Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Domenica 23 agosto 2020

Migranti Immigrazione corridoi umanitari

Il racconto della giornata di domenica 23 agosto 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia col commento del virologo Giorgio Palù all’ordinanza della Regione Sicilia sui migranti e la precisazione del Viminale, mentre la Sardegna pone tre condizioni per il patto di reciprocità con il Lazio per i test da COVID-19. In Inghilterra il Ministro della Sanità sostiene che sia più pericoloso restare a casa che andare a scuola e in Bielorussia l’opposizione è tornata a manifestare in piazza. Negli Stati Uniti nuovi video e testimonianze aprono altri due casi di omicidi della polizia. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

Crescono ancora i contagi. Oggi sono 1.210, 139 in più di ieri. 7 i morti, 4 in più di ieri, ma in calo rispetto a venerdì quando sono stati 9. Significativo il dato della Lombardia: nelle ultime 24 ore si contano 239 nuovi contagi da coronavirus nella regione, di cui 26 debolmente positivi e 5 a seguito di test sierologico. È il dato più alto dal 17 giugno quando ce ne furono 242 in un giorno. Dei nuovi casi registrati “190 sono riferiti a persone che hanno meno di 50 anni” – chiarisce l’assessore al Welfare Giulio Gallera. “Due terzi delle positività riguardano cittadini che rientrano dall’estero e i loro contatti diretti“.
Il trend è dunque in aumento, ma si deve valutare la “qualità” dei nuovi casi. C’è un numero inferiore di ospedalizzati e di di persone in terapia intensiva. Sentiamo il virologo Giorgio Palù:


 

Le tre condizioni di Solinas per fare i tamponi in partenza dalla Sardegna

(di Monia Melis)

Dalla Sardegna arrivano tre condizioni sul patto di reciprocità con il Lazio per i test da COVID-19. Tre punti che alzano il tiro sul tracciamento dei turisti come richiesto da maggio – senza successo – dal presidente della Regione Christian Solinas. Nei giorni di rientro si è innescata infatti una guerra fredda tra regioni, con mediatore il ministro agli Affari regionali, Francesco Boccia. Ora parla l’assessore regionale alla Sanità, il leghista Luigi Nieddu: test alla partenza sì, purché a carico del governo; poi controlli su tutti i passeggeri in arrivo, da qualunque provenienza; infine un protocollo per il rientro a casa di eventuali positivi o – in alternativa – soggiorno a spese pubbliche. E sono dunque ore di trattativa, mentre nel porto di Civitavecchia già da venerdì chi sbarca da Olbia o Cagliari può fare il tampone. Il pressing si deve all’aumento dei casi nazionali che include la tendenza della Sardegna – zero contagi a luglio, ora con 388 positivi. Numeri bassi ma che fanno clamore perché i focolai (di importazione) si concentrano nei luoghi della movida: in Costa Smeralda e in generale in Gallura, dove i ragazzi romani contagiati erano arrivati da Ibiza. Il Lazio denuncia un flusso costante di positivi dall’Isola, lo stesso la Campania. Mentre sui social si moltiplicano le polemiche contro la stampa nazionale che dipinge l’isola- vittima come untrice. Con danni di immagine ed economici.

L’ordinanza di Musumeci sui migranti non ha alcun valore

Il Viminale non vuole fare polemiche con il Presidente della Sicilia Nello Musumeci, ma il messaggio che oggi ha fatto filtrare attraverso le agenzie di stampa è molto chiaro: l’ordinanza sulla chiusura degli hotspot e l’allontanamento dei migranti dall’Isola è carta straccia. La competenza sulla materia è del Governo e non della Regione. Musumeci non ha alcun potere; non può cacciare i migranti dagli hotspot, non può vietare gli sbarchi. Sentiamo Gianfranco Schiavone dell’Asgi:


 

UK, più pericoloso restare a casa che andare a scuola

(di Daniele Fisichella)

Più pericoloso restare a casa che andare a scuola per i ragazzi inglesi. Così il ministero della sanità britannico.
Priorità alle scuole, perchè – ha spiegato il capo consulente medico del Governo – milioni di ragazzi e ragazze sarebbero maggiormente danneggiati da altri mesi di studio a distanza, e il rischio di contrarre il virus tra coetanei a scuola, e in particolare alle elementari e medie, è comunque minimo.
Il Governo aveva già più volte ripetuto che dovendo imporre nuove misure sceglierebbe comunque di mantenere le scuole aperte e far chiudere invece pub ed esercizi commerciali. Da Settembre dunque ci si prepara qui in Gran Bretagna a nuovi lockdown locali, come quello tutt’ora in atto in parti del Nord-Ovest dell’Inghilterra, perché, spiegano le autorità, sarà molto difficile proteggere la popolazione dal virus questo inverno senza danneggiare l’economia. Il numero dei contagi è stabile intorno alle mille unità già da circa 2 settimane – e da ieri chiunque ritorni da Croazia, Austria oltre che Spagna, Belgio e Olanda dovrà rimanere in quarantena.

Bielorussia, l’opposizione torna a manifestare in piazza

Nonostante i divieti e una massiccia presenza di polizia, l’opposizione bielorussa è tornata in piazza in tutto il Paese contro il presidente Alexander Lukashenko, una prova di forza e di tenuta che sembra riuscita, centomila i manifestanti secondo l’opposizione nella capitale Minsk. Nella confinante Lituania una catena umana di 30 chilometri dalla capitale Vilnus al confine della Bielorussia in segno di solidarietà, come la catena umana di 31 anni fa nelle tre repubbliche baltiche per l’autonomia dall’Urss. Ieri il presidente Lukashenko aveva assistito al dispiegamento delle truppe bielorussi proprio ai confini occidentali con Lituania e Polonia, denunciando ingerenze estere nella politica nazionale. L’Osce in serata si è offerta per una mediazione tra opposizioni e governo.

USA, video e testimonianze aprono altri due casi di omicidi della polizia

(di Davide Mamone)

Sei lunghi minuti, bloccato sull’asfalto bollente dell’Arizona forzato a terra da diversi agenti di polizia. È finita cosi la vita di Ramon Timothy Lopez, ispanico di 28 anni, che è morto durante un fermo a Phoenix, accusato di aver rubato una bibita da un piccolo supermarket locale. La chiamata alla polizia ha portato gli agenti a intervenire e quando Lopez li ha visti, prima ha provato a scappare, poi ha lanciato contro di loro la bottiglia che avrebbe rubato. L’episodio è emerso solo nelle ultime ore, quando è stato reso pubblico il video tratto dalle bodycam addosso agli agenti. “Mio fratello ha lottato per la sua vita e ha perso questa battaglia” ha detto David Gonzalez all’emittente locale KNXV. Svegliati, svegliati, si sente un agente dire a Lopez, senza che però riceva alcuna risposta dopo minuti di urla. Una volta arrivato all’ospedale il giovane, che da quanto emerge ora soffriva di schizofrenia, è morto.
Il video mette il dito nella piaga della violenza delle forze dell’ordine negli Stati Uniti e della loro impreparazione, anche, nel gestire episodi di persone come Lopez, affette sembra da problemi mentali e psicologici. Anche se le violenze non si limitano solo a questo. Nelle ultime ore, infatti, in Louisiana, è stata aperta un’indagine nei confronti degli agenti che venerdì hanno ucciso Trayford Pellerin, afroamericano di 31 anno raggiunto da almeno 11 colpi di pistola, mentre di aggirava coltello in mano in un parcheggio fuori da un negozio nella città di Lafayette.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 29/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 29/06/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    La carovana per la pace Stop The War Now ad Odessa

    Questa mattina a Prisma, Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni hanno intervistato Gianpiero Cofano, segretario dell'associazione Papa Giovanni XXIII, che con…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Giorgio Macellari, La vita si sconta morendo. L'arte del vivere e del morire bene

    GIORGIO MACELLARI – LA VITA SI SCONTA MORENDO. L’ARTE DEL VIVERE E DEL MORIRE BENE – presentato da MARCO DI…

    Note dell’autore - 29/06/2022

  • PlayStop

    La volta che sono arrivato uno

    quando Dismacchione è fuori gioco ed è sostituito da Giulia che lavora da subito per il suo fanclub, mantre elogiamo…

    Poveri ma belli - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 29/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30, “Vapore d'estate” con oltre 100 appuntamenti culturali…

    Cult - 29/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 29/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 29/06/2022

    LA SICCITA' E L'INERZIA DEL GOVERNO Stefano Iannacone giornalista de Il Domani Angelo Bonelli portavoce dei Verdi Serena Giacomin Fisica…

    Prisma - 29/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 29/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 29/06/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 29/06/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 29/06/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 29/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 28/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/06/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 28/06/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 29/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 28/06/2022

    1-Strage dei migranti in Texas. Sale a 50 il numero di morti all'interno di un camion abbandonato a San Antonio.…

    Esteri - 29/06/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 28/06/2022

    1) G7, concluso il vertice in Germania. Il “price-cap” di Draghi per tagliare i prezzi di gas e petrolio non…

    The Game - 29/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 28/06/2022

    Dove si sonda il quartiere di Baggio a Milano dopo la proposta di Matteo Salvini di costruire lì una centrale…

    Muoviti muoviti - 29/06/2022

Adesso in diretta