Approfondimenti

Una rete sotterranea di soccorso e scuole in casa: così si organizza la resistenza delle donne afghane

Afghanistan protesta donne (ansa)

Com’era prevedibile, nonostante i talebani abbiano provato a sostenere il contrario, la situazione per le donne in Afghanistan è peggiorata drasticamente. Gli è stato vietato di praticare sport per evitare di mostrare parti del proprio corpo e non è escluso che si arrivi di nuovo al divieto di uscire senza essere accompagnate. Ai microfoni di Radio Popolare Lorenza Ghidini ha intervistato Giovanna Cardarelli, attivista del CISDA, il Coordinamento Italiano per il Sostegno alle Donne Afghane. Potete riascoltare l’intervista nel podcast della puntata di prisma di venerdì 10 settembre 2021.

Dopo tanti anni di impegno, quali sono i tuoi pensieri in questi giorni in cui continuano ad arrivare notizie terribili dall’Afghanistan?

A volte viene da dire: “Ve l’avevamo detto”. In questi 20 anni abbiamo ripetuto che i talebani non se ne sono mai andati dall’Afghanistan. Il faro che ogni tanto si accendeva sul Paese si limitava a Kabul e le altre grandi città, ma nel resto dell’ Afghanistan i talebani resistevano. Provo una tristezza infinita. Vent’anni fa abbiamo invaso un Paese per liberarlo e oggi l’abbiamo riconsegna nelle mani dei talebani della peggior specie. Gli abbiamo dato un primo ministro il cui nome è sulla lista Onu dei terroristi e un ministro degli interni e capo della polizia ricercato dall’FBI con una taglia da 5 milioni di dollari sulla sua testa. Cosa ci possiamo aspettare dai talebani? Che se la prendano con le donne e, ovviamente, hanno già iniziato a farlo.

Le vostre attiviste sono tra le persone più a rischio in Afghanistan. In che condizioni è la vostra rete in questo momento? Siete in grado di farle uscire dal paese?

La nostra associazione è nata nel ’99. Conosciamo l’Afghanistan da diversi anni.
Una delle prime associazioni con cui abbiamo lavorato in Afghnistan è Rawa, l’associazione rivoluzionaria delle donne afghane, che è nata a metà degli anni ’70 e ha sempre lavorato sul territorio. Tutte le associazioni e le donne che sosteniamo hanno deciso di non venir via dal Paese e si sono rimesse a lavorare in clandestinità, esattamente come facevano vent’anni fa. Rifaranno lo stesso lavoro che hanno già fatto ai tempi dei talebani. Ricostruiranno la loro rete sotterranea avvicinando le donne e costruendo piccole scuole nelle case.

In questo momento queste associazioni stanno lavorando con i rifugiati a Kabul.
Ricordiamoci che, prima di arrivare nella capitale, i talebani hanno messo a ferro e fuoco i villaggi per un mese e mezzo. Molta gente è scappata a Kabul ed è arrivata in città senza cibo, acqua o vestiti. Nessuno verrà via dal paese: le donne afghane vogliono rimanere e ricostruire il loro Paese.

È possibile per voi lavorare con i talebani al governo?

Si. Continueremo a sostenere le nostre attiviste e faremo quello che loro ci diranno. Cercheremo di portare al mondo la loro voce. Chiediamo di non riconoscere il governo talebano, ma le forze laiche e democratiche che sono presenti in Afghanistan. Sono proprio le nostre attiviste chiedercelo e noi continueremo a dar loro voce. Ci hanno chiesto di scendere in piazza in tutte le città per non spegnere il faro puntato sull’Afghanistan. Non possiamo permetterci, fra qualche giorno o un mese, di non parlarne più. Ci sono persone che continuano a lavorare sul territorio. Non possiamo abbandonarli. È fondamentale mantenere l’attenzione sull’ Afghanistan e anche per questo motivo sabato 11 settembre alle 16, all’Arco della Pace  di Milano si terrà una manifestazione.

Cosa chiederete alla politica con il presidio di domani?

Chiediamo al nostro governo e alle istituzioni europee di non dare alcun riconoscimento al governo talebano, ma di riconoscere le organizzazioni laiche e democratiche presenti nel Paese come Rawa e Hambastagi, il partito democratico afghano formato da giovani che ha scelto di lavorare su tutto il territorio. Chiediamo che queste forze siano riconosciute come unico interlocutore e che si crei una modalità differente dai corridoi umanitari per far uscire le persone dal paese. Inoltre chiederemo di non fornire armi ai talebani. Queste sono le parole d’ordine che lanceremo durante la manifestazione di sabato.

Oltre a Milano si sono attivate anche altre città. Sulla nostra pagina facebook stiamo elencando tutte le altre realtà che hanno aderito alla nostra manifestazione e che daranno vita a dei presidi.

Riuscite a tenervi in contatto con le attiviste che vogliono rimanere in Afghanistan?

