Approfondimenti

Europa e migranti: l’incendio del campo di Moria, in Grecia

campo di moria migranti grecia

Nella notte tra martedì e mercoledì un incendio ha devastato il campo profughi di Moria, nell’isola di Lesbo. Tra le tende e le baracche vivevano circa 13mila migranti, nonostante la capienza massima del campo fosse di circa 3mila persone.
L’unico presidio sanitario del campo è la clinica di Medici Senza Frontiere. Per la puntata di oggi di “Fino alle otto”, Sara Milanese ha raggiunto telefonicamente ad Atene Andrea Contenta, responsabile affari umanitari di Msf.

Un primo incendio aveva già distrutto buona parte del campo, questo secondo incendio ha peggiorato la condizione delle oltre 12mila persone che vivevano a Moria. Ieri inoltre la polizia ha sparato lacrimogeni contro i migranti, per evitare che scappassero. La situazione rimane molto problematica, e ancora una volta si usa la repressione, si impongono dei confini interni, e non ci si occupa invece della sicurezza delle persone.

Com’è nato il campo di Moria?

Moria nasce come un campo chiuso, ci sono due linee di recinzione, la polizia anti sommossa, questi sono i famosi hotspot, come ci sono anche in Italia. L’idea è quella di esternalizzare le frontiere, di contenere i flussi migratori, cioè le persone. La situazione che si è venuta a creare a Moria è il risultato di anni in cui ai richiedenti asilo sono stati di fatto negati i diritti fondamentali. Nel campo si sono contate fino a 20mila persone, a fronte di una capienza di sole 3mila.

Il campo di Moria è nato nel 2013, nel 2015 si è raggiunto il picco massimo di arrivi sulle coste greche; dal 2016 è intervenuto l’accordo tra Unione Europea e Turchia, con l’obiettivo di fermare i migranti. Infine, un anno fa c’è stato il cambio di maggioranza politica in Grecia, con i conservatori di Nuova Democrazia. Come si è comportato il nuovo governo greco?

Quella di Moria e del sovraffollamento dei campi in Grecia è un’emergenza ciclica, e nonostante il numero di arrivi sia diminuito negli anni, le politiche non sono cambiate: chi arriva sulle isole resta bloccato. Questa nuova amministrazione ha cambiato la legge sull’asilo, rendendola più restrittiva, e di fatto non si garantisce la tutela ai più fragili. Chi ottiene lo stato di rifugiato viene abbandonato, e da solo non riesce ad inserirsi nella società, e spesso decide di tornare a Moria, dove trova almeno una comunità di riferimento.

Dopo l’incendio, l’Unione Europea ha promesso aiuti, Berlino si è offerta di accogliere una parte dei migranti. Ma finora come si è comportata Bruxelles nei confronti della Grecia?

L’Europa ha continuato a “occuparsi” della Grecia: a marzo ha rinnovato ad Atene un fondo per 700 milioni di euro, di cui 280 da destinare alla costruzione di nuovi hotspot ancora più grandi, in grado di contenere ancora più persone in detenzione.

foto | Facebook MSF

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 27/11/20 delle 19:49

    Metroregione di ven 27/11/20 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 28/11/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 28/11/20

    Mash-Up di sab 28/11/20

    Mash-Up - 28/11/2020

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 27/11/20

    Doppia Acca di ven 27/11/20

    Doppia Acca - 28/11/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 27/11/20

    A casa con voi di ven 27/11/20

    A casa con voi - 28/11/2020

  • PlayStop

    Esteri di ven 27/11/20

    1-Iran. Assassinato il capo del programma nucleare...Secondo Teheran ci sono serie indicazioni di un ruolo di Israele...L’intervista di Esteri. (…

    Esteri - 28/11/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 27/11/20

    Ora di punta di ven 27/11/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 28/11/2020

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 27/11/20

    Follow Friday di ven 27/11/20

    Follow Friday - 28/11/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 27/11/20

    Uno di Due di ven 27/11/20

    1D2 - 28/11/2020

  • PlayStop

    Jack di ven 27/11/20

    Jack di ven 27/11/20

    Jack - 28/11/2020

  • PlayStop

    Stay Human di ven 27/11/20

    Stay Human di ven 27/11/20

    Stay human - 28/11/2020

  • PlayStop

    Serve And Volley di ven 27/11/20

    Serve And Volley di ven 27/11/20

    Serve&Volley - 28/11/2020

  • PlayStop

    Memos di ven 27/11/20

    “L’economia di Francesco”, la tre giorni di incontri digitali voluta da papa Bergoglio. Si è svolta una settimana fa, duemila…

    Memos - 28/11/2020

  • PlayStop

    Gabriella Pizzala, Nero Donna

    GABRIELLA PIZZALA - NERO DONNA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28/11/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 27/11/20

    ira rubini, cult, carlo sigon, barbara sorrentini, tavola rotonda film commission lombardia, libro ancora in cammino rabani, tiziana ricci, festival…

    Cult - 28/11/2020

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 27/11/20

    Parliamo di rinnovabili ed efficienza energetica con Francesco Ferrante, vicepresidente del Kyoto Club e del Coordinamento FREE; Eleonora Cogo, Manager…

    C’è luce - 28/11/2020

  • PlayStop

    Prisma di ven 27/11/20

    Lombardia zona arancione? Quale riforma della sanità? Intervista al segretario del Pd lombardo Vinicio Peluffo. La situazione negli ospedali, il…

    Prisma - 28/11/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 27/11/20

    Il Giorno Delle Locuste di ven 27/11/20

    Il giorno delle locuste - 28/11/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 27/11/20

    Il demone del tardi - copertina di ven 27/11/20

    Il demone del tardi - 28/11/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 27/11/20

    Fino alle otto di ven 27/11/20

    Fino alle otto - 28/11/2020

Adesso in diretta