Approfondimenti

Turchia, l’ex deputata curda Leyla Güven condannata a 22 anni di carcere

Leyla Güven

Il percorso della deputata Leyla Güven rappresenta in maniera esemplare lo schema in cui possono venire ingabbiati il leader politici dell’opposizione curda molto esposti e carismatici come lei. Quando venne eletta come parlamentare nel giugno del 2018 nelle fila dell’HDP, il Partito Democratico dei Popoli, di ispirazione libertaria e filocurdo, l’avvocatessa si trovava già in carcere.

Era una delle 500 persone che vennero arrestate per aver apertamente criticato l’operazione militare turca nel Nord della Siria denominata “Ramoscello d’Ulivo” che comportò l’espulsione delle formazioni curdo siriane YPG dalla zona di Afrin e l’ingresso dell’esercito turco e delle milizie filo-islamiche ad esso affiliate.

L’aver definito l’operazione una “invasione” costò a Leyla Güven la carcerazione di un anno, non interrotta nemmeno quando venne eletta in parlamento e godeva quindi dell’immunità parlamentare.

Leyla Güven fu infatti liberata solo nel gennaio del 2019, in precarie condizioni di salute in quanto da tre mesi stava conducendo uno sciopero della fame contro l’isolamento del leader curdo Abudullah Ocalan, in carcere di massima sicurezza dal giorno del suo arresto avvenuto nel 1999. Più di 200 giorni senza cibo, assieme allo sciopero di altre migliaia di carcerati fecero ottenere che il fondatore del PKK, la formazione combattente curda classificata come terroristica dalla Turchia e dell’Unione Europea, potesse ricevere la vista del suo avvocato e del fratello.

La carriera politica di Leyla Güven era cominciata nei primi anni novanta, dopo aver divorziato da un marito sposato forzatamente quando aveva 16 anni e da cui aveva avuto una figlia a 17. Con due figli da crescere, diventò membro direttivo del partito democratico curdo che successivamente venne dichiarato illegale per i suoi presunti legami con il PKK. In carcere c’era già stata in precedenza: per 4 anni, dal 2010 al 2014, quando ricopriva l’incarico di sindaco di una piccola città del sud est a maggioranza curda, in seguito all’ennesimo giro di vite ai danni delle formazioni politiche curde.

L’appartenenza al PKK, la propaganda terroristica, la partecipazione a proteste illegali, la minaccia all’ordine dello stato fanno parte del serbatoio classico di accuse con cui decine e decine politici curdi si trovano dietro le sbarre in Turchia, spesso per effetto di processi definiti farsa da organizzazioni come Amnesty International, o spesso ancora in attesa di processo. In cima alla lista si trovano il segretario e la segretaria del partito democratico dei popoli, Selahattin Demirtaş e Figuen Yusekdağ, arrestati nel 2016, seguiti da altri deputati, membri di partito, segretari di sezione, sindaci, eletti democraticamente nel 2018, destituiti e sostituiti da commissari governativi.

La revoca dell’immunità parlamentare a lei ed altri due deputati decisa a giugno lasciava presagire questa condanna. Dall’apparato giudiziario turco quindi arriva l’ennesima decisione che fa gelare il sangue. Solo pochi giorni fa aveva gettato nello sconforto tutta la società civile turca impegnata nella difesa dei diritti umani la conferma della detenzione di un altro attivista amatissimo e popolare: Osman Kavala, intellettuale e filantropo, prigioniero da 1.150 giorni ed ancora in attesa di giudizio.

  • Autore articolo
    Serena Tarabini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 22/09/21 delle 07:15

    Metroregione di mer 22/09/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 22/09/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Elezioni Comunali Milano 2021, viaggio nei quartieri: Gratosoglio

    gli approfondimenti di Prisma nei quartieri di Milano alla vigilia delle Elezioni Comunali del 2021

    Clip - 22/09/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di mer 22/09/21

    Tutto scorre di mer 22/09/21

    Tutto scorre - 22/09/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 22/09/21

    Prisma di mer 22/09/21

    Prisma - 22/09/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 22/09/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 22/09/21

    Il demone del tardi - 22/09/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di mer 22/09/21 delle 07:50

    Seconda pagina di mer 22/09/21 delle 07:50

    Seconda pagina - 22/09/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di mer 22/09/21

    Il Caffè Nero Bollente del mercoledì con musica, sfoglio dei giornali e la serie tv della settimana consigliata da Paolo…

    Caffè Nero Bollente - 22/09/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 22/09/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 22/09/21

    Rassegna stampa internazionale - 22/09/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 22/09/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 22/09/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 22/09/2021

  • PlayStop

    Hexagone di mer 22/09/21

    Hexagone di mer 22/09/21

    Hexagone - 22/09/2021

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di mar 21/09/21

    Jailhouse Rock di mar 21/09/21

    Jailhouse Rock - 22/09/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mar 21/09/21

    News Della Notte di mar 21/09/21

    News della notte - 22/09/2021

  • PlayStop

    L'altro martedi' di mar 21/09/21

    L'altro martedi' di mar 21/09/21

    L’Altro Martedì - 22/09/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mar 21/09/21

    Doppio Click di mar 21/09/21

    Doppio Click - 22/09/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mar 21/09/21

    Quel che resta del giorno di mar 21/09/21

    Quel che resta del giorno - 22/09/2021

  • PlayStop

    Esteri di mar 21/09/21

    Esteri di mar 21/09/21

    Esteri - 22/09/2021

  • PlayStop

    The Game di mar 21/09/21

    //Cina, la bolla immobiliare resta ancora sospesa. Il caso Evergrande e le autorità di Pechino che vigilano sulla crisi finanziaria.…

    The Game - 22/09/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di mar 21/09/21

    Gli elettori di Beppe Sala sono dei pistola? L'audio del candidato Sindaco dopo la lettera dell'altro candidato Sindaco Luca Bernardo…

    Muoviti muoviti - 22/09/2021

  • PlayStop

    Che fine fanno i caalli da corsa a fine carriera?

    Simone Masserini ci racconta dei cavalli in pensione, Gaia Grassi affronta l'annosa questione dell'intolleranza al lattosio

    Di tutto un boh - 22/09/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 21/09/21

    Si parla con Desiree di Agripunk onlus della storia e del possibile sfratto del rifugio, ma anche referendum Si aboliamo…

    Considera l’armadillo - 22/09/2021

Adesso in diretta