Approfondimenti

Burundi, è guerra anche secondo l’Onu

Dopo l’escalation di violenza in Burundi, finalmente, la comunità internazionale alza la voce. Ma forse è già troppo tardi. Ban Ki-moon, ha definito agghiaccianti le violenze in Burundi. Anche l’alto commissario Onu per i Diritti umani, Zeid Raad al Hussein ha sostenuto che il Burundi è al punto di rottura, sull’orlo di una guerra civile.

Al Hussein ha chiesto l’imposizione di sanzioni come il blocco dei beni di alcuni potenti dell’entourage del presidente Nkurunziza e un divieto di viaggiare contro i responsabili della crisi. Sul Burundi ci è riunito: ad Addis Abeba, anche il Consiglio sulla Pace e la Sicurezza dell’Unione Africana l’ha approvato. “L’Africa – si legge sul suo profilo Twitter – non permetterà un altro genocidio sul suo suolo”. Durante la riunione è stata evocata anche la possibilità del dispiegamento di una forza africana nel Paese. È intervenuto anche il Commissario dell’Unione Africana per la Pace e la Sicurezza, Smail Chergui, secondo cui le violenze in Burundi devono cessare immediatamente.

La crisi politica in Burundi è cominciata alla fine di aprile con la decisione del presidente Pierre Nkurunziza di candidarsi per un terzo, controverso mandato, poi ottenuto nonostante le manifestazioni dell’opposizione e un fallito tentativo di golpe avvenuto a maggio. Sono diverse centinaia, finora, i morti accertati.

E proprio in questi giorni la crisi si è ulteriormente aggravata tanto che Ban Ki Moon, quasi cadendo dalle nuvole, ha detto che “Con l’ultima serie di eventi violenti il Paese sembra aver compiuto un ulteriore passo verso la guerra civile. Le tensioni a Bujumbura sono ora ad un livello molto alto”.

Effettivamente, dopo le ultime violenze, pare che ci siano state ricerche intensive di oppositori casa per casa. Un numero imprecisato di persone sarebbe rimasto vittima di esecuzioni sommarie, altre centinaia di giovani sono stati arrestati e in molti sono stati portati via verso destinazioni ignote.

Intanto a Bujumbura il governo del presidente Pierre Nkurunziza ha scelto la strategia del silenzio. Sui canali ufficiali in rete e su Twitter, le autorita’ fanno riferimento soltanto all’apertura della “settimana del thè”, di cui il Burundi è uno dei primi produttori africani.

  • Autore articolo
    Raffaele Masto
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 21/04/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 21/04/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 21/04/21 delle 07:14

    Metroregione di mer 21/04/21 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 21/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 21/04/21

    Sunday Blues di mer 21/04/21

    Sunday Blues - 21/04/2021

  • PlayStop

    I Volti d'Italia

    Gaia Van Der Ersch, 600, Fiat, turismo, viaggio, viaggi, sport, Matteo Serra, superlega, super lega, calcio

    1D2 - 21/04/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 21/04/21

    Considera l'armadillo mer 21/04/21

    Considera l’armadillo - 21/04/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 21/04/21

    Nella puntata di oggi ospite Serena Altavilla intervistata da Niccolo Vecchia

    Jack - 21/04/2021

  • PlayStop

    psicoradio di mar 20/04/21

    Ultrablu e l'autismo...Le differenze sono un valore...Torniamo a parlare con Virgilio Mollicone un amico di Psicoradio fondatore dell’atelier d’arte e…

    Psicoradio - 21/04/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 21/04/21

    Stay Human di mer 21/04/21

    Stay human - 21/04/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 21/04/21

    La Germania e il dopo Merkel. I Grunen – dopo il sorpasso della Cdu negli ultimi sondaggi - sognano una…

    Memos - 21/04/2021

  • PlayStop

    Gianfranco Manfredi, C'era una volta il popolo

    GIANFRANCO MANFREDI - C'ERA UNA VOLTA IL POPOLO - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 21/04/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 21/04/21

    ira rubini, cult, rita pelusio, partigiani in ogni quartiere, 25 aprile 2021, renato sarti, coordinamento spettacolo lombardia, piccolo teatro grassi,…

    Cult - 21/04/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 21/04/21

    Ondata di attacchi malware per Android; attacco a noipartigiani.it; IO batte Immuni; Vaxpass.it; il Pentagono sperimenta il chip sotto pelle…

    Doppio Click - 21/04/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 21/04/21

    Stati Uniti, commentiamo la sentenza per l'omicidio di George Floyd con Roberto Festa e Davide Mamone. Scuola, riaperture improbabili alle…

    Prisma - 21/04/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 21/04/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 21/04/21

    Rassegna stampa internazionale - 21/04/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 21/04/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 21/04/21

    Il demone del tardi - 21/04/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 21/04/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola. La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 21 aprile 2004, in Israele…

    Fino alle otto - 21/04/2021

  • PlayStop

    Gioco

    dove, tra filosofia, scacchi, storia e musica, si riflette sulle sfaccettature del tema del gioco

    Il gufo e l’allodola - 21/04/2021

Adesso in diretta