Approfondimenti

Come si deve cambiare il Reddito di Cittadinanza? Parla l’economista Cristiano Gori

Reddito Di Cittadinanza

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha parlato ieri della necessità di una revisione del Reddito di Cittadinanza e si è subito aperto il dibattito, in particolare all’interno del Movimento 5 Stelle, che ha sempre sostenuto e promosso la misura, sugli interventi da mettere in atto.

Ne abbiamo parlato oggi con l’economista Cristiano Gori, professore ordinario di scienze politiche e sociali presso l’Università di Trento e ideatore dell’Alleanza contro la Povertà in Italia.

L’intervista di Sara Milanese a Fino Alle Otto.

Quali aspetti del reddito di cittadinanza andrebbero valorizzati e quali modificati?

Bisogna fare un passo indietro per capire la polemica di questi giorni. C’è stato un errore nel modo in cui il Movimento 5 Stelle ha presentato questa misure. Le misure contro la povertà hanno come primo obiettivo di assicurare alle persone uno standard di vita decente, dargli il minimo per campare. A questo servono. Si chiamano politiche contro la povertà, non politiche per il lavoro. Se poi a qualcuno si riesce a dare anche un lavoro, bene, ma non è questo il primo obiettivo. L’errore alla fonte di questo dibattito è che il Movimento 5 Stelle ha venduto all’opinione pubblica una misura contro la povertà come una misura che aveva l’obiettivo di dare a tutti un lavoro. Questo ha creato delle aspettative irreali sulla possibilità di trovare lavoro attraverso il reddito di cittadinanza e adesso c’è questo effetto boomerang. Questo secondo me va chiarito, perchè adesso diremo che ci sono tante cose da migliorare, però pensiamo se per quei 3 milioni di persone non ci fosse stato il reddito di cittadinanza durante la pandemia.

Questo è in linea con quanto sostiene il Movimento 5 Stelle. Sicuramente il reddito di cittadinanza va migliorato.

Assolutamente. Il reddito di cittadinanza ha avuto il pregio di mettere finalmente una qualità di spesa pubblica contro la povertà in Italia, però una serie di errori di disegno e sicuramente va migliorata. Le direzioni sono già tracciate. La prima cosa da fare è separare l’obiettivo di trovare lavoro dall’obiettivo di combattere la povertà, ridurre il ruolo di questo intervento nella lotta alla povertà. La lotta alla povertà è prima di tutto una misura per la sopravvivenza, l’inclusione sociale, i problemi della casa e di relazioni. Poi si cerca anche di dare lavoro a chi si riesce, ma l’obiettivo non è questo. Si possono anche fare tutte le politiche di inserimento che si vuole, ma se il lavoro non c’è non è il reddito di cittadinanza a crearlo.

Come può essere modificato il reddito di cittadinanza per venire incontro a questa linea?

Oggi il reddito di cittadinanza ha una divisione di responsabilità tra i comuni e i centri per l’impiego che rende la misura molto difficile da governare. Una misura di politiche sociali, e non del lavoro, deve essere responsabilità innanzitutto dei Comuni. Bisogna dare un ruolo centrale ai Comuni, che poi collaboreranno anche coi centri per l’impiego.

E questo aiuterebbe anche ad avere un controllo, che è una delle polemiche mosse contro questa misura.

Sì, questo aiuterebbe ad avere un controllo, ma la questione dei controlli va migliorata perché il reddito di cittadinanza è stato introdotto molto velocemente all’inizio del 2019 prima delle elezioni europee e tutti all’epoca segnalavano le difficoltà di introdurre una misura così enorme senza approfondire tutti gli aspetti tecnici. E se introduci una misura così importante così velocemente senza aver dettagliato tutto, una delle conseguenze inevitabili è che rischi di avere un numero di frodi non indifferente.
Però sulle frodi e sui falsi poveri vorrei dire una cosa. Il governo, il Ministero del Lavoro e l’INPS hanno moltissimi dati sul reddito di cittadinanza, ma non li rendono pubblici. Questo impedisce il controllo democratico, che è un punto fondamentale. Bisogna dare all’opinione pubblica le informazioni per poter giudicare l’operato di chi è al potere, perché attualmente sulla questione delle frodi ognuno dice la sua sulla base dei singoli casi, ma non ci sono informazioni che permettono di esprimere un’opinione vagamente fondata.

Come affrontiamo oggi le nuove povertà che si stanno affacciando nella società italiana?

Purtroppo la soluzione è tanto nota quanto difficile. Andiamo verso una società che non solo ha un numero elevato di poveri, ma anche un numero sempre più elevato di persone che rischiano di cadere in povertà. E un domani combattere la povertà sarà sempre più difficile. Bisogna quindi lavorare sempre di più sulle politiche per prevenirla. Non è un caso che in Italia, che ha deboli politiche a sostegno delle famiglie con figli, la povertà sia estremamente diffusa in questo gruppo sociale. Diventerà, ad esempio, sempre più importante sviluppare i contributi economici e pacchetti di sostegni tali che il fatto di avere due figli non ti mandi in povertà.
La sfida di domani è sempre più non solo combattere la povertà, ma combattere anche l’insorgere della povertà e agire alla base per prevenirla.

(Potete ascoltare l’intervista a partire dal minuto 44)

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 29/10/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 29/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 29/10/20 delle 07:14

    Metroregione di gio 29/10/20 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 29/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 29/10/20

    Rispondiamo alle domande che sono arrivate; cerchiamo di capire perché molte volte l’app immuni e le strutture che sono intorno…

    37 e 2 - 29/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 29/10/20

    Prisma di gio 29/10/20

    Prisma - 29/10/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 29/10/20

    Rassegna stampa internazionale di gio 29/10/20

    Rassegna stampa internazionale - 29/10/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 29/10/20

    Il demone del tardi - copertina di gio 29/10/20

    Il demone del tardi - 29/10/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 29/10/20

    Fino alle otto di gio 29/10/20

    Fino alle otto - 29/10/2020

  • PlayStop

    Funk shui di gio 29/10/20

    Funk shui di gio 29/10/20

    Funk shui - 29/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 28/10/20

    A casa con voi di mer 28/10/20

    A casa con voi - 29/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di mer 28/10/20

    1- Votare negli Stati Uniti non è un diritto garantito per ..tutti. L’odissea degli elettori da New York al Wisconsin.…

    Esteri - 29/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 28/10/20

    Ora di punta di mer 28/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 29/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 28/10/20

    Uno di Due di mer 28/10/20

    1D2 - 29/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 28/10/20

    Considera l'armadillo mer 28/10/20

    Considera l’armadillo - 29/10/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 28/10/20

    Jack di mer 28/10/20

    Jack - 29/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mer 28/10/20

    Stay Human di mer 28/10/20

    Stay human - 29/10/2020

  • PlayStop

    psicoradio di mar 27/10/20

    La puntata della settimana è dedicata a questa seconda ondata di Covid-19. Ci siamo domandati se e come i Dipartimenti…

    Psicoradio - 29/10/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 28/10/20

    Lo spettro del debito pubblico italiano non si aggira più per l’Europa. Perchè l’agenzia americana di valutazione Standard&Poor’s, qualche giorno…

    Memos - 29/10/2020

Adesso in diretta