Approfondimenti

Coronavirus, il fisico Marinari: “L’epidemia è in fase iniziale”

guarire dal coronavirus

I numeri dell’epidemia di coronavirus COVID-19 aggiornati ieri sera dalla Protezione Civile parlando di 2.263 persone positive al virus in Italia, 428 in più rispetto a lunedì, pari ad un incremento del 23%. Un aumento, quest’ultimo, che è minore rispetto al picco di incremento del 50% che era stato registrato domenica 1° marzo, ma superiore al 16% fatto segnare lunedì. Tutte queste cifre possono anche creare un po’ di confusione e fare chiarezza abbiamo intervistato il professor Enzo Marinari, fisico dell’Università La Sapienza di Roma.

Il professor Marinari, insieme ad alcuni colleghi, ha svolto una serie di calcoli sulla diffusione del coronavirus in Italia sulla base dei dati resi noti dalla Protezione Civile e svolto un’indagine che mostra l’andamento della diffusione del virus. L’intervista di Raffaele Liguori a Memos.

A quali conclusioni siete arrivati?

Ad oggi le conclusioni non sono confortanti. Ad oggi c’è mediamente un aumento esponenziale della crescita del contagio: c’è un raddoppio della quantità di contagiati ogni 2 giorni e mezzo. Se si guarda giorno per giorno è chiaro che c’è una variabilità, ma questo è del tutto normale perché ci sono quelle che si chiamano fluttuazioni. Bisogna invece guardare l’andamento medio, che ad oggi è questo: si tratta di un’epidemia di coronavirus in fase iniziale e virulenta nella quale c’è un raddoppio del numero di persone contagiate ogni due giorni e mezzo. E questo vale per vari indicatori. Si può guardare il numero dei ospedalizzati, oppure il numero di pazienti critici e quello dei pazienti infettati. Tutti gli indicatori tendono a dare la stessa risposta con quella che si definisce “un’affidabilità statistica forte”. Questo naturalmente ci invita a fare qualcosa.

Questi dati ci invitano a fare qualcosa di nuovo per il futuro, ma non ci permettono ancora di valutare l’efficacia delle misure già prese. È così?

Per ora bisogna aspettare. Certamente non sono state troppo forti queste misure. Nonostante queste misure, ad oggi c’è ancora un andamento duro del virus e che può metterci in difficoltà. Sicuramente la strada è quella delle misure già prese, però vanno analizzate con estrema serietà. Dal nostro modo di vedere questo non è certamente il momento di alleggerire perché la cosa che si teme davvero è che questa situazione possa mettere in crisi il sistema sanitario nazionale. I posti in rianimazione sono una risorsa limitata nel nostro Paese e la rianimazione sta giocando un ruolo incredibile insieme ai medici che stanno facendo un lavoro fantastico per salvare persone. Se si arrivasse, come potrebbe essere visti i dati che abbiamo, a salutare la capienza delle sale di rianimazione del Paese questo finirebbe per dare delle vittime, mettendo in difficoltà anche pazienti con altre patologie che di sale di rianimazione come quelle hanno bisogno.

Sulla base dei dati voi avete anche fornito delle indicazioni sui comportamenti individuali che dovrebbero essere adottati per minimizzare i rischi e favorire il contenimento dell’infezione. Se la diffusione del virus sarà ancora più conclamata rispetto ad oggi, quali dati e indicatori dovranno essere guardati e analizzati?

Normalmente questi indicatori sono gli stessi per valutare la situazione anche in altri Paese. I dati dalla Cina ci dicono che la gente muore meno e i contagi sono molto minori, quindi le misure che sono state adottate hanno funzionato. Questi indicatori restano la base, ma è importante anche confrontare quello che succede nelle varie Regioni in Italia e nei vari Paesi del Mondo. Gli andamenti vanno verificati a livello globale comparando anche le politiche adottate dai vari Paesi.

Si parla di un altro numero significativo: la quantità di contagi che in media un contagiato può provocare con l’obiettivo di arrivare a R zero. In alcuni casi in questi giorni è stato superiore al 2,4%, vale a dire che ogni persona positiva può contagiare quasi due persone e mezzo.

Può contagiare fino a 2 persone e mezzo. Le politiche di mitigazione servono proprio a questo. R Zero è una caratteristica del virus, che ha la capacità di infettare un certo numero di persone. Le politiche di contenimento servono a fare in modo che ogni persona contagi meno di due persone e mezzo. Il numero di contagi effettivi può essere diminuito con il contenimento e se viene portato sotto ad 1 l’epidemia di questo coronavirus va a spegnersi.
Oggi è necessario fare incontrare un po’ meno le persone: non facendole incontrare abbassiamo il livello di contagio.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 19/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 20/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 20/05/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 20/05/2022

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 19/05/2022

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma…

    Labirinti Musicali - 20/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 19/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20/05/2022

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 19/05/2022

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da…

    Musiche dal mondo - 20/05/2022

  • PlayStop

    Chassis di giovedì 19/05/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 20/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 19/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 20/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 19/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 20/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 19/05/2022

    1 - Guerra in Ucraina, secondo mosca altri 770 militari hanno lasciato l’acciaieria di Mariupol. Secondo Kiev il processo di…

    Esteri - 20/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 19/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 20/05/2022

  • PlayStop

    The Game di giovedì 19/05/2022

    1) Draghi sbandiera l’indipendenza dal gas russo in due anni. Ma per l’indipendenza dalle fonti fossili i tempi del governo…

    The Game - 20/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 19/05/2022

    Dove si parla di gender reveal, ammesso e non concesso che sappiate cosa sia. Poi ex Presidenti degli Stati Uniti…

    Muoviti muoviti - 20/05/2022

  • PlayStop

    Cisco e Finaz presentano "Non fa paura" live a Jack

    Cisco e la Bandabardò finalmente uniscono le forze per un disco insieme dal titolo "Non fa paura" in uscita venerdì…

    Clip -

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 19/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 20/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 19/05/2022

    Si parla con Clara Caspani e Lorenzo Niccolini, vicepresidente e presidente di Stray Dogs International Project su esperienze di cani…

    Considera l’armadillo - 20/05/2022

  • PlayStop

    Jack di giovedì 19/05/2022

    Notizie, nuove proposte musicali e il momento Jack Box dedicato al compleanno di Grace Jones

    Jack - 20/05/2022

  • PlayStop

    Giacomo Natali, Capire l'Eurovision. Tra musica e geopolitica

    GIACOMO NATALI - CAPIRE L'EUROVISION. TRA MUSICA E GEOPOLITICA – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 20/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di giovedì 19/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 20/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 19/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 20/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 19/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 20/05/2022

  • PlayStop

    Cult di giovedì 19/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare, in onda alle 11.30: le corrispondenze dal Salone del Libro di…

    Cult - 20/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 19/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 20/05/2022

Adesso in diretta