Si. Con molta difficoltà. Hanno dovuto nascondere tutto e ovviamente non possiamo scrivergli una mail. Ci sono altri sistemi grazie al quale riusciamo a metterci in contatto. Non possiamo avere risposte immediate, ma riusciamo a comunicare.

Cosa vi raccontano?

Ci raccontano di gente spaventata, ma anche che, evidentemente, tutto il lavoro che hanno fatto per le donne in questi anni ha dato qualche frutto. Le donne hanno iniziato a mobilitarsi e lo hanno fatto anche gli uomini. La protesta è montata.
E’ ovvio che non ci sono solo le attiviste in piazza, ma anche persone qualsiasi che hanno trovato la forza di andare in piazza rischiando le vendette dei talebani.
Queste manifestazioni sono frutto del lavoro capillare fatto in tutti questi anni.

Potrebbero essere anche frutto della presenza degli occidentali nelle città durante ultimi vent’anni?

Certo. Nelle grandi città era totalmente diverso e c’era più sicurezza. Ovviamente le manifestazioni sono partite dai grandi centri, perché li il lavoro è stato fatto in modo più capillare, ma anche nei piccoli villaggi ci sono state delle manifestazioni. Siamo sempre concentrati su Kabul o sulle altre città, ma c’è movimento anche nel resto del paese.

C’è chi ritiene che trattare coi talebani possa agevolare, ad esempio, la continuazione dei corridoi umanitari. Che ne pensi?

Le nostre collaboratrici ci hanno chiesto di non riconoscere il governo talebano.
Ovviamente la trattiva per i corridoi umanitari deve avvenire, però, è importante non dare l’autorevolezza di un governo ai talebani. In oltre, il corridoio umanitario è uno strumento limitante che permette di aiutare poche persone. Bisogna trovare un altro sistema. I confini sono tutti controllati. Gli afghani non possono lasciare il Paese e i talebani hanno cominciato a chiedere soldi in cambio di un lascia passare.

Foto | Kabul, 7 settembre 2021

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 20/09/21 delle 19:49

    Metroregione di lun 20/09/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 20/09/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di lun 20/09/21

    1-Elezioni anticipate oggi in Canada. Il premier uscente Trudeau punta a un terzo mandato. Ma i sondaggi della vigilia dicono…

    Esteri - 20/09/2021

  • PlayStop

    The Game di lun 20/09/21

    //Reddito di cittadinanza, le proposte di modifica del Comitato scientifico nominato dal ministro Orlando e presieduto dalla sociologa Chiara Saraceno.…

    The Game - 20/09/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di lun 20/09/21

    Il coro dei lavoratori della GKN di Campi Bisenzio che hanno festeggiato la sentenza del Tribunale del Lavoro di Firenze…

    Muoviti muoviti - 20/09/2021

  • PlayStop

    Otzi e le tv private

    Andrea Bellati ci toglie una raffica di BOH! sull'omo di ghiaccio, Margherita Fruzza cerca di capire chi stia peggio fra…

    Di tutto un boh - 20/09/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 20/09/21

    Si parla con Rosario Balestrieri e Arnaldo Iudici, ornitologi di Associazione Ardea, del Progetto Migrandata Cervati, di Gracchio Corallo, di…

    Considera l’armadillo - 20/09/2021

  • PlayStop

    Jack di lun 20/09/21

    Piergiorgio Pardo inviato al Medimex, Mannarino ospite in radio

    Jack - 20/09/2021

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lun 20/09/21

    Poveri ma belli di lun 20/09/21

    Poveri ma belli - 20/09/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di lun 20/09/21 delle 12:48

    Seconda pagina di lun 20/09/21 delle 12:48

    Seconda pagina - 20/09/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 20/09/21

    ira rubini, cult, marcello lorrai, biennale musica 21, serate musicali 21, lorenzo passerini, conservatorio, tiziana ricci, photofestival 21, roberto mutti,…

    Cult - 20/09/2021

  • PlayStop

    Elezioni Comunali Milano 2021, viaggio nei quartieri: Loreto - NoLo - via Padova

    Clip di lun 20/09/21

    Clip - 20/09/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di lun 20/09/21

    Tutto scorre di lun 20/09/21

    Tutto scorre - 20/09/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 20/09/21

    Green Pass obbligatorio sui luoghi di lavoro, come si organizzano nelle piccole attività del commercio, artigianato, etc e nelle grandi…

    Prisma - 20/09/2021

  • PlayStop

    Guarda che lune di lun 20/09/21

    Guarda che lune di lun 20/09/21

    Guarda che Lune - 20/09/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di lun 20/09/21 delle 07:50

    Seconda pagina di lun 20/09/21 delle 07:50

    Seconda pagina - 20/09/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 20/09/21

    Rassegna stampa internazionale di lun 20/09/21

    Rassegna stampa internazionale - 20/09/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 20/09/21

    Rassegna stampa internazionale di lun 20/09/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 20/09/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di lun 20/09/21

    Caffe nero bollente di lun 20/09/21

    Caffè Nero Bollente - 20/09/2021

Adesso in diretta