Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Lunedì 21 dicembre 2020

Angela Merkel Europa

Il racconto della giornata di lunedì 21 dicembre 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia ai sei obiettivi e progetti del Recovery Plan presentati oggi dal premier Conte al Movimento 5 Stelle e Partito Democratico in attesa del confronto di domani con Italia Viva e LeU. Si sono svolti oggi i funerali di Nedo Fiano, uno degli ultimi sopravvissuti alla Shoah. L’UE sta valutando una posizione comune sulla variante del COVID che ha provocato l’isolamento della Gran Bretagna. In Turchia l’ex deputata curda Leyla Güven condannata a 22 anni e 3 mesi di carcere per “appartenenza a un gruppo terroristico”, il Partito dei Lavoratori del Kurdistan. In India, intanto, le proteste dei contadini proseguono ormai da tre settimane alle porte di New Dehli. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

dati covid 21 dicembre 2020

I sei obiettivi e progetti del Recovery Plan

(di Anna Bredice)

Sei progetti, sei obiettivi del Recovery Plan che oggi sono stati al centro dell’incontro con il Movimento 5 Stelle, ora è la volta del Partito Democratico e domani di Italia Viva e LeU, ma alla fine del primo confronto i toni sembrano essere cambiati, sono meno minacciosi, si è parlato di cose più concrete. Conte ha assicurato che questa è solo la prima parte del piano, dopo dovranno essere i ministri a dire la loro e per ultimo il Parlamento a pronunciarsi. Si è parlato dei progetti del Recovery Plan e soprattutto, fanno sapere, “sono state parzialmente redistribuite delle risorse”. Una frase che rivela che si stanno facendo dei passi verso le richieste dei ministri, non tanto nella governance, nella famosa cabina di regia, perché quella discussione verrà dopo, in una seconda fase, quanto negli investimenti e nella distribuzione del denaro nei vari settori, “il 60 per cento delle risorse sarà dedicato alla transizione verde e digitale, ha detto Conte, il 40 per cento alla scuola, istruzione, parità di genere e salute”. Sono i primi obiettivi, ma oggi ha proseguito il presidente del Consiglio incontrando i Cinque stelle, “non si chiude nulla, nello stesso tempo però non possiamo permetterci ritardi”, ha concluso. Il recovery plan si era sostanzialmente fermato agli inizi di dicembre, con la polemica sulla cabina di regia e la minaccia dei veti in Europa, ma ora non ci sono scuse e Conte deve procedere, riportando in questo modo la discussione sulla possibile crisi di governo alla concretezza, togliendo in sostanza un alibi a Renzi. E in effetti i toni di Italia viva sono cambiati. Ettore Rosato poco fa ha detto che “qualcosa è cambiato, le riunioni convocate da Conte sono un fatto positivo”, domani ci sarà il confronto con i renziani e forse dopo potrebbe esserci una riunione collegiale di tutto il governo prima di Natale.

La memoria ha un senso se è proiettata nel futuro

(di Luigi Ambrosio)

La memoria ha un senso se è proiettata nel futuro. Al funerale di Nedo Fiano, uno degli ultimi sopravvissuti alla Shoah, c’erano il dolore dei familiari e degli amici e la commozione di tutti i presenti.
C’erano pochi politici. C’erano le associazioni degli ex deportati e dei partigiani. C’era la storia tragica del ‘900. E c’era la domanda fondamentale: chi raccoglierà l’eredità?
Il rabbino capo della comunità ebraica di Milano, Alfonso Arbib, ha detto: “Nedo Fiano credeva nella memoria come progetto fondamentale, quasi religioso. Il dovere di ricordare per fare del bene al prossimo”.
La Shoah veniva narrata da Nedo Fiano con una forza che gli derivava dalla consapevolezza che trasmettere la memoria fosse l’unico strumento per impedire che potesse accadere ancora. Magari altrove. Magari ad altri.
Stringo forte Liliana Segre e gli altri ancora vivi che hanno vinto e i loro nemici hanno perso” ha detto il figlio Emanuele. “E ora ci passano il testimone”.
Il passato e il futuro intrecciati. Accade probabilmente a tutti i funerali. Al funerale di Nedo Fiano era un intreccio cruciale.
Chi raccoglierà quel testimone? E avrà la stessa forza di Nedo Fiano? Erano le domande.
Ognuno di noi sa che esistono la libertà e anche il suo contrario” è stato detto.
È questa consapevolezza che deve essere ereditata.

Variante inglese del COVID. Cosa deciderà l’UE?

La nuova variante del Covid sta provocando l’isolamento della Gran Bretagna. Decine di paesi in tutto il mondo hanno bloccato ogni tipo di collegamento con Londra. Il governo Johnson sta cercando di rassicurare i cittadini britannici e le imprese, ma la situazione è molto delicata. A Bruxelles si sta valutando una posizione europea comune.
La nostra corrispondente Maria Maggiore:


 

Turchia, l’ex deputata curda Leyla Güven condannata a 22 anni di carcere

(di Serena Tarabini)

Il percorso della deputata Leyla Güven rappresenta in maniera esemplare lo schema in cui possono venire ingabbiati il leader politici dell’opposizione curda molto esposti e carismatici come lei. Quando venne eletta come parlamentare nel giugno del 2018 nelle fila dell’HDP, il Partito Democratico dei Popoli, di ispirazione libertaria e filocurdo, l’avvocatessa si trovava già in carcere.
Era una delle 500 persone che vennero arrestate per aver apertamente criticato l’operazione militare turca nel Nord della Siria denominata “Ramoscello d’Ulivo” che comportò l’espulsione delle formazioni curdo siriane YPG dalla zona di Afrin e l’ingresso dell’esercito turco e delle milizie filo-islamiche ad esso affiliate. [CONTINUA A LEGGERE]

India, il freddo non ferma le proteste dei contadini

(di Emanuele Valenti)

Nemmeno il freddo ha fermato la protesta dei contadini indiani, che da almeno tre settimane manifestano alle porte di New Dehli. La periferia della capitale indiana è in buona parte occupata da decine di migliaia di piccoli agricoltori, che chiedono al governo di ritirare la riforma del settore agricolo approvata lo scorso settembre. La grossa perturbazione che sta passando su tutto il nord indiano, con temperature piuttosto rigide, non li ha fatti retrocedere. Oggi alcuni hanno anche cominciato un altro sciopero della fame. Ne avevano già fatti altri in passato.
Il primo ministro, Narendra Modi, si trova probabilmente di fronte all’ostacolo più difficile da superare da quando è arrivato al governo, quasi sei anni fa. E finora le proteste e le contestazioni non erano mancate, anche negli ultimi tempi. Basta citare la questione del Kashmir, con la revoca dell’autonomia dell’unico stato a maggioranza musulmana di tutta l’India, oppure la legge sulla cittadinanza, che discrimina i musulmani provenienti da altri paesi.
Anzi, proprio questi due esempi sono utili per capire quanto il governo indiano consideri pericolosa e delicata la mobilitazione degli agricoltori.
In quelle due occasioni, come altre volte in passato, Modi era riuscito ad avere la meglio sulle proteste non solo con la repressione e l’intervento delle forze di sicurezza, della polizia, ma puntando anche sulla carta del nazionalismo, centrale in tutto il suo discorso politico.
Chi metteva in dubbio la bontà della stretta in Kashmir oppure della nuova legge sulla cittadinanza non era un vero indiano, era un nemico della nazione indiana. E alla fine ha avuto la meglio, l’opposizione ha dovuto fare un passo indietro.
Questa volta però le cose stanno diversamente. E il governo non può usare la carta del nazionalismo, perché i contadini indiani rappresentano, anche solo simbolicamente, una parte importante della società indiana, visto che la metà della popolazione vive di agricoltura o comunque è legata direttamente o indirettamente al settore agrario.
Non stupisce quindi che l’esecutivo Modi abbia avanzato ieri l’ennesima richiesta di negoziato ai sindacati degli agricoltori. Ci sono già state delle trattative, cinque volte dallo scorso settembre, ma finora senza alcun risultato. I sindacati chiedono la cancellazione delle nuove leggi, il governo propone solo delle modifiche.
Il punto d’incontro potrebbe essere a metà strada. Entrambe le parti dovranno cedere qualcosa, ma la cosa interessante, in questo momento, è la lettura politica: la protesta degli agricoltori sembra dimostrare molto chiaramente i limiti del discorso nazionalista di Narendra Modi.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 02/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/02/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 02/07/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 07/02/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 02/07/2022

    25° “Voci per la libertà - Una canzone per Amnesty”; Biennale Teatro; Tiziana Ricci e l’arte; ; i consigli di…

    Good Times - 07/02/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 02/07/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Alberto Guariso e Gianfranco Schiavone

    Nono e ultimo incontro di “Lezioni di antimafia”. Gli ospiti sono Alberto Guariso, avvocato ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) e…

    Lezioni di antimafia - 01/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

Adesso in diretta