Approfondimenti

Catastrofe umanitaria in Afghanistan. Genitori costretti a vendere organi e figli per sopravvivere

Afghanistan ANSA

Ammar alza leggermente la maglietta per mostrare ai giornalisti la sua pancia. Ha una cicatrice lunga almeno dieci centimetri sul lato destro del corpo. Ha venduto un suo rene per avere in cambio 3.200 dollari. Li ha usati per pagare i suoi debiti, poi ha comprato gli alimenti per i suoi figli. Ora la sua famiglia può mangiare, ma è una soluzione solo a breve termine. Scelte come quelle di Ammar stanno diventando più frequenti in Afghanistan.

La vendita degli organi avveniva anche prima del governo talebano, ma adesso serve per rispondere alla fame – un rene vale fino a 4.000 dollari. La fame – cioè la mancanza di alimenti per la povertà estrema – è una piaga in Afghanistan.

“Che cosa succederà se venderà sua figlia?” “Non ho scelta, io non riesco a darle alcuna possibilità di vivere”, dice un uomo al canale ITV news. Le famiglie si trovano proprio a dover vendere i figli, sia per avere denaro, sia per provare a dare loro un futuro diverso dalla povertà estrema.

Le ragazze, soprattutto, vengono date in spose, anche se sono molto piccole. Nazia, ad esempio, ha 5 anni. Tra 9, diventerà moglie, un contratto è già stato firmato. I bambini come lei sono i più penalizzati. Le immagini che li ritraggono sono molto dure.

Secondo medici senza frontiere, le persone che accedono ai servizi ospedalieri contro la malnutrizione sono raddoppiati nell’ultimo anno. E chi non può accedere a possibilità di cura, è costretto ad arrangiarsi: ad esempio, dando ai bambini farmaci solitamente usati contro ansia e depressione. “Hanno fame, noi non abbiamo alimenti, è l’unico modo per farli dormire” hanno raccontato alla BBC alcuni genitori.

“Ovunque siamo andati – queste le considerazioni dei giornalisti – abbiamo trovato persone costrette a compiere passi estremi per rispondere alla fame”. Hanno incontrato anche chi riesce a lavorare: un euro al giorno, questa la paga frequente.

Questa crisi – per l’Onu già una “catastrofe” – è il risultato del governo talebano, del congelamento dei fondi dall’estero, delle sanzioni occidentali. Alcune cicatrici dell’Afghanistan sono visibili, come quella di Ammar, altre rimangono nascoste. In entrambi i casi, le vittime sono le persone comuni.

di Chiara Vitali

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 26/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 25/11/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Snippet di sabato 26/11/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 26/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 26/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/11/2022

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 26/11/2022

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 26/11/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 26/11/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 26/11/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 26/11/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 26/11/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 26/11/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 26/11/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 26/11/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 26/11/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 26/11/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 26/11/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 26/11/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 26/11/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 26/11/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 26/11/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 26/11/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/11/2022

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 26/11/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 26/11/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 25/11/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 26/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 25/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/11/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 25/11/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 25/11/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 26/11/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 25/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 26/11/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 25/11/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 26/11/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 25/11/2022

    (47 - 238) Dove si scopre che per fare il Vice Ministro degli Esteri non è così importante conoscere, almeno…

    Muoviti muoviti - 26/11/2022

Adesso in diretta