Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Giovedì 21 gennaio 2021

Conte - Strategia Governo

Il racconto della giornata di giovedì 21 gennaio 2021 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia ai ritardi nel progetto del premier Conte perché pochi ancora si fidano a lasciare i loro gruppi. Le conseguenze dei ritardi di Pfizer sono sempre più pesanti sulla campagna vaccinale. Le novità nell’inchiesta per epidemia colposa che sta conducendo la Procura di Bergamo sul contagio nella bergamasca. La Francia è riuscita a portare a casa una vittoria nella battaglia sui diritti d’autore che oppone i media a Google. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

Oggi in Italia sono stati comunicati circa 14mila casi di COVID e 521 morti. Le persone in terapia intensiva sono diminuite di 43 e quelle ricoverate negli altri reparti sono calate di 424. Da Torino è arrivata notizia di un focolaio all’ospedale San Giovanni Bosco, dove 24 pazienti del reparto di medicina del sesto piano sono risultati positivi. Le persone contagiate sono state trasferite in una struttura dedicata esclusivamente al covid ed è stata avviata una sanificazione dell’ospedale.

Conte ha fretta di chiudere. L’opposizione sale al Quirinale

(di Anna Bredice)

Già era un’operazione complicata, Conte ha fretta di chiudere ma pochi ancora si fidano a lasciare i loro gruppi, a rallentare ulteriormente tutto arriva l’avviso di garanzia per Lorenzo Cesa, segretario dell’Udc, indagato per associazione a delinquere aggravata dalle modalità mafiose, una specie di bomba soprattutto nei Cinque Stelle, perché è proprio quel piccolo nucleo di centristi al Senato che nel progetto di Conte doveva diventare il suo gruppo di raccolta di altri senatori per andare avanti. L’imbarazzo nelle dichiarazioni pubbliche è evidente, nemmeno i membri della Commissione antimafia fanno il nome di Cesa nei commenti, ma le chat interne ai grillini sono diventate uno sfogatoio di chi si lamenta, abbiamo accettato di tutto, ma poi c’è un limite, dicono. A metà pomeriggio Di Maio fa uscire una nota nella quale assicura che i Cinque Stelle mai apriranno un dialogo con condannati o indagati per mafia, ma invece di placare gli animi la pagina Facebook dei cinque stelle si riempie di commenti sarcastici, di disapprovazione, qualcuno addirittura crea il fotomontaggio di Di Maio con Mastella, considerato già come limite democristiano di possibili alleanze. Conte vorrebbe entro domenica riuscire nel suo obiettivo, per essere pronto già la prossima settimana a contrastare l’opposizione di Renzi sulla riforma della giustizia. Alla camera è Bruno Tabacci colui che lavora per Conte, servono altri 8 deputati per creare un nuovo gruppo, ce ne sono già 12 pronti a traslocare dal gruppo misto, al Senato ai cinque del misto e del MAIE ne servono altri cinque per creare ufficialmente un gruppo parlamentare. Ma per ora tutto questo rimane sempre, in mancanza di un progetto definito di programma, un’operazione di raccolta di voti e appoggi, che non rassicura chi deve lasciare l’opposizione, che oggi è andata al Quirinale a protestare, ma senza i vari piccoli partiti come quello di Toti o di Lupi, che attendono invece le mosse del governo.

Le pesanti conseguenze dei ritardi di Pfizer

Sono sempre più pesanti le conseguenze dei ritardi di Pfizer sulla campagna vaccinale: l’Italia è passata da una media di 80mila persone vaccinate al giorno, ad una media di 28mila al giorno. Poco fa, il Commissario per l’emergenza Domenico Arcuri in conferenza stampa ha dovuto ammettere che i ritardi hanno “rallentato significativamente la campagna vaccinale” e che ora la priorità è somministrare i richiami.
Le prospettive non sono buone, il ritardo, ha detto Arcuri, proseguirà: abbiamo ricevuto il 29% in meno di dosi dalla Pfizer questa settimana e ci è stato comunicato che riceveremo il 20% in meno la prossima settimana.
Già 3 regioni hanno comunicato ufficialmente che da oggi in poi somministreranno solo i richiami, sono Lazio, Toscana e Valle d’Aosta
Per ora il Lazio ha sospeso la campagna per 4 giorni; la Toscana ha invece affermato che riprenderà le vaccinazioni solo se dal 25 gennaio verranno fornite più dosi delle circa 30mila già previste. Tutte e 3 hanno comunque garantito di avere scorte sufficienti per garantire i richiami delle dosi già inoculate.
Sui ritardi della campagna vaccinale è intervenuto oggi anche il Gimbe, nel suo monitoraggio settimanale, individuando nella corsa al vaccino un grave errore delle regioni. Sentiamo Nino Cartabellotta del Gimbe:

In Lombardia il responsabile della campagna vaccinale Giacomo Lucchini già ieri annunciava che arriveranno 20mila dosi in meno, che diventeranno 25mila la prossima settimana. Ad oggi però non c’è una comunicazione ufficiale sulla sospensione delle nuove somministrazioni. La situazione negli ospedali però è molto incerta:
a Pavia vaccinazioni bloccate al Policlinico, che controlla le somministrazioni in altre 3 strutture ospedaliere; l’ospedale Niguarda, hub per vaccini a Milano, al momento attuale ha scorte sufficienti solo per una settimana, e coprirà per certo solo il 60% dei richiami Marco Bosio, direttore generale dell’ospedale Niguarda

Crollano i nuovi vaccinati in Italia. In Toscana, Lazio e Val d’Aosta sospese le nuove somministrazioni.
Problemi anche in Lombardia: stop alle prime dosi anche al San Matteo di Pavia, a Milano il Niguarda ha fiale solo per una settimana. Allarme del Gimbe: “È necessario rivedere la policy delle somministrazioni, stiamo pagando la corsa ai vaccini fatta dalle regioni”. Il commissario Arcuri conferma: le dosi vanno usate per i richiami, la prossima settimana ne arriveranno il 20% in meno.
Migliaia di lavoratori della sanità sono ancora in coda e nessuno ha una data per l’inizio delle vaccinazioni agli anziani.

Le omissioni della Lombardia sul focolaio di Alzano: il CTS non sapeva

(di Roberto Maggioni)

Ci sono due importanti novità nell’inchiesta per epidemia colposa che sta conducendo la Procura di Bergamo sul contagio nella bergamasca: la prima riguarda la Regione Lombardia e l’ospedale di Alzano Lombardo, la seconda il Governo e il piano pandemico.
Partiamo dalla prima. Dagli interrogatori fatti nei giorni scorsi a dirigenti e funzionari del ministero della Salute e dagli accertamenti fatti su quelli passati è emerso che a fine febbraio il Cts nazionale non sapeva che l’ospedale di Alzano fosse un focolaio. Possibile che la giunta Fontana non avesse fatto capire a Roma che la situazione ad Alzano era grave? [CONTINUA A LEGGERE]

Riconosciuto il diritto a fare ingresso in Italia a chi ha subito una riammissione a catena verso la Bosnia

Il tribunale di Roma ha accolto il ricorso presentato da un richiedente asilo arrivato a Trieste e riportato in Slovenia lo scorso luglio. Lo ha fatto sapere l’associazione Asgi, spiegando che la corte ha stabilito l’illegittimità della procedura subita dall’uomo, legata a un accordo del ’96 tra Italia e Slovenia che il parlamento di Roma non ha mai ratificato. “Tale procedura viola le norme internazionali e interne che regolano l’accesso alla procedura di asilo”, ha scritto l’Asgi in un comunicato, definendo la decisione della magistratura “un tassello fondamentale per il ripristino della legalità alla frontiera orientale italiana”. Il richiedente asilo che ha fatto ricorso al momento è in Bosnia. Anna Brambilla è una delle due avvocate dell’associazione che hanno portato avanti il procedimento.


 

Google firma l’accordo con la stampa in Francia: dovrà pagare gli editori

(di Luisa Nannipieri)

La Francia è riuscita a portare a casa una vittoria nella battaglia sui diritti d’autore che oppone i media a Google. L’annuncio è di alcune ore fa: l’azienda di Mountain View e l’APIG, l’associazione che rappresenta i quotidiani nazionali e la stampa regionale, hanno firmato un accordo che permetterà a termine ai giornali di essere pagati da Google per la diffusione dei loro contenuti.
Concretamente, sono state stabilite le regole generali che permetteranno ad ogni testata dell’APIG di negoziare individualmente delle licenze di diffusione e di avere accesso a News Showcase, quel nuovo strumento di Google creato proprio per raccogliere dei contenuti integrali, e non solo degli estratti di articoli come accade ora, da visualizzare nella scheda Notizie del motore di ricerca. [CONTINUA A LEGGERE]

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sab 06/03/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 03/06/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 05/03/21 delle 19:49

    Metroregione di ven 05/03/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 03/05/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Conduzione Musicale di sab 06/03/21

    Conduzione Musicale di sab 06/03/21

    Conduzione musicale - 03/06/2021

  • PlayStop

    On Stage di sab 06/03/21

    On Stage di sab 06/03/21

    On Stage - 03/06/2021

  • PlayStop

    Passatel di sab 06/03/21

    Passatel di sab 06/03/21

    Passatel - 03/06/2021

  • PlayStop

    Pop Up di sab 06/03/21

    Pop Up di sab 06/03/21

    Pop Up Live - 03/06/2021

  • PlayStop

    Sidecar di sab 06/03/21

    Sidecar di sab 06/03/21

    Sidecar - 03/06/2021

  • PlayStop

    I Girasoli di sab 06/03/21

    I Girasoli di sab 06/03/21

    I girasoli - 03/06/2021

  • PlayStop

    Sabato Libri di sab 06/03/21

    Sabato Libri di sab 06/03/21

    Sabato libri - 03/06/2021

  • PlayStop

    Itaca di sab 06/03/21

    Itaca di sab 06/03/21

    Itaca - 03/06/2021

  • PlayStop

    Itaca Rassegna di sab 06/03/21

    Itaca Rassegna di sab 06/03/21

    Itaca – Rassegna Stampa - 03/06/2021

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 06/03/21

    Mash-Up di sab 06/03/21

    Mash-Up - 03/06/2021

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 05/03/21

    Doppia Acca di ven 05/03/21

    Doppia Acca - 03/06/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 05/03/21

    con Andrea Cegna. - speciale sanremo

    A casa con voi - 03/05/2021

  • PlayStop

    Andrà tutto bene, terza puntata: l'ultimo viaggio

    Il contagio sottovalutato, l'ospedale di Alzano Lombardo riaperto in fretta e furia, la zona rossa rinviata all'ultimo minuto, le campane…

    Andrà Tutto Bene - 03/05/2021

  • PlayStop

    Esteri di ven 05/03/21

    ..1-Papa Francesco in Iraq. Nel suo primo discorso ha criticato il governo locale per la corruzione e il settarismo, ha…

    Esteri - 03/05/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 05/03/21

    Ora di punta di ven 05/03/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 03/05/2021

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 05/03/21

    Follow Friday di ven 05/03/21

    Follow Friday - 03/05/2021

Adesso in diretta