Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Martedì 29 settembre 2020

Conte Confindustria

Il racconto della giornata di martedì 29 settembre 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia e nel Mondo diffusi oggi all’intervento del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte all’Assemblea di Confindustria e la possibile conclusione del duello col presidente Carlo Bonomi iniziato qualche settimana fa. Un 21enne ha confessato oggi l’omicidio di Eleonora Manta e il suo fidanzato Daniele De Santis. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

Un milione di morti per coronavirus nel mondo. “Un traguardo angosciante”. Così il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha commentato il superamento della soglia psicologica, certificato oggi dall’università Johns Hopkins.

Nel mondo le situazioni in diversi Paesi testimoniano che non è il momento di abbassare la guardia. Da segnalare oggi la Gran Bretagna. Oltre 7mila casi, picco da quattro mesi, e 71 morti. E Israele, dove il lockdown durerà probabilmente ben più di un mese. In Germania il governo tedesco ha ammonito che senza nuove misure restrittive il Paese arriverà entro fine anno a quasi 20mila nuovi contagi al giorno.

In Italia resta stabile l’andamento dell’epidemia. 1.648 i nuovi casi accertati oggi, circa 150 in più, ma emersi da un numero più elevato di tamponi, 90mila, cioè 40mila in più di ieri. 24 i morti. La Regione con più casi è ancora la Campania, 249, seguono Lazio e Lombardia. Stabile anche il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva, 271, 7 in più di ieri.

Il Comitato Tecnico Scientifico oggi ha dato il via libera all’uso dei test rapidi nelle scuole. Si tratta di tamponi antigenici salivari che erano già in uso negli aeroporti. Verranno usati solo a fini di screening, ha detto il CTS, e consentiranno di sapere in 20 minuti se una persona è positiva al COVID-19.
Intanto, su esempio di altre città italiane, anche Bologna ha imposto l’uso delle mascherine all’aperto. Da venerdì saranno obbligatorie nel centro storico, ma solo durante il weekend.
Di fronte a questo quadro il Ministro della Salute Speranza oggi ha fatto un annuncio che potrà avere importanti sviluppi futuri. “È il momento di una coraggiosa riforma del sistema sanitario nazionale”. Un piano in 5 punti che parta dalla medicina del territorio. “Per superare i problemi strutturali evidenziati dalla pandemia”.

La relazione di Conte all’Assemblea di Confindustria

(di Anna Bredice)

La sfida che abbiamo davanti dobbiamo vincerla tutti insieme“. Giuseppe Conte conclude con queste parole la sua relazione all’assemblea di Confindustria, il cui presidente appare molto contento della posizione del governo, “c’è stata un’apertura molto forte che non avevamo registrato finora“, dice Bonomi. Una situazione diversa rispetto ai mesi della pandemia, probabilmente l’esito delle regionali e la bilancia che pende di più dalla parte del PD, fa apparire Conte meno ostile e soprattutto meno legato a provvedimenti che Confindustria non ha mai digerito, a cominciare dal reddito di cittadinanza e dalle forme di sostegno distribuite in tutto il periodo della pandemia che nella mente di Confindustria sono probabilmente più farina dei Cinque stelle che degli altri alleati. Quindi Conte oggi ha ribadito una posizione che aveva espresso in questi giorni, rivedere il reddito di cittadinanza a cui si lega il destino anche di Tridico, se Bonomi gli ha lanciato una battuta un po’ pesante, sugli stipendi aumentati mentre non arriva la cassa integrazione agli operai, Conte non è stato da meno, quando poco prima aveva chiesto al presidente dell’Inps di lavorare giorno e notte per pagare gli ammortizzatori ai lavoratori. Ma è sul Recovery Plan che si gioca quell’appello a lavorare uniti lanciato da Conte, il quale vede una struttura ad hoc per definire e scrivere le linee guida del piano da presentare nelle prossime settimane. Le scadenze sono vicine, domani ci sarà il consiglio dei ministri per approvare la nota di aggiornamento del Def, il perimetro entro cui si scriverà la prossima finanziaria. Conte è ottimista sulle stime del Pil, ma da come sarà la nota di aggiornamento si capirà anche su quali risorse si vuole puntare, se ci sarà anche il fondo salva stati e se nella prossima finanziaria rientrerà anche la riforma del fisco che ora per i Cinque stelle rappresenta una priorità.

Si è concluso il duello tra Giuseppe Conte e Carlo Bonomi?

(di Michele Migone)

Carlo Bonomi e Giuseppe Conte non riescono a capirsi, ma alla fine potrebbero intendersi. Sembra un gioco di parole, ma in realtà potrebbe essere la sintesi politica dell’Assemblea annuale di Confindustria. Il presidente degli imprenditori e quello del consiglio hanno messo in scena un duello che è finito senza spargimento di sangue. Le posizioni sono distanti, gli imprenditori non amano questo esecutivo, soprattutto hanno avversione per i ministri grillini (i quali ricambiano), ma alla fine Bonomi e Conte hanno dato l’impressione di volersi ascoltare. Soprattutto il capo del governo, il quale ha capito quanto possa essere strategico per il suo destino politico un buon rapporto con gli industriali. Carlo Bonomi ha giocato la sua parte. Da quando è presidente, muove Confindustria come se fosse un partito, con un proprio programma e, in questo momento, con un obiettivo prioritario: avere a disposizione delle imprese i miliardi del Ricovery Fund. Dietro le accuse alla politica di non avere una visione strategica, e al governo di aver ridotto l’Italia a un Sussidistan, una terra di sussidi; dietro gli attacchi a provvedimenti come il Reddito di Cittadinanza, alla fine c’è questo: la volontà di ottenere una grossa fetta della torta europea. Perché, ha detto Bonomi a Conte, se si sbaglia con il Recovery Fund, non va a casa solo lei, ma andiamo tutti a casa. Il presidente di Confindustria ha proposto un patto a Conte e il Presidente del Consiglio non gli ha detto di no. Anzi. Ma lo ha fatto con quel suo tipico linguaggio per cui tutti hanno compreso che, in cambio di una tregua duratura, darà agli industriali qualche cosa di ciò che chiedono, ma senza spiegare quanto e cosa. In perfetto stile Conte. Sembra comunque l’inizio di un dialogo.

Lecce, arrestato l’assassino di Eleonora Manta e Daniele De Santis

Una violenza efferata, con colpi continui inferti malgrado le invocazioni delle due vittime, è descritta nel provvedimento di fermo a carico dello studente 21enne Antonio De Marco, che ha confessato l’omicidio di Daniele De Santis e della sua fidanzata Eleonora Manta. Il movente forse una vendetta: per almeno due mesi lui e la ragazza erano stati coinquilini, ma la convivenza non sarebbe stata facile e il contratto non era stato rinnovato. “So di aver sbagliato. Li ho uccisi perché erano troppi felici”: con queste parole il giovane avrebbe motivato agli investigatori l’assassinio della coppia. Secondo il procuratore l’omicidio era stato pianificato nei minimi dettagli, come dimostrano anche alcuni bigliettini in cui erano descritte tutte le fasi del delitto.

Come si dovrebbe cambiare il Reddito di Cittadinanza?

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha parlato ieri della necessità di una revisione del Reddito di Cittadinanza e si è subito aperto il dibattito, in particolare all’interno del Movimento 5 Stelle, che ha sempre sostenuto e promosso la misura, sugli interventi da mettere in atto.
Ne abbiamo parlato oggi con l’economista Cristiano Gori, professore ordinario di scienze politiche e sociali presso l’Università di Trento e ideatore dell’Alleanza contro la Povertà in Italia. [CLICCA PER LEGGERE L’INTERVISTA]

Cpr di Milano, la riapertura è una sconfitta

(di Luigi Ambrosio)

La riapertura del cpr di Milano è una sconfitta. Cpr sta per centro di permanenza per il rimpatrio. In pratica, il solito vecchio carcere per stranieri in attesa di espulsione. Un carcere dove si entra senza avere commesso reati, dove si è condannati senza processo.
Il Cpr è una vergogna e nessuno stato civile dovrebbe pensare ad affrontare così il tema delle espulsioni degli stranieri. In Italia fu la sinistra a istituirli, anche se avevano un altro nome, e la firma della legge era di due nomi importanti della sinistra, uno importantissimo: Livia Turco e Giorgio Napolitano. [CONTINUA A LEGGERE]

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 18/05/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 18/05/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 18/05/21 delle 19:48

    Metroregione di mar 18/05/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 18/05/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News Della Notte di mar 18/05/21

    News Della Notte di mar 18/05/21

    News della notte - 18/05/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 18/05/21

    A casa con voi di mar 18/05/21

    A casa con voi - 18/05/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 18/05/21

    Ora di punta di mar 18/05/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 18/05/2021

  • PlayStop

    Esteri di mar 18/05/21

    1. Striscia di Gaza. Per la prima volta Joe Biden chiede il cessate al fuoco che potrebbe arrivare nelle prossime…

    Esteri - 18/05/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mar 18/05/21

    Sunday Blues di mar 18/05/21

    Sunday Blues - 18/05/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mar 18/05/21

    Uno di Due di mar 18/05/21

    1D2 - 18/05/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 18/05/21

    Considera l'armadillo mar 18/05/21

    Considera l’armadillo - 18/05/2021

  • PlayStop

    Jack di mar 18/05/21

    Ospiti della puntata Giulia Cavaliere per un ricordo di Franco Battiato e i Selton intervistati da Claudio Agostoni

    Jack - 18/05/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mar 18/05/21

    Stay Human di mar 18/05/21

    Stay human - 18/05/2021

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia: Nando dalla Chiesa

    Decimo e ultimo incontro del quinto ciclo di “Lezioni di antimafia” ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e coordinato…

    Memos - 18/05/2021

  • PlayStop

    Daniele Cassandro, Avanti popolo

    DANIELE CASSANDRO - AVANTI POPOLO - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 18/05/2021

  • PlayStop

    Cult di mar 18/05/21

    ira rubini, cult, franco battiato, claudio ricordi, telesio, claudio agostoni, fabio genovesi, il calamaro gigante, feltrinelli live, giornata internazionale dei…

    Cult - 18/05/2021

  • PlayStop

    A come America del mar 18/05/21

    A come America del mar 18/05/21

    A come America - 18/05/2021

  • PlayStop

    Prisma di mar 18/05/21

    Una puntata tutta dedicata a Franco Battiato, scomparso stamattina. Lo ha ricordato per noi il suo amico Enzo Gentile, giornalista,…

    Prisma - 18/05/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 18/05/21

    Rassegna stampa internazionale di mar 18/05/21

    Rassegna stampa internazionale - 18/05/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 18/05/21

    Il demone del tardi - copertina di mar 18/05/21

    Il demone del tardi - 18/05/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 18/05/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola. La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 18 maggio 1974, nell'ambito del…

    Fino alle otto - 18/05/2021

Adesso in diretta