Approfondimenti

Una scossa per l’intera Europa

Il voto britannico di giovedì scorso è stato una scossa fortissima ad uno dei simboli – a torto o a ragione – dello status quo in Europa, e cioè l’Unione europea e le sue istituzioni.

L’assestamento, dopo questa scossa, è pieno di insidie.

Sui tempi e, soprattutto, sui modi e sul merito delle scelte.

Quanto ai tempi: non si capisce ancora quando inizierà il negoziato tra Londra e Bruxelles per l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. George Osborne, ministro dell’economia britannico, non ha fretta: “usciremo dall’Unione solo quando saremo pronti”. E con lui non hanno fretta i conservatori: da Cameron, il primo ministro dimissionario a Boris Johnson e agli altri papaveri dei tories in lizza per diventare primi ministri.

Collyhurst_Manchester_Photograph_Photofusion_Rex Shutterstock
Da TheGuardian.com – Collyhurst, Manchester. Photograph: Photofusion/Rex Shutterstock

Modi e contenuti della trattativa.

L’uscita del Regno Unito dalla UE ridefinirà gli equilibri politici su temi importanti: austerità (in Gran Bretagna come in Europa), lavoro, investimenti, immigrazione. Potrà esserci una stretta ancor più dura nella direzione percorsa fin qui oppure l’inizio di un’inversione di rotta. Molto dipenderà da chi gestirà questa fase, sia in Gran Bretagna che in Europa. A Londra ci saranno i tories, e Farage, oppure i laburisti? In Europa sarà la cancelliera tedesca Merkel e la Bce a tenere il pallino in mano oppure un direttorio (Berlino-Parigi-Roma?) capace, chissà, di far uscire la politica europea dalla meccanica rigida dei vari “fiscal compact”? L’Europa, così come la Gran Bretagna, hanno bisogno innnanzitutto di politiche sociali. Le disuguaglianze denunciate in tutto il continente stanno scavando fossati sempre più larghi tra condizioni di vita delle persone, cittadinanza e partecipazione alla politica.

Il voto di giovedì scorso in Gb è stato una scelta (sì o no) sulla condivisione di questa Europa, non tanto sulla appartenenza a quest’Europa. E per esprimere la propria scelta i britannici sono corsi in massa ai seggi, almeno stando alle loro recenti abitudini elettorali. L’affluenza giovedì scorso è stata infatti del 72,2%, la più alta degli ultimi 19 anni. Nel 1997, alle politiche vinte da Tony Blair, votò il 71% degli elettori. Alle politiche dell’anno scorso vinte da David Cameron aveva votato soltanto il 66% degli elettori.

Perchè più elettori britannici hanno preferito votare al referendum sull’Unione Europea rispetto alle elezioni del proprio governo e del proprio parlamento?

Cosa ha prevalso nel referendum, un voto contro l’austerità (a Bruxelles come a Londra) o un voto nazionalistico per rimettere confini e barriere?

Come uscire dall’Europa dell’austerità senza finire nelle braccia di Farrage, Le Pen, Orban?

Ridare sovranità agli elettori contro le oligarchie: la destra invoca una sovranità “nazionalistica”. Esiste una sovranità “democratica”?

Colin Crouch
Colin Crouch

Sono alcune delle domande che Memos oggi ha girato al sociologo e politologo inglese Colin Crouch, professore emerito all’Università di Warwick. Crouch ha insegnato in diverse università britanniche. In Italia all’Istituto universitario europeo di Firenze. “Post-democrazia”(Laterza, 2003) è il titolo di un saggio in cui Crouch descrive le democrazie contemporanee: intatte nelle regole, degenerate nelle prassi, dove ad essere influenti sono sempre più gruppi oligarchici.

Massimo D'Antoni
Massimo D’Antoni

Ospite della puntata di oggi anche l’economista Massimo D’Antoni che insegna Scienza delle finanze all’Università di Siena.

Ascolta la puntata di Memos

  • Autore articolo
    Raffaele Liguori
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 24/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/09/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/09/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/09/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 25/09/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/09/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 25/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/09/2022

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 24/09/2022

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro

    AfroRaffa - 25/09/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/09/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 25/09/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/09/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 25/09/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 24/09/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 25/09/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/09/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 25/09/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/09/2022

    Con Pippo Mezzapesa e Francesco Patané regista e attore del film “Ti mangio il cuore”. Roberta Torre parla del suo…

    Chassis - 25/09/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/09/2022

    L’ultima notte. La maratona elettorale in diretta dalla sede di Fondazione Feltrinelli, con Radio Popolare; il Festival della fotografia etica;…

    Good Times - 25/09/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 24/09/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 25/09/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/09/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25/09/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/09/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/09/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/09/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 25/09/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 23/09/2022

    Parliamo di aborto in vista della manifestazione del 28 settembre: intervista a Lisa Canitano, ginecologa e attivista, fondatrice dell'associazione Vita…

    Sui Generis - 24/09/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di venerdì 23/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 25/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/09/2022

    1-Libano. La grave crisi economica spinge le famiglie a prendere le navi della morte. Nell’ultimo naufragio al largo delle coste…

    Esteri - 25/09/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/09/2022

    (9 - 200) Dove andiamo a sentire il tipico friccicorino delle ultime ore della campagna elettorale. Poi nella rubrica dei…

    Muoviti muoviti - 25/09/2022

Adesso in diretta