cult Estate: Giovanni Chiodi sulla stagione lirica estiva in diretta da Canterbury; Claudio Ricordi sulla serata dedicata a Giacomo Puccini a Venegono Superiore; a Milano apre un nuovo e antico spazio: il Casello di S. Cristoforo; Mario Brunello dirige il programma dello Stresa Festival 2024; a Base Milano la Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli propone la rassegna "Marionette d'Estate"; Stefano Annoni al Teatro Franco Parenti con la sua versione di "Il sentiero dei nidi di ragno" di Italo Calvino; Tiziana Ricci parla con il neo-direttore di Brera della probabile futura apertura di Palazzo Citterio...

    Cult - 12-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 12/07/2024

    a cura di Roberto Maggioni e Massimo Alberti Joe Biden non molla. “Sono il candidato giusto per battere Trump” dice il presidente Usa in chiusura del vertice Nato a Washington. Ne parliamo con Fabrizio Tonello professore di Scienza politica presso l'Università di Padova. Il decreto sicurezza del governo: cosa c’è e cosa sta uscendo. Devis Dori, capogruppo AVS in commissione giustizia La Spagna, Lamine Yamal e il quartiere di Barcellona dove è cresciuto e che il partito spagnolo di estrema destra Vox definisce “letamaio multiculturale”. Con Nicola Tanno, ricercatore in scienze politiche, autore per Jacobin, vive e lavora a Barcellona Gaza, la scorta mediatica. Con l’autore del libro Raffaele Oriani. Ex collaboratore del Venerdì di Repubblica, autore del libro “Gaza, la scorta mediatica. Come la grande stampa ha accompagnato il massacro. E perché me ne sono chiamato fuori”

    Giorni Migliori – Intro - 12-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di venerdì 12/07/2024

    In conduzione Francesco Tragni. Abbiamo raccontato dove sono finiti i soldi dell'8 per mille del 2024, dell'impresa di Jasmine Paolini a Wimbledon e ascoltato quali pazzie hanno fatto i nostri ascoltatori in nome delle loro grandi passioni.

    Apertura musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 12/07/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 11-07-2024

  • PlayStop

    IconZ di giovedì 11/07/2024

    Lo spartiacque del 2016, e tutto quello che lo riguarda. C'è Trump, ci sono eventi ben più seri come il cucchiaio di Pellè, ma c'è anche una generazione di musicisti hip-hop che ha cambiato tutto quello che è venuto dopo.

    IconZ - 11-07-2024

Adesso in diretta