Approfondimenti

“Combattono Assad, non sono terroristi”

È successo e continua a succedere in molti conflitti in diverse le parti del mondo. Gruppi armati che il nemico (spesso il governo centrale) e gli attori esterni definiscono gruppi terroristici sono invece considerati dalla popolazione locale organizzazioni di liberazione nazionale, che lottano per liberare la popolazione dai soprusi dello stato.

Ovviamente ci sono molte sfumature. Non sempre la popolazione locale condivide la strategia e l’ideologia del gruppo armato. Molte volte non tutti gli attori esterni considerano l’organizzazione armata un’organizzazione terroristica. Non sempre il gruppo in questione lotta esclusivamente per la liberazione della popolazione civile.

In questa vasta gamma di sfumature cade la guerra siriana e il Fronte Al-Nusra, uno dei gruppi più potenti dell’opposizione armata in Siria. Per il regime di Damasco e per la comunità internazionale Al-Nusra è un’organizzazione terroristica. Anche l’occidente, negli ultimi mesi, si è rifiutato di coinvolgerla nei vari tentativi di negoziato e nei diversi esperimenti di cessate il fuoco.

Al-Nusra ha una rigida ideologia islamica. Dopo la scissione dall’ISIS è entrata a far parte della rete internazionale di Al-Qaida, pur rimanendo legata esclusivamente al territorio siriano. Fin dal loro arrivo sul campo di battaglia i miliziani di Al-Nusra si sono sempre distinti rispetto agli altri ribelli siriani. Più forti, più preparati, più organizzati. Anche la gestione dei territori conquistati è sempre stata più efficiente rispetto a quella delle altre milizie.

L’affiliazione ad Al-Qaida però ha sempre impedito qualsiasi tipo di dialogo con Stati Uniti ed Europa, anche se l’organizzazione è stata supportata e finanziata da Turchia e paesi arabi del Golfo in chiave anti-Assad. A maggiore ragione dopo gli attentati attribuiti allo Stato Islamico a Parigi e Bruxelles l’opinione pubblica occidentale ha messo Al-Nusra sullo stesso piano dell’ISIS. In sostanza, per semplificare, anche se a differenza dello Stato Islamico combattono il regime di Assad i miliziani di Al-Nusra sono miliziani “cattivi”.

La prospettiva occidentale, la nostra prospettiva, è piuttosto lineare. E ricalca un meccanismo tradizionale. Se cambiamo prospettiva, però, la definizione di gruppo terroristico non è la definizione più azzeccata.

Al-Nusra è forte soprattutto nel nord-ovest della Siria, nella provincia di Idlib, se si escludono le regioni inglobate dallo Stato Islamico l’unica provincia interamente controllata dall’opposizione. Per questo Idlib è un ottimo punto d’osservazione. “Conosco bene il punto di vista occidentale – ci racconta Nour Hallak, un cittadino di Ariha, nella provincia di Idlib – Al-Nusra è legata ad Al-Qaida quindi è un’organizzazione terroristica con la quale non si può dialogare e che va eliminata. Ma dal nostro punto di vista le cose sono un po’ diverse. L’80% dei miliziani di Al-Nusra proviene dalla Siria. È vero, sono vicini ad al-Qaida, ma nella mia città, per esempio, tra i miliziani di Al-Nusra ci sono anche dei miei vecchi compagni di scuola. Non siamo così diversi”.

Quindi un gruppo molto diverso dallo Stato Islamico. Di fronte ai continui bombardamenti del regime e dell’aviazione russa anche la rigida interpretazione della religione islamica passa in secondo piano. “I siriani non considerano al-Nusra un gruppo terroristico. Ci sono differenze ideologiche – ci spiega ancora Nour Hallak – ma dal nostro punto di vista non sono cattivi, come dite voi in occidente, perché combattono contro il regime. E al momento chi combatte contro il regime è dalla nostra parte. All’inizio della guerra, prima di scoprire la sua vera natura e i suoi veri obiettivi, la gente non aveva problemi nemmeno con l’ISIS. Direi che è più una questione emotiva che non razionale”.

Le parole di Nour Hallak sono identiche a quelle che all’inizio della rivolta siriana pronunciavano molti attivisti laici dell’opposizione. “Per noi la religione non è importante – dicevano – ma Al-Nusra lotta insieme a noi per far cadere il regime., quindi siamo tutti Al-Nusra”. E ancora: “caduto il regime i siriani decideranno che tipo di stato vogliono, una repubblica islamica oppure uno stato laico”.

Ovviamente, come dicevamo prima, ci sono molte sfumature. A Idlib, infatti, ci sono state anche diverse manifestazioni contro Al-Nusra, anche in questo periodo.

Nelle ultime settimane, dall’entrata in vigore del cessate il fuoco dello scorso 27 febbraio, Al-Nusra ha mandato molti miliziani da Idlib ad Aleppo e nella provincia di Latakia. Perché quelle sono le zone dove si sta combattendo di più. Proprio in questi giorni Al-Nusra sta guidando i ribelli contro l’esercito di Damasco a sud di Aleppo, nella zona di Khan Tuman.

Anche ad Aleppo, seppur in un contesto diverso, “Al-Nusra – ci dice una fonte di Radio Popolare dalla zona della città controllata dai ribelli – è piuttosto popolare, proprio per il fattore religioso. Non per tutti ma per alcuni l’islam è un elemento di garanzia. Si fidano di loro”.

Se e quando si arriverà a definire il futuro della Siria la religione islamica sarà un elemento importante, e l’occidente si dovrà sforzare di comprendere una prospettiva diversa dalla sua.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 30/10/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 30/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 30/10/20 delle 07:15

    Metroregione di ven 30/10/20 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 30/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 30/10/20

    Fino alle otto di ven 30/10/20

    Fino alle otto - 30/10/2020

  • PlayStop

    Serve And Volley di ven 30/10/20

    Serve And Volley di ven 30/10/20

    Serve&Volley - 30/10/2020

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 29/10/20

    Rotoclassica di gio 29/10/20

    Rotoclassica - 30/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 29/10/20

    A casa con voi di gio 29/10/20

    A casa con voi - 30/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 29/10/20

    1-Attentato islamista a Nizza. 3 persone uccise nei pressi della cattedrale Notre dame...“ è la Francia che è sotto attacco…

    Esteri - 30/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 29/10/20

    Ora di punta di gio 29/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 30/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 29/10/20

    Uno di Due di gio 29/10/20

    1D2 - 30/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 29/10/20

    Considera l'armadillo gio 29/10/20

    Considera l’armadillo - 30/10/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 29/10/20

    Intervista a Francesco Bianconi a cura di Margherita De Valle

    Jack - 30/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di gio 29/10/20

    Spazio Musica, Rino Gaetano, Marracash, The Who, Nirvana, Billie Eilish, Jamiroquai, The Pogues, Sting, Arctic Monkeys

    Stay human - 30/10/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 29/10/20

    L’ospite di oggi è un grande studioso della contemporaneità, uno dei principali rappresentanti dell’antropologia culturale. E’ il professor Arjun Appadurai…

    Memos - 30/10/2020

  • PlayStop

    Luca Martinelli, L'Italia è bella dentro

    LUCA MARTINELLI - L'ITALIA E' BELLA DENTRO - presentato da CLAUDIO AGOSTONI

    Note dell’autore - 30/10/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 28/10/20

    Jazz Ahead 97 - Playlist: 1. Billete, Aquiles Navarro and Thceser Holmes, Heritage of the Invisible II, International Anthem, 2020..2.…

    Jazz Ahead - 30/10/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 29/10/20

    ira rubini, cult, lionello cerri, anteo spazio cinema, barbara sorrentini, cinema chiusi, daniele tyerzoli, trieste science fiction festival 2020, alexander…

    Cult - 30/10/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 29/10/20

    Rispondiamo alle domande che sono arrivate; cerchiamo di capire perché molte volte l’app immuni e le strutture che sono intorno…

    37 e 2 - 30/10/2020

Adesso in diretta