Approfondimenti

Big Pharma ricatta e l’Europa paga i vaccini

vaccini vaccinazione covid

In Europa si annunciano cause contro la Pfizer, ma la Commissione europea ha deciso di pagare l’azienda il 20 per cento in più per il pasticcio dosi e fiale dei vaccini. Cosa c’è scritto nei contratti, quanti soldi si spendono e perché l’Europa è così debole con queste aziende? Lo spiega l’eurodeputato del Gue/Sinistra Unita Marc Botenga, tra i pochi ad aver avuto accesso al contratto con Pfizer.

Che cosa dicono questi contratti? Sono impugnabili? L’Europa può far valere le sue ragioni? L’Italia, come molti altri governi, ha annunciato le proprie azioni legali.

Sicuramente per quanto riguarda il contratto, Stati e Commissione europea si possono fare valere. Il problema è che siamo davanti a una situazione in cui la Pfizer ha deciso di consegnare meno fiale: sappiamo che in una fiala non ci sono cinque dosi del vaccino, ma sei. La Pfizer dice di aver contrattato sulle dosi, e non sulle fiale, decidendo di dare il 20 per cento di fiale in meno. Questo sarebbe legale, secondo il contratto.

Ovviamente è una logica del profitto: per un Paese sarebbe invece una bellissima notizia avere il 20 per cento dei vaccini in più. Sarebbe anche un aiuto importante nella lotta contro la pandemia. Pare che invece a livello europeo ci sia un nuovo accordo con la Pfizer, che si sta concludendo in queste ore e lo vedremo questa settimana. L’accordo prevede la consegna di tutte le fiale previste, ma l’Europa deve pagare il 20 per cento in più. Questa sarebbe un ricatto, un ricatto riuscito, per la Pfizer.

Quanto valgono questi contratti? E che cosa invece non sappiamo, è segretato?

Questi contratti valgono tantissimi soldi, si parla di miliardi di euro. Non sappiamo per ogni contratto quante dosi di vaccini sono state comprate a quale prezzo: uno degli elementi che la Commissione europea non ha voluto rivelare è il prezzo. Ma evidentemente è quel che si vuol vedere di un contratto, anche per capire se si è stati “fregati”; se posso dire così. Bisogna sapere soprattutto che a finanziare ricerca e sviluppo sono stati fondi pubblici, e lo stesso vale per l’espansione della capacità produttiva. Il rischio economico e finanziario, in caso di vizi segreti, cade sugli Stati.

C’è un dibattito sul prezzo non indifferente: abbiamo anche potuto vedere che la proprietà, il brevetto, del vaccino resterà al cento per cento all’azienda farmaceutica. Personalmente questo mi inquieta moltissimo, perché se il rischio finanziario, l’investimento, è coperto da fondi pubblici o non profit, mi chiedo perché il brevetto dovrebbe restare privato. Anche per la salute pubblica. Sappiamo che oggi nessuna azienda ha la capacità di produrre abbastanza vaccino per tutti. Se il brevetto fosse diciamo “aperto”, lo potrebbero produrre molte più aziende. E ci permetterebbe, secondo me, di fermare prima la pandemia.

Di fatto lei ci sta dicendo che l’Unione europea o ha scelto una strada privatistica e privatizzata del bene pubblico vaccino. Oppure si è fatta fregare.

Quella di dare interamente il brevetto alle case farmaceutiche dei vaccini è una scelta ideologica. Sappiamo che a livello europeo c’era sia al momento dei contratti di pre acquisto, che al momento della fase ricerca e sviluppo che dell’acquisto la possibilità di negoziare qualcosa sui brevetti, sappiamo anche che gli Stati Uniti detengono parte dei brevetti del vaccino di Moderna. L’Unione europea ha scelto così per motivi secondo me ideologici, in una visione per cui il pubblico paga, si assume il rischio e i profitti poi sono privati. Peccato che qui ci sono anche danni, come non poter fornire a tutti l’accesso al vaccino. Sappiamo che ci sono una settantina di Paesi che non avranno accesso al vaccino quest’anno, è chiaramente indebolirci nella lotta contro il Covid. Per questo sono favorevole alla proposta dei Cittadini Europei, portata in Italia da Vittorio Agnoletto, di togliere il brevetto. E’ anche una proposta fatta dall’India e dal Sudafrica, e mi sembra urgente.

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 24/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/09/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/09/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/09/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 25/09/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/09/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 25/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/09/2022

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 24/09/2022

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro

    AfroRaffa - 25/09/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/09/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 25/09/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/09/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 25/09/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 24/09/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 25/09/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/09/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 25/09/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/09/2022

    Con Pippo Mezzapesa e Francesco Patané regista e attore del film “Ti mangio il cuore”. Roberta Torre parla del suo…

    Chassis - 25/09/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/09/2022

    L’ultima notte. La maratona elettorale in diretta dalla sede di Fondazione Feltrinelli, con Radio Popolare; il Festival della fotografia etica;…

    Good Times - 25/09/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 24/09/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 25/09/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/09/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/09/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/09/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 25/09/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 23/09/2022

    Parliamo di aborto in vista della manifestazione del 28 settembre: intervista a Lisa Canitano, ginecologa e attivista, fondatrice dell'associazione Vita…

    Sui Generis - 24/09/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di venerdì 23/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 25/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/09/2022

    1-Libano. La grave crisi economica spinge le famiglie a prendere le navi della morte. Nell’ultimo naufragio al largo delle coste…

    Esteri - 25/09/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/09/2022

    (9 - 200) Dove andiamo a sentire il tipico friccicorino delle ultime ore della campagna elettorale. Poi nella rubrica dei…

    Muoviti muoviti - 25/09/2022

Adesso in diretta