Approfondimenti

Coronavirus, cosa può insegnarci “La Peste” di Camus? La comprensione

La peste di Albert Camus

In queste settimane di crisi in Italia legata all’epidemia di coronavirus COVID-19, con parte del Paese bloccato nel tentativo di limitare il più possibile la diffusione del virus, i romanzi in cui si parla di epidemie stanno recuperando posizioni nelle classifiche di vendita. Tra questi c’è anche “La Peste” di Albert Camus.

Ambientato nella città algerina di Orano negli anni ’40, “La Peste” di Camus ci racconta cosa accade quando la città viene sconvolta all’improvviso da un’epidemia di peste bubbonica. Cosa può insegnarci l’opera di Camus in questo periodo di emergenza? Claudio Agostoni lo ha chiesto a Yasmina Mélaouah, traduttrice dell’edizione de La Peste edita da Bompiani nel 2017 per il 70esimo anniversario dell’uscita del libro.

Credo che il contagio risvegli davvero l’irrazionale che c’è in tutti e metta in moto l’idea del male che può arrivare come una minaccia e che può colpire non tanto l’uomo, ma la comunità degli uomini. È questo ciò che si ritrova di più nel libro: l’idea di una comunità di uomini che devono mettere da parte la propria felicità individuale per lottare contro contro la minaccia del male. Credo sia questo che risuoni nei lettori che tornano a rileggere l’opera di Camus: ritrovare il senso di una comunità che lotta insieme. I protagonisti del romanzo sono davvero un pugno di uomini che si rimboccano le mani, dimenticano le differenze che si sono tra di loro e cercano di affrontare il male.

Quello che La Peste di Albert Camus può insegnarci, però, è qualcosa di molto semplice: la comprensione.

C’è una parte bellissima nel romanzo in cui il dottor Rieux chiede ad uno dei suoi compagni di lotta “cosa ti ha spinto a fare tutto questo se non credevi più in nulla?“. Lui dà una risposta meravigliosa: “La mia morale: la comprensione“. Io trovo che questa sia una parola cruciale sia per chi torna a leggere La Peste o lo fa per la prima volta, ma anche per noi che guardiamo con un occhio un po’ troppo sprezzante i nostri simili che si sentono vulnerabili. Forse questa comprensione di Camus è anche quella che bisognerebbe adottare per guardare ai propri simili in un momento in cui tutti i parametri e i punti di riferimento sono un po’ saltati e tutti ci sentiamo più vulnerabili.

RIASCOLTA L’INTERVISTA

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 19/01/22

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 19/01/22 delle 07:15

    Metroregione di mer 19/01/22 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 19/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di mer 19/01/22

    Muoviti muoviti di mer 19/01/22

    Muoviti muoviti - 19/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mer 19/01/22

    Di tutto un boh di mer 19/01/22

    Di tutto un boh - 19/01/2022

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 19/01/22

    Si parla con Rachele Lensi, presidente di Earth Firenze Parco Oasi Chico Mendes, della loro associazione e di come per…

    Considera l’armadillo - 19/01/2022

  • PlayStop

    Jack di mer 19/01/22

    Jack di mer 19/01/22

    Jack - 19/01/2022

  • PlayStop

    Giovani scommettitori in dad

    quando le corse all'ippodromo popolare si susseguono infuocate raccogliendo le puntate dei più piccoli. Poi noi torniamo a indagare su…

    Poveri ma belli - 19/01/2022

  • PlayStop

    Vincenzo Costantino Cinaski, I (miei) poeti rock. Incontri tra delirio e realtà

    VINCENZO COSTANTINO CINASKI – I (MIEI) POETI ROCK. INCONTRI TRA DELIRIO E REALTÀ – presentato da CLAUDIO AGOSTONI

    Note dell’autore - 19/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mer 19/01/22 delle 12:48

    Seconda pagina di mer 19/01/22 delle 12:48

    Seconda pagina - 19/01/2022

  • PlayStop

    Cult di mer 19/01/22

    Cult di mer 19/01/22

    - 19/01/2022

  • PlayStop

    Una donna al Quirinale! Si, ma non una qualsiasi. Intervista a Emma Bonino

    Ai microfoni di Radio Popolare Emma Bonino ha parlato della Possibilità di eleggere una donna al Quirinale: "Serve una persona…

    Clip - 19/01/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mer 19/01/22

    Tutto scorre di mer 19/01/22

    Tutto scorre - 19/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di mer 19/01/22

    UNA DONNA AL QUIRINALE! SI, MA NON UNA QUALSIASI con Emma Bonino, Cecilia D'Elia neoeletta deputata del PD, responsabile politiche…

    Prisma - 19/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 19/01/22

    Il demone del tardi - copertina di mer 19/01/22

    Il demone del tardi - 19/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mer 19/01/22 delle 07:49

    Seconda pagina di mer 19/01/22 delle 07:49

    Seconda pagina - 19/01/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 19/01/22

    Rassegna stampa internazionale di mer 19/01/22

    Rassegna stampa internazionale - 19/01/2022

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di mer 19/01/22

    Il Caffè Nero Bollente del mercoledì con musica, sfoglio dei giornali e la serie tv della settimana consigliata da Paolo…

    Caffè Nero Bollente - 19/01/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mer 19/01/22

    La nuova puntata di Hexagone è dedicata al tema dell'attesa... Attendendo la fine della pandemia, l'arrivo della primavera ma soprattutto…

    Hexagone - 19/01/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di mar 18/01/22

    Jailhouse Rock di mar 18/01/22

    Jailhouse Rock - 19/01/2022

Adesso in diretta