Approfondimenti

Come si deve cambiare il Reddito di Cittadinanza? Parla l’economista Cristiano Gori

reddito di cittadinanza

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha parlato ieri della necessità di una revisione del Reddito di Cittadinanza e si è subito aperto il dibattito, in particolare all’interno del Movimento 5 Stelle, che ha sempre sostenuto e promosso la misura, sugli interventi da mettere in atto.

Ne abbiamo parlato oggi con l’economista Cristiano Gori, professore ordinario di scienze politiche e sociali presso l’Università di Trento e ideatore dell’Alleanza contro la Povertà in Italia.

L’intervista di Sara Milanese a Fino Alle Otto.

Quali aspetti del reddito di cittadinanza andrebbero valorizzati e quali modificati?

Bisogna fare un passo indietro per capire la polemica di questi giorni. C’è stato un errore nel modo in cui il Movimento 5 Stelle ha presentato questa misure. Le misure contro la povertà hanno come primo obiettivo di assicurare alle persone uno standard di vita decente, dargli il minimo per campare. A questo servono. Si chiamano politiche contro la povertà, non politiche per il lavoro. Se poi a qualcuno si riesce a dare anche un lavoro, bene, ma non è questo il primo obiettivo. L’errore alla fonte di questo dibattito è che il Movimento 5 Stelle ha venduto all’opinione pubblica una misura contro la povertà come una misura che aveva l’obiettivo di dare a tutti un lavoro. Questo ha creato delle aspettative irreali sulla possibilità di trovare lavoro attraverso il reddito di cittadinanza e adesso c’è questo effetto boomerang. Questo secondo me va chiarito, perchè adesso diremo che ci sono tante cose da migliorare, però pensiamo se per quei 3 milioni di persone non ci fosse stato il reddito di cittadinanza durante la pandemia.

Questo è in linea con quanto sostiene il Movimento 5 Stelle. Sicuramente il reddito di cittadinanza va migliorato.

Assolutamente. Il reddito di cittadinanza ha avuto il pregio di mettere finalmente una qualità di spesa pubblica contro la povertà in Italia, però una serie di errori di disegno e sicuramente va migliorata. Le direzioni sono già tracciate. La prima cosa da fare è separare l’obiettivo di trovare lavoro dall’obiettivo di combattere la povertà, ridurre il ruolo di questo intervento nella lotta alla povertà. La lotta alla povertà è prima di tutto una misura per la sopravvivenza, l’inclusione sociale, i problemi della casa e di relazioni. Poi si cerca anche di dare lavoro a chi si riesce, ma l’obiettivo non è questo. Si possono anche fare tutte le politiche di inserimento che si vuole, ma se il lavoro non c’è non è il reddito di cittadinanza a crearlo.

Come può essere modificato il reddito di cittadinanza per venire incontro a questa linea?

Oggi il reddito di cittadinanza ha una divisione di responsabilità tra i comuni e i centri per l’impiego che rende la misura molto difficile da governare. Una misura di politiche sociali, e non del lavoro, deve essere responsabilità innanzitutto dei Comuni. Bisogna dare un ruolo centrale ai Comuni, che poi collaboreranno anche coi centri per l’impiego.

E questo aiuterebbe anche ad avere un controllo, che è una delle polemiche mosse contro questa misura.

Sì, questo aiuterebbe ad avere un controllo, ma la questione dei controlli va migliorata perché il reddito di cittadinanza è stato introdotto molto velocemente all’inizio del 2019 prima delle elezioni europee e tutti all’epoca segnalavano le difficoltà di introdurre una misura così enorme senza approfondire tutti gli aspetti tecnici. E se introduci una misura così importante così velocemente senza aver dettagliato tutto, una delle conseguenze inevitabili è che rischi di avere un numero di frodi non indifferente.
Però sulle frodi e sui falsi poveri vorrei dire una cosa. Il governo, il Ministero del Lavoro e l’INPS hanno moltissimi dati sul reddito di cittadinanza, ma non li rendono pubblici. Questo impedisce il controllo democratico, che è un punto fondamentale. Bisogna dare all’opinione pubblica le informazioni per poter giudicare l’operato di chi è al potere, perché attualmente sulla questione delle frodi ognuno dice la sua sulla base dei singoli casi, ma non ci sono informazioni che permettono di esprimere un’opinione vagamente fondata.

Come affrontiamo oggi le nuove povertà che si stanno affacciando nella società italiana?

Purtroppo la soluzione è tanto nota quanto difficile. Andiamo verso una società che non solo ha un numero elevato di poveri, ma anche un numero sempre più elevato di persone che rischiano di cadere in povertà. E un domani combattere la povertà sarà sempre più difficile. Bisogna quindi lavorare sempre di più sulle politiche per prevenirla. Non è un caso che in Italia, che ha deboli politiche a sostegno delle famiglie con figli, la povertà sia estremamente diffusa in questo gruppo sociale. Diventerà, ad esempio, sempre più importante sviluppare i contributi economici e pacchetti di sostegni tali che il fatto di avere due figli non ti mandi in povertà.
La sfida di domani è sempre più non solo combattere la povertà, ma combattere anche l’insorgere della povertà e agire alla base per prevenirla.

(Potete ascoltare l’intervista a partire dal minuto 44)

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 19/08/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 19/08/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 19/08/2022 delle 15:36

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Puntata 5 - The River/Dove avevano abitato

    B. Springsteen, The Promised Land, The River, Downbound Train (Kurt Vile) E. Morricone, The Mission, Colonna sonora

    American Life - 19/08/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 19/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 19/08/2022

  • PlayStop

    Not an ordinary Joe di venerdì 19/08/2022

    Il 21 agosto di quest’anno Joe Strummer avrebbe compiuto 70 anni. Ma se n’è andato di colpo il dicembre di…

    Not an ordinary Joe - 19/08/2022

  • PlayStop

    La Scatola Magica di venerdì 19/08/2022

    La scatola magica? una radio? una testa? un cuore? un baule? questo e altro, un'ora di raccolta di pensieri, parole,…

    La Scatola Magica - 19/08/2022

  • PlayStop

    Radiosveglia di venerdì 19/08/2022

    Radiosveglia è il nostro “contenitore” per l’informazione dei mattini d’estate. Dalle 7.45 alle 10, i fatti del giorno, (interviste, commenti,…

    Radiosveglia - 19/08/2022

  • PlayStop

    Caffè Shakerato di venerdì 19/08/2022

    In agosto il caffè del mattino si raffredda con un risveglio musicale e con il primissimo sfoglio dei quotidiani ancora…

    Caffè Shakerato - 19/08/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 18/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 21:00

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 18/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 19/08/2022

  • PlayStop

    La Portiera di giovedì 18/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 19/08/2022

  • PlayStop

    Democrazia, maneggiare con cura. Una difesa preventiva di valori e principi fondamentali

    Ospiti di Lele Liguori: Ota De Leonardis, sociologa, ha insegnato all’Università Bicocca, fa parte del comitato scientifico del Centro per…

    All you need is pop 2022 - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack meets - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: The Zen Circus

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci ospita gli The Zen Circus

    Jack meets - 18/08/2022

Adesso in diretta