Approfondimenti

“A Yavoriv ho visto i foreign fighters”

Yavoriv ANSA

I missili russi hanno sfiorato il confine polacco. Almeno 30 missili sono stati lanciati contro la base militare di Yavoriv, nell’ovest dell’Ucraina, un Centro Internazionale per la Sicurezza e le Operazioni di Peacekeeping che negli anni scorsi è stato usato anche per esercitazioni congiunte Ucraina-NATO e per l’addestramento di personale, anche straniero, per le operazioni di pace in giro per il mondo. L’esercito ucraino ha parlato di 35 morti e 134 feriti, mentre secondo l’agenzia russa Tass sarebbero almeno 180 i miliziani stranieri uccisi.

Bianca Senatore è appena rientrata da Yavoriv, dove ha incontrato persone che si arruolavano, provenienti da diversi paesi europei.

Proprio tre giorni fa tu eri a Yavoriv, alla casera che ieri notte i russi hanno bersagliato di missili. Perché eri lì?

Sono andata alla caserma di Yavoriv perché un autista che abbiamo incontrato appena entrati in Ucraina dal confine di Medyka ha raccontato a me e al collega francese che proprio lì si addestravano i Foreign Fighters. Quelli che in queste settimane sono arrivati in Ucraina per combattere contro i russi. A quel punto ci siamo diretti a Yavoriv e ci siamo avvicinati alla caserma ed effettivamente lì intorno abbiamo visto un movimento di uomini in mimetica. Tutti in gruppetti, che parlavano tra di loro in inglese, quindi evidentemente non ucraini e non provenienti dagli stessi Paesi. Non sono potuta entrare nel centro perché ovviamente non avevo il permesso, quindi non posso essere certa al cento per cento che all’interno si addestrassero le reclute, ma l’informazione ci è stata fornita da almeno quattro fonti diverse.

Hai incontrato dei foreign fighters?

Alcuni foreign fighers hanno accettato di parlare con me e di raccontare perché sono andati a combattere contro i russi. Hanno confermato di essere arrivati a Yavoriv per addestrarsi. E ci hanno detto che era stata scelta proprio quella base sia perché era in una zona ritenuta, almeno fino a ieri notte, sicura, sia perché è abbastanza vicina al confine polacco. E dunque, un buon punto di ritrovo per le reclute straniere. I ragazzi, tutti molto giovani, hanno detto di essere arrivati da diversi Paesi appositamente per combattere contro i russi. Perché l’attacco all’Ucraina, hanno detto, è stato un attacco a tutta l’Europa.

Hai incontrato anche dei foreign fighters olandesi?

Tra i ragazzi che abbiamo intercettato c’erano combattenti provenienti dall’Olanda, ma anche dalla Svizzera, dalla Spagna, dalla Georgia e dal Regno Unito. Una guardia di frontiera ci ha detto che sono arrivati anche molti statunitensi, ma non ragazzi giovani alle prime armi. Perché la cosa che mi ha sorpreso è che tra tutti quelli che ho incontrato, che mi abbiano parlato a lungo o meno, quasi nessuno aveva mai imbracciato un fucile. Alla base di Yavoriv andavano proprio per imparare a sparare, a scappare con un lanciarazzi tra le braccia, a mirare e uccidere un uomo.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 18/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 18/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 18/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 18/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 17/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 17/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 18/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA, AGGIORNAMENTI E ANALISI Con Nico Piro, inviato speciale Rai, in Afghanistan, ora di ritorno dalla Russia, che…

    Prisma - 18/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 18/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 18/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 18/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 18/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 18/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 18/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 18/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 18/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 18/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 18/05/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 18/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 18/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 17/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 18/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 17/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 18/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 17/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 18/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 17/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 18/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 17/05/2022

    1-Ucraina. Verso una nuova evacuazione dal sito Azovstal. Ieri 264 combattenti si erano arresi alle truppe russe. Il Punto di…

    Esteri - 17/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 17/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 18/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 17/05/2022

    Dove si parla del bando dell'ARPAC della Campania per cercare "esaminatori di odori". Richiesto buon naso e un'estrema pulizia del…

    