Approfondimenti

Attacco armato alla chiesa di Owo: intervista a Osai Ojigho di Amnesty Nigeria

Osai Ojigho

Le persone stanno cercando di superare l’esperienza scioccante che hanno vissuto; soprattutto quelli che sono rimasti feriti gravemente, stiamo cercando di salvare loro la vita. È stato fatto anche un appello nazionale per le donazioni di sangue. La situazione è ancora molto incerta e stiamo aspettando che le autorità ci dicano chi sono questi assassini e che facciano tutto il possibile per arrestarli”.

A parlare è Osai Ojigho, direttrice di Amnesty International Nigeria, avvocatessa ed esperta di diritti umani. Con lei abbiamo parlato dell’attacco armato che domenica ha sconvolto la Chiesa di St. Francis nella città di Owo e del clima di violenza che interessa il più popoloso stato africano. Da anni la Nigeria combatte con la piaga delle bande armate, la cui violenza ha matrici diverse (religiosa, politica, sociale) e che spadroneggiano su tutto il territorio,

Tra le sfide che ci troviamo di fronte c’è l’incapacità delle autorità di investigare e perseguire con successo quelli che infrangono la legge. Perché quando qualcuno commette un crimine e non viene punito, questo porta all’impunità. Le comunità pensano di non poter fare altro che cavarsela da sole. In questo momento, ci sono diversi gruppi armati nel Paese. C’è, ovviamente, Boko Haram, poi c’è l’ISWAP, un gruppo d’insurrezione islamico nell’Ovest dell’Africa. Stiamo assistendo a un aumento di gruppi armati sponsorizzati dallo Stato, come nel Sud del Paese, dove abbiamo gli “Amotekun”, o gli OPC, anche loro nel Sud-ovest. E ci sono anche le gang della criminalità organizzata che si approfittano dell’instabilità e dell’insicurezza date dall’impunità. La maggior parte degli attacchi a cui assistiamo vengono di solito attribuiti a “uomini armati non identificati”, un termine che è utilizzato spesso quando si parla di sparatorie in Nigeria. Questa cosa è preoccupante ed il fatto che le autorità permettano a questa situazione di perdurare è una vera mancanza di rispetto per il diritto alla vita.

L’azione di questi gruppi armati ha causato la morte di quasi 3.000 persone nei primi tre mesi del 2022, secondo dati diffusi dal Nigeria Security Tracker. Tuttavia, l’obiettivo di molte bande non è l’uccisione, ma il rapimento con la richiesta di riscatto: da gennaio a marzo sono state quasi 2.000 le persone prese in ostaggio. Tra quelli più noti, c’è forse il sequestro, avvenuto nel 2014, di 276 studentesse da parte del gruppo jihadista Boko Haram. Dopo 7 anni 109 di queste ragazze risultano ancora scomparse. Osai Ojigho ci ha spiegato:

Non si sa chi siano le persone che hanno attaccato la Chiesa di Owo o cosa volessero, ma dai racconti dei sopravvissuti è emerso chiaramente che volessero rapire qualcuno. In Nigeria, le persone vengono rapite per poi chiedere un riscatto, quindi trovare fondi per finanziare attività criminali. Le vittime di questi attacchi sono diverse: in quello di Owo, per esempio, l’obiettivo era la Chiesa di San Francesco perché è la più vecchia della città e lì si trovavano sia persone ricche che povere. Volevano rapire i preti, sapendo che la Chiesa avrebbe avuto interesse nel riaverli indietro. Il motivo per cui la maggior parte dei casi che avvengono nel Paese rimangono irrisolti è perché non vengono coinvolti i politici. Di solito sono le persone comuni, povere o della classe media, che devono convivere con questo problema. La realtà è che i politici, in particolare i funzionari, hanno la scorta armata. Quindi il fatto che venga rapita una persona piuttosto che un’altra dipende dalla relativa disponibilità di armi che ha e non necessariamente dal suo ruolo. Di recente alcuni attacchi si sono focalizzati su persone senza risorse economiche ma le cui comunità raccoglieranno soldi per liberarle.

L’intervista a Osai Ojigho è stata condotta da Eleonora Panseri. Potete riascoltarla nella puntata di Esteri del 7 giugno 2022.
Foto di OtuNwachinemere

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 06/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 06/07/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    La Portiera di mercoledì 06/07/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 07/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 06/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/06/2022

  • PlayStop

    Addio a Lisetta Carmi, la fotografa degli ultimi

    Ci ha lasciato all'eta' di 98 anni Lisetta Carmi, fotografa di fama internazionale e sorella dell'artista Eugenio Carmi. Viveva da…

    Clip - 07/06/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di mercoledì 06/07/2022

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 07/06/2022

  • PlayStop

    Midnight Ramblers di mercoledì 06/07/2022

    Il 12 luglio del 1962 i Rolling Stones suonarono il loro primo concerto, al Marquee di Londra. Esattamente 60 anni…

    Midnight Ramblers - 07/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 06/07/2022

    Quando magnanimi regaliamo biglietti dei concerti, tra pub e fantasmi vi portiamo in giro per Dublino, facciamo un saltello a…

    Poveri ma belli - 07/06/2022

  • PlayStop

    Cult Estate di mercoledì 06/07/2022

    A Cult Estate di oggi: Lucilla Giagnoni con "Anima Mundi" al Festival di Villa Arconati, Elisa Pol con Sosta Palmizi…

    Cult - 07/06/2022

  • PlayStop

    Odara-Caetano Veloso #80 - 3

    Joao Gilberto

    Odara – Caetano Veloso #80 - 06/07/2022

  • PlayStop

    Radiosveglia di mercoledì 06/07/2022

    La rassegna stampa dei quotidiani in edicola oggi inizia con la politica e le analisi su quel che potrà succedere…

    Radiosveglia - 07/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 06/07/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 07/06/2022

  • PlayStop

    Music revolution di martedì 05/07/2022

    La musica è rivoluzione.  A volte perché è stata usata per manifestare un’idea, altre volte perché ha letteralmente scardinato lo…

    Music Revolution - 07/05/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di martedì 05/07/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 07/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 05/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/05/2022

Adesso in diretta