Approfondimenti

Al voto la confisca dei beni ai migranti

Il parlamento danese vota la confisca dei beni ai migranti, un provvedimento annunciato nelle scorse settimane e contestato sia nel Paese sia all’estero. Le critiche non sono bastate a fermare la legge, sostenuta da un’ampia maggioranza politica, preoccupata di perdere voti tra i cittadini che temono conseguenze negative dall’accoglienza dei rifugiati.

Il governo di destra giustifica la scelta con la necessità di coprire le spese legate ai profughi. Un altro argomento usato a favore della confisca è che ai disoccupati danesi viene imposta la vendita delle proprietà sopra un certo valore, se vogliono ottenere aiuto dallo Stato. Tra i contestatori della legge, invece, c’è chi ricorda i beni sequestrati agli ebrei durante la seconda guerra mondiale.

“La Danimarca è un paese molto diviso – ci dice Thomas Harder, scrittore e traduttore italo-danese. – Una parte dell’elettorato sostiene questo provvedimento, l’altra è molto contraria. Da un pò di tempo i maggiori partiti fanno a gara nel mostrarsi duri nella gestione dei migranti. Devono misurarsi col Partito del Popolo, il più importante a sostegno del governo, una formazione nazionalista e populista. Sia i liberali sia i socialdemocratici temono di perdere voti in loro favore”.

Ascolta l’intervista a Thomas Harder

Thomas Harder

Il governo vuole anche rendere più difficili i ricongiungimenti, allungando i tempi necessari ai rifugiati per portare nel paese i loro parenti. A fare rumore però è soprattutto la confisca dei beni, contestata anche da organizzazioni internazionali per i diritti umani. “Le proteste dall’estero hanno imbarazzato ancora di più chi è contrario alla legge – spiega Harder – ma forse hanno rafforzato le convinzioni dei favorevoli. Potrebbero dire che ancora una volta soggetti stranieri cercano di toglierci la sovranità”.

Lo scrittore racconta che in Danimarca ci sono stati appelli sui giornali e cortei contro la confisca, ma non sono bastati a impedirla. Harder descrive “un clima di grande divisione e aggressività”, in un paese che quest’anno aspetta circa 20mila nuovi richiedenti asilo. Nel 2015 sono stati 15mila.

  • Autore articolo
    Andrea Monti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 25/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 26/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 25/01/21 delle 19:48

    Metroregione di lun 25/01/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 26/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Indie-Re di mar 26/01/21

    Indie-Re di mar 26/01/21

    Radio Muse Indie-re - 26/01/2021

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 25/01/21

    Jazz Anthology di lun 25/01/21

    Jazz Anthology - 26/01/2021

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 25/01/21

    Bobi Wine

    Jailhouse Rock - 26/01/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 25/01/21

    con Matteo Villaci. - punto quotidiano metro..- volontaria italiana in Croazia..- Servizio civile-cittadinanza attiva con arci..- studenti al primo giorno…

    A casa con voi - 26/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 25/01/21

    Ora di punta di lun 25/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di lun 25/01/21

    1-Stati Uniti. Al via la procedura di impeachment di Trump nel Senato. ( Roberto Festa) ..2-Prova di dialogo tra Turchia…

    Esteri - 26/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di lun 25/01/21

    Sunday Blues di lun 25/01/21

    Sunday Blues - 26/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 25/01/21

    Si parla con Sandro Mazzariol, professore dell'Università di Padova e Responsabile dell'unità d'intervento del Cetaceans strandings Emergency Response Team Cert…

    Considera l’armadillo - 26/01/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 25/01/21

    Puntata 23 - I viaggi come materiali da costruzione. La vita è un giardino di rose, pronto per una nuova…

    Gimme Shelter - 26/01/2021

  • PlayStop

    Jack di lun 25/01/21

    Yo Yo Mundi. A cura di Andrea Cegna

    Jack - 26/01/2021

  • PlayStop

    Record Store di lun 25/01/21

    Il grammelot nella popular music

    Record Store - 26/01/2021

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 25/01/21

    Senti un po' di lun 25/01/21

    Senti un po’ - 26/01/2021

  • PlayStop

    DOC di lun 25/01/21

    DOC di lun 25/01/21

    DOC – Tratti da una storia vera - 25/01/2021

  • PlayStop

    Alberto Schiavone, Alfabeto Simenon

    ALFABETO SIMENON - ALBERTO SCHIAVONE - presentato da CHAWKI SENOUCI

    Note dell’autore - 26/01/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 25/01/21

    scuola per librai mauri, libreria IlTrittico, pietro linzalone, tiziana ricci, collezione adler, biblioteca braidense, tiziana ricci, performing italy 2021, carla…

    Cult - 26/01/2021

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 25/01/21

    Gianfranco Goretti, presidente di Famiglie arcobaleno, presenta la campagna "Non esistono genitori fantasma: dichiariamolo per legge"; è morta Cecilia Mangini,…

    Sui Generis - 26/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 25/01/21

    Prima parte: la crisi di governo. Con il sotto segretario ai rapporti con il parlamento Gianluca Castaldi, il politologo Carlo…

    Prisma - 26/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 25/01/21

    Fino alle otto di lun 25/01/21

    Fino alle otto - 26/01/2021

Adesso in diretta