Approfondimenti

Una rete sotterranea di soccorso e scuole in casa: così si organizza la resistenza delle donne afghane

Afghanistan protesta donne (ansa)

Com’era prevedibile, nonostante i talebani abbiano provato a sostenere il contrario, la situazione per le donne in Afghanistan è peggiorata drasticamente. Gli è stato vietato di praticare sport per evitare di mostrare parti del proprio corpo e non è escluso che si arrivi di nuovo al divieto di uscire senza essere accompagnate. Ai microfoni di Radio Popolare Lorenza Ghidini ha intervistato Giovanna Cardarelli, attivista del CISDA, il Coordinamento Italiano per il Sostegno alle Donne Afghane. Potete riascoltare l’intervista nel podcast della puntata di prisma di venerdì 10 settembre 2021.

Dopo tanti anni di impegno, quali sono i tuoi pensieri in questi giorni in cui continuano ad arrivare notizie terribili dall’Afghanistan?

A volte viene da dire: “Ve l’avevamo detto”. In questi 20 anni abbiamo ripetuto che i talebani non se ne sono mai andati dall’Afghanistan. Il faro che ogni tanto si accendeva sul Paese si limitava a Kabul e le altre grandi città, ma nel resto dell’ Afghanistan i talebani resistevano. Provo una tristezza infinita. Vent’anni fa abbiamo invaso un Paese per liberarlo e oggi l’abbiamo riconsegna nelle mani dei talebani della peggior specie. Gli abbiamo dato un primo ministro il cui nome è sulla lista Onu dei terroristi e un ministro degli interni e capo della polizia ricercato dall’FBI con una taglia da 5 milioni di dollari sulla sua testa. Cosa ci possiamo aspettare dai talebani? Che se la prendano con le donne e, ovviamente, hanno già iniziato a farlo.

Le vostre attiviste sono tra le persone più a rischio in Afghanistan. In che condizioni è la vostra rete in questo momento? Siete in grado di farle uscire dal paese?

La nostra associazione è nata nel ’99. Conosciamo l’Afghanistan da diversi anni.
Una delle prime associazioni con cui abbiamo lavorato in Afghnistan è Rawa, l’associazione rivoluzionaria delle donne afghane, che è nata a metà degli anni ’70 e ha sempre lavorato sul territorio. Tutte le associazioni e le donne che sosteniamo hanno deciso di non venir via dal Paese e si sono rimesse a lavorare in clandestinità, esattamente come facevano vent’anni fa. Rifaranno lo stesso lavoro che hanno già fatto ai tempi dei talebani. Ricostruiranno la loro rete sotterranea avvicinando le donne e costruendo piccole scuole nelle case.

In questo momento queste associazioni stanno lavorando con i rifugiati a Kabul.
Ricordiamoci che, prima di arrivare nella capitale, i talebani hanno messo a ferro e fuoco i villaggi per un mese e mezzo. Molta gente è scappata a Kabul ed è arrivata in città senza cibo, acqua o vestiti. Nessuno verrà via dal paese: le donne afghane vogliono rimanere e ricostruire il loro Paese.

È possibile per voi lavorare con i talebani al governo?

Si. Continueremo a sostenere le nostre attiviste e faremo quello che loro ci diranno. Cercheremo di portare al mondo la loro voce. Chiediamo di non riconoscere il governo talebano, ma le forze laiche e democratiche che sono presenti in Afghanistan. Sono proprio le nostre attiviste chiedercelo e noi continueremo a dar loro voce. Ci hanno chiesto di scendere in piazza in tutte le città per non spegnere il faro puntato sull’Afghanistan. Non possiamo permetterci, fra qualche giorno o un mese, di non parlarne più. Ci sono persone che continuano a lavorare sul territorio. Non possiamo abbandonarli. È fondamentale mantenere l’attenzione sull’ Afghanistan e anche per questo motivo sabato 11 settembre alle 16, all’Arco della Pace  di Milano si terrà una manifestazione.

Cosa chiederete alla politica con il presidio di domani?

Chiediamo al nostro governo e alle istituzioni europee di non dare alcun riconoscimento al governo talebano, ma di riconoscere le organizzazioni laiche e democratiche presenti nel Paese come Rawa e Hambastagi, il partito democratico afghano formato da giovani che ha scelto di lavorare su tutto il territorio. Chiediamo che queste forze siano riconosciute come unico interlocutore e che si crei una modalità differente dai corridoi umanitari per far uscire le persone dal paese. Inoltre chiederemo di non fornire armi ai talebani. Queste sono le parole d’ordine che lanceremo durante la manifestazione di sabato.

Oltre a Milano si sono attivate anche altre città. Sulla nostra pagina facebook stiamo elencando tutte le altre realtà che hanno aderito alla nostra manifestazione e che daranno vita a dei presidi.

Riuscite a tenervi in contatto con le attiviste che vogliono rimanere in Afghanistan?

Si. Con molta difficoltà. Hanno dovuto nascondere tutto e ovviamente non possiamo scrivergli una mail. Ci sono altri sistemi grazie al quale riusciamo a metterci in contatto. Non possiamo avere risposte immediate, ma riusciamo a comunicare.

Cosa vi raccontano?

Ci raccontano di gente spaventata, ma anche che, evidentemente, tutto il lavoro che hanno fatto per le donne in questi anni ha dato qualche frutto. Le donne hanno iniziato a mobilitarsi e lo hanno fatto anche gli uomini. La protesta è montata.
E’ ovvio che non ci sono solo le attiviste in piazza, ma anche persone qualsiasi che hanno trovato la forza di andare in piazza rischiando le vendette dei talebani.
Queste manifestazioni sono frutto del lavoro capillare fatto in tutti questi anni.

Potrebbero essere anche frutto della presenza degli occidentali nelle città durante ultimi vent’anni?

Certo. Nelle grandi città era totalmente diverso e c’era più sicurezza. Ovviamente le manifestazioni sono partite dai grandi centri, perché li il lavoro è stato fatto in modo più capillare, ma anche nei piccoli villaggi ci sono state delle manifestazioni. Siamo sempre concentrati su Kabul o sulle altre città, ma c’è movimento anche nel resto del paese.

C’è chi ritiene che trattare coi talebani possa agevolare, ad esempio, la continuazione dei corridoi umanitari. Che ne pensi?

Le nostre collaboratrici ci hanno chiesto di non riconoscere il governo talebano.
Ovviamente la trattiva per i corridoi umanitari deve avvenire, però, è importante non dare l’autorevolezza di un governo ai talebani. In oltre, il corridoio umanitario è uno strumento limitante che permette di aiutare poche persone. Bisogna trovare un altro sistema. I confini sono tutti controllati. Gli afghani non possono lasciare il Paese e i talebani hanno cominciato a chiedere soldi in cambio di un lascia passare.

Foto | Kabul, 7 settembre 2021

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 25/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/06/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/06/2022

    Il ricordo di Patrizia Cavalli con Paolo Massari; le sorelle terribili di Simenon; la festa del Naga; La maschera: un…

    Good Times - 25/06/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 25/06/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 25/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25/06/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 25/06/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 25/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 24/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 24/06/2022

    1-Stati Uniti. Dopo una lunga crociata reazionaria abolito il diritto all’aborto federale. La sentenza della Corte suprema sarà applicata nella…

    Esteri - 25/06/2022

  • PlayStop

    The Game di venerdì 24/06/2022

    Puntata speciale dedicata alla memoria di Stefano Rodotà (1933-2017), il grande giurista e intellettuale morto il 23 giugno di cinque…

    The Game - 25/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 24/06/2022

    Dove si parla, e in alcuni casi si scopre, di come si possa parlare "corsivo". Ebbene sì. Poi ospitiamo lo…

    Muoviti muoviti - 25/06/2022

  • PlayStop

    Intervista a Pierfrancesco Favino di Barbara Sorrentini

    Al Bardolino Film Festival che si è tenuto la scorsa settimana, Barbara Sorrentini ha intervistato Pierfrancesco Favino, in occasione della…

    Clip - 24/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 24/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 25/06/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 24/06/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 25/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 24/06/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 25/06/2022

  • PlayStop

    Luca Crovi e Peppo Bianchessi, Il libro segreto di Long John Silver

    LUCA CROVI, PEPPO BIANCHESSI – IL LIBRO SEGRETO DI LONG JOHN SILVER – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 24/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 24/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 25/06/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 24/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il Pesaro Film Festival 22, le nuove…

    Cult - 25/06/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 24/06/2022

    Fame nel mondo, quale è la reale situazione; i medici di medicina generale; cosa sta succedendo a livello di pandemia;…

    37 e 2 - 24/06/2022

  • PlayStop

    Varoufakis: l’austerità dell’Europa è una guerra ai lavoratori

    Intervista negli studi di Radio Popolare all'ex ministro delle finanze greco Yanis Varoufakis, oggi portavoce del movimento Diem25 su guerra,…

    Clip - 24/06/2022

Adesso in diretta