Approfondimenti

Coronavirus, detenuti in rivolta. Il senatore Mirabelli: “Task force per studiare le soluzioni”

rivolta carcere san vittore

In piena emergenza da epidemia di coronavirus COVID-19, la rivolta dei detenuti è scoppiata un po’ in tutti gli istituti penitenziari in Italia, anche in quelle in Lombardia. Cosa sta succedendo? Ne abbiamo parlato con col senatore del Partito Democratico Franco Mirabelli, che ieri è stato in visita al carcere di San Vittore.

L’intervista di Alessandro Braga a Fino Alle Otto.

Com’è la situazione nelle carceri lombarde?

È una situazione di tensioni che ieri a San Vittore ha prodotto una rivolta che si è diffusa man mano in quasi tutti i reparti, fortemente danneggiati da incendi e altri danneggiamenti. Tutto è partito dal terzo raggio, in cui si trovano i detenuti tossicodipendenti, e poi si è estesa ovunque con alcuni detenuti in rivolta saliti sui tetti. La situazione a Opera mi pare più tranquilla nonostante fuori, durante la notte, ci siano state alcune manifestazioni con esplosione di petardi e mortaretti. Su Pavia non so dirle, ma credo che la situazione sia rientrata in quasi tutte le carceri d’Italia.

Cosa si può fare per ridurre la possibilità di contagio e tranquillizzare i detenuti in rivolta?

Nel carcere in questo momento, avendo quasi ovunque assunto misure drastiche di isolamento, non ci sono notizie di contagi e di infezioni da coronavirus. Nell’ultimo decreto sulla giustizia è stato previsto che non ci possano essere colloqui individuali in carcere per limitare al massimo la possibilità che dall’esterno arrivano contagi. A fronte di questo, però, si è data indicazione di aumentare le possibilità di contatto telematico e telefonico per i detenuti con i loro parenti. È evidente che si tratta di una situazione pesante, ma credo che il tema principale, sentiti anche gli slogan che venivano gridati ieri dal tetto di San Vittore, non sia questo: la rivolta, che va condannata, trova terreno fertile in una situazione di tensione alimentata anche dal fatto che siamo di fronte ad una sovrappopolazione che è tornata ad essere esagerata. Quando le carceri italiane ospitano il 140% dei detenuti in più rispetto a quelli che sono i posti letto assegnati, è evidente che c’è un problema che va affrontato. Va affrontato il tema della messa in sicurezza dal punto di vista della tutela della salute dei detenuti e degli operatori che stanno nel carcere, ma c’è anche un problema di qualità che oggi, di fronte a questi provvedimenti che cancellano i permessi e limitano al massimo la possibilità di uscita e di entrata dal carcere, diventa ancora più pesante.

Voi avete fatto delle proposte, ma se ho capito bene il Ministro Bonafede chiude alla possibilità di idee di questo tipo.

Il Ministro Bonafede ha fatto quello che gli abbiamo chiesto ieri: ha costruito una task force per studiare in tempi brevissimi le soluzioni o le risposte da dare subito in questa emergenza. Tra queste ci sono una serie di proposte semplici che possono decongestionare il carcere. Chi era in permesso e aveva la possibilità di lavorare fuori per tornare in carcere tutte le sere, ad esempio, e che ora non può più uscire per andare a lavorare deve essere messo in condizione di uscire e restare a dormire fuori utilizzando l’istituto della messa in prova. L’altra proposta è fare in modo che chi ha poche settimane da scontare per concludere la pena ed ha avuto comportamenti impeccabili sia messo ai domiciliari. In questo momento assecondare richieste di clemenza come l’indulto o l’amnistia sarebbe sbagliato.

Il Manifesto scrive oggi che questi episodi di violenza sono da condannare, ma bisogna stare attenti al pericolo del ritorno ad un carcere in cui si parla solo di isolamento e di ozio nelle celle. C’è questo pericolo a suo avviso?

Sì, e non nasce adesso. In queste settimane e in questi mesi è evidente che il centrodestra e alcuni sindacati dei lavoratori del carcere stanno sostenendo proposte che suggeriscono di tornare indietro, chiudere le celle e superare la sorveglianza dinamica. Far passare tutta la giornata in cella ai detenuti sarebbe un grave passo indietro. E non dimentichiamoci della proposta di qualche mese fa di mettere i comandanti degli agenti di custodia sullo stesso piano dei direttori, dando loro delle possibilità e dei ruoli che avrebbe messo i direttori in una situazione di subalternità dando agli agenti di custodia la possibilità di fare scelte che oggi l’ordinamento non gli riconosce.

Foto dalla pagina Facebook del senatore Franco Mirabelli

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 30/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/11/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 30/11/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/11/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 30/11/2022

    La favola della meritocrazia e il governo delle disuguaglianze. Che cosa rappresentano le idee del ministro Valditara sulla “umiliazione” formativa…

    Pubblica - 30/11/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 30/11/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 30/11/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di mercoledì 30/11/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 30/11/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 30/11/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 30/11/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 30/11/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 30/11/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 30/11/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 30/11/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di martedì 29/11/2022

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest;…

    Avenida Brasil - 30/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 29/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 30/11/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 29/11/2022

    Dal 13 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantaduesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 30/11/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 29/11/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 30/11/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 29/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 30/11/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 29/11/2022

    1-Riscaldamento globale. Alle grandi industrie l’ Unione Europa ha regalato 100 Miliardi di euro in permessi di inquinare. Dal rapporto…

    Esteri - 30/11/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 29/11/2022

    (49 - 240) Dove si scopre che per il ponte sullo stretto ci potrebbe essere il problema uccelli mentre per…

    Muoviti muoviti - 30/11/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 29/11/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 30/11/2022

  • PlayStop

    The Weekly Report di martedì 29/11/2022

    La data italiana dei Blur, la festa mondiale del synth-pop, il ritorno di Morrissey e il ricordo di Wilko Johnson…

    The Weekly Report - 30/11/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 29/11/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 30/11/2022

Adesso in diretta