Approfondimenti

“Improbabili pagamenti CIG per il 15 aprile” secondo i consulenti del lavoro

tassa patrimoniale

Pasquale Staropoli, della Fondazione Consulenti del Lavoro, vi aspettavate quello che è successo al sito dell’Inps?

Non era inaspettata la difficoltà del sito dell’Inps a sostenere una tale mole di richieste. Non era mai
accaduto che arrivassero tante domande di ammortizzatori sociali contemporaneamente. Dunque, al netto
dell’attacco informatico denunciato dal presidente Tridico, c’è da rilevare l’inadeguatezza di strumenti
che non erano pronti per fronte a questa situazione.

Cosa si sarebbe dovuto fare secondo i consulenti del lavoro?

Io non ho competenze informatiche ma sicuramente sarebbe stata necessaria una suddivisione, come
quella annunciata ora, dividendo gli accessi di professionisti abilitati e quelli dei normali cittadini che
accedono per ottenere il bonus per i lavoratori autonomi. Era in qualche modo necessario prevedere delle
soluzioni per affrontare una molte di accessi assolutamente straordinaria.

E’ verosimile che i primi pagamenti della cassa integrazione arrivino il 15 aprile, come promesso dal
governo?

Il 15 aprile sembra difficile riuscire ad arrivare ai pagamenti. Senza voler addebitare una responsabilità ad
alcuno dei soggetti in campo, però ci sono dei passaggi burocratici che purtroppo sono stati mantenuti
anche dalla disciplina emergenziale e che rendono poco fondata la presunzione di arrivare al 15 aprile ad
erogare i primi pagamenti delle indennità di cassa integrazione e degli altri ammortizzatori.

Servirà l’accordo con l’Abi, associazione delle banche?

E’ tutto da verificare, con tutti i se e i ma del caso, ma questo strumento dell’anticipo da parte delle
banche potrebbe andare nella direzione giusta. E cioè quella che i consulenti del lavoro hanno sempre
chiesto: prevedere strumenti eccezionali coerenti con la situazione di drammatica eccezionalità che stiamo
vivendo.

Qual è il problema?

Il decreto “Cura Italia” ha l’intenzione dichiarata di prevedere delle procedure semplificate per la cassa
integrazione. Ma alla fine, finisce in un imbuto di procedure previste dagli istituti che rimangono quelli
ordinari. Quindi, finalità di emergenza ma mezzi ordinari: il collo di bottiglia è lì.
Noi avevamo proposto, e lo avevamo fatto anche tecnicamente, con un emendamento al decreto legge, un
ammortizzatore unico e uno snellimento assoluto delle procedure. Per esempio, in questa situazione mal si
comprende quale sia la funzione della consultazione sindacale per un datore di lavoro che è costretto a
chiudere l’azienda per decreto del governo.

E’ vero che per la cassa integrazione in deroga la situazione è ancora più complicata?

Sì, e lo stiamo verificando sul campo. C’è un problema di regolamentazioni diverse e un problema di
coordinamento tra queste regolamentazioni regionali. Ne abbiamo 20 diverse e con significativi
scostamenti rispetto alla legge nazionale. Un quadro molto disomogeneo, con requisiti e tempi diversi.
Alcune regioni, poi non hanno ancora attuato le nuove misure, altre non hanno formalizzato gli accordi
territoriali, altre ancora non hanno approntato le strumentazioni tecniche. C’è un grosso problema di
disomogeneità.

Come per le ordinanze regionali e i provvedimenti sanitari, anche sul lavoro c’è un problema di scarso coordinamento tra Stato e Regioni?

E’ un problema non recente che ci trasciniamo dalla riforma dell’articolo 117 della Costituzione, con
quella assegnazione di autonomia alle Regioni, che può avere anche delle ricadute positive ma che in
questa situazione crea problemi. Ad esempio non c’è uno strumento che consenta allo Stato in
determinate situazioni, come quella che stiamo vivendo, di avocare a sé determinate funzioni. Siamo
costretti a combattere con venti regolamentazioni di cassa integrazione diverse, disposizioni sanitarie
diverse e interpretazioni altrettanto diverse. Alla ripresa bisognerà ripensare questo aspetto perché non
basta ripartire, è necessario anche ragionare sul come ripartire.

  • Autore articolo
    Alessandro Principe
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 29/01/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/01/2023

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 29/01/2023

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 29/01/2023

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 29/01/2023

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del…

    Apertura musicale classica - 29/01/2023

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 28/01/2023

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 29/01/2023

  • PlayStop

    Snippet di sabato 28/01/2023

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 29/01/2023

  • PlayStop

    News della notte di sabato 28/01/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/01/2023

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 28/01/2023

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro twitter: @SkepticAfro

    AfroRaffa - 29/01/2023

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 28/01/2023

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 29/01/2023

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 28/01/2023

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 29/01/2023

  • PlayStop

    Stay human di sabato 28/01/2023

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 29/01/2023

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 28/01/2023

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 29/01/2023

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 28/01/2023

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 29/01/2023

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 28/01/2023

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 29/01/2023

  • PlayStop

    Chassis di sabato 28/01/2023

    Con le interviste a Alessio Cremonini sul film “Profeti”, Paolo Genovese su “Il primo giorno della mia vita” e Il…

    Chassis - 28/01/2023

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 28/01/2023

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 29/01/2023

  • PlayStop

    Good Times di sabato 28/01/2023

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 29/01/2023

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 28/01/2023

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 29/01/2023

  • PlayStop

    Itaca di sabato 28/01/2023

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 29/01/2023

  • PlayStop

    Il convoglio

    IL CONVOGLIO è un audio racconto dedicato al Giorno della Memoria di Claudio Jampaglia ed Elisabetta Ruffini, montato e sonorizzato…

    Clip - 29/01/2023

  • PlayStop

    Il convoglio

    IL CONVOGLIO è un audio racconto dedicato al Giorno della Memoria di Claudio Jampaglia ed Elisabetta Ruffini, montato e sonorizzato…

    Clip - 28/01/2023

Adesso in diretta