Approfondimenti

Caso Regeni, oggi l’audizione del premier Conte. Intervista a Luigi Manconi

verità Giulio Regeni

Oggi è il giorno in cui il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà ascoltato dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte di Giulio Regeni. Ne abbiamo parlato con Luigi Manconi, ex senatore del Partito Democratico e fondatore dell’associazione “A Buon Diritto”, fin da subito al fianco della famiglia Regeni nella ricerca di giustizia e verità.

L’intervista di Lorenza Ghidini e Claudio Jampaglia a Prisma.

Quanto è importante l’audizione di oggi del Presidente Conte?

Mi auguro che non sia semplicemente un passaggio formale e rituale, ma un’occasione importante per dare alla vicenda dell’uccisione di Giulio Regeni il suo senso autentico. La vicenda non è semplicemente un caso di violazione di diritti umani, ma è qualcosa di molto più significativo per il nostro Paese. Viene messa in gioco la nostra sovranità nazionale. Questo è il punto essenziale: se un connazionale viene ucciso all’interno di un Paese considerato amico, o l’Italia è in grado di pretendere verità e giustizia oppure viene messa in discussione la sua capacità di essere uno Stato autonomo e indipendente. Vengono offesi non solo l’opinione pubblica e il senso di umanità, ma anche la dignità dell’Italia. Questo è stato tempo ignorato dalla gran parte della classe politica. Se con l’audizione del Presidente Conte si mette al centro questo problema, cioè un problema di diritto e di politica internazionale, allora si sarà fatto un piccolo passo avanti.

Quali sono i fatti che secondo lei possono essere importanti?

Anche le parole arrivano con quattro anni di ritardo. Questo è il punto. Prendiamo la questione che in questo momento è la più importante, la vendita delle armi all’Egitto. Facciamo finta che io sia favorevole a questa vendita: ma si può procedere in questo modo? Prima tutta la trattativa commerciale, arrivata praticamente alla firma finale, e solo dopo la questione della cooperazione giudiziaria tra l’Italia e l’Egitto. È il modo più dissennato, disarmato e inerme di condurre una relazione tra due Paesi. La questione di Giulio Regeni e dei diritti umani in Egitto doveva essere affrontata contemporaneamente allo scambio commerciale. Solo così l’Italia poteva esercitare fino in fondo la sua capacità di negoziare e di influire, condizionare e premere sul regime di Al Sisi. Solo adesso, dopo che la compravendita è già praticamente conclusa, si richiama con parole la necessità di una cooperazione giudiziaria che per quattro anni non si è realizzata. Certo, per colpa dell’Egitto, ma proprio per questa ragione bisognava essere assai più intransigenti. Separare, come è stato fatto, lo scambio commerciale dalla questione della cooperazione giudiziaria, ci ha consegnato inermi nelle mani del regime dispotico di Al Sisi, senza alcuna capacità di pressione e senza alcuna capacità contrattuale. È questo il punto. Parlare adesso e pretendere adesso, come è doveroso fare, passi in avanti nella ricerca della verità, è una scelta politicamente irresponsabile. Non si tratta di realpolitik, come sentite dire in questi giorni per motivare la scelta di questo scambio commerciale. È un realismo straccione fatto da persone che hanno rinunciato a considerare i diritti umani come devono essere: priorità tra le priorità.

Anche i governi precedenti hanno detto più volte che avrebbero preteso dall’Egitto maggiore cooperazione, ma poi di fatti ce ne sono stati sempre pochi. Questa compravendita allontana ancora di più la possibilità di avere giustizia per Giulio Regeni?

Temo di sì. E per quanto riguarda il comportamento degli altri governi non c’è il minimo dubbio che sia come lei ha detto. Io sono stato sostenitore dei precedenti governi di centrosinistra e anche quei governi si sono comportati come se avessero una sorta di complesso di inferiorità nei confronti dell’Egitto. A dominare è stata l’inerzia. In questi quattro anni non è stata esercitata nei confronti dell’Egitto nessuna forma di pressione. Anche il richiamo a Roma dell’ambasciatore italiano al Cairo, richiamo che è durato per 16 mesi, e il successivo ripristino delle relazioni diplomatiche veniva motivato col fatto che così si sarebbe potuto seguire con maggiore efficacia l’iter dell’indagine giudiziaria. Da allora sono passati quasi tre anni e sul piano delle indagini giudiziarie, dal punto di vista dell’Egitto, non è stato fatto assolutamente nulla.
La Procura di Roma ha fatto qualcosa di veramente straordinario come capacità investigativa fino al punto di individuare i cinque funzionari del servizio segreto nazionale presunti responsabili dell’assassinio di Giulio Regeni, ma non poteva andare oltre i limiti territoriali. Da questo punto di vista il ripristino delle relazioni diplomatiche ordinarie con l’Egitto non ha dato alcun contributo. Per questo c’è da temere che questo rafforzamento della cooperazione economica di cui la compravendita di armi costituisce un passaggio essenziale non porti maggiore cooperazione e quindi passi in avanti più decisi nella ricerca della verità sulla morte di Giulio.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 24/11/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 24/11/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 24/11/20 delle 07:15

    Metroregione di mar 24/11/20 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 24/11/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stay Human di mar 24/11/20

    Stay Human di mar 24/11/20

    Stay human - 24/11/2020

  • PlayStop

    Memos di mar 24/11/20

    Memos di mar 24/11/20

    Memos - 24/11/2020

  • PlayStop

    Claudio Jampaglia e Giuseppe Mazza, La pandemia siamo noi

    CLAUDIO JAMPAGLIA E GIUSEPPE MAZZA - LA PANDEMIA SIAMO NOI - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 24/11/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 24/11/20

    ira rubini, cult, giona nazzaro, nuovo direttore festival cinema locarno, barbara sorrentini, andrea artusi, disegnatore kid il ragazzo che voleva…

    Cult - 24/11/2020

  • PlayStop

    A come America del mar 24/11/20

    A come America del mar 24/11/20

    A come America - 24/11/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 24/11/20

    Prima parte: le regole per il Natale, con la sottosegretaria alla salute Sandra Zampa. - Seconda parte: scuola, come riaprire…

    Prisma - 24/11/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 24/11/20

    Rassegna stampa internazionale di mar 24/11/20

    Rassegna stampa internazionale - 24/11/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 24/11/20

    Il demone del tardi - copertina di mar 24/11/20

    Il demone del tardi - 24/11/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 24/11/20

    Fino alle otto di mar 24/11/20

    Fino alle otto - 24/11/2020

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 24/11/20

    From Genesis to Revelation di mar 24/11/20

    From Genesis To Revelation - 24/11/2020

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 23/11/20

    Johnny Ciriillo

    Jailhouse Rock - 24/11/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 23/11/20

    con Florencia. - punto quotidiano con metro..- Calabria, il presidio sanitario di Emergency e Libera ..- cose molto umane, la…

    A casa con voi - 24/11/2020

  • PlayStop

    Esteri di lun 23/11/20

    1-Stati Uniti: tutti gli uomini di Joe Biden per la restaurazione della politica estera americana...( Roberto Festa) ..2-Il triste primato…

    Esteri - 24/11/2020

  • PlayStop

    Speciale "Hey! Sembra l'America" # 4

    È tempo di Thanksgiving in America. In questa puntata faremo un..viaggio storico e sociale alla scoperta dei valori di fratellanza…

    Gli speciali - 24/11/2020

Adesso in diretta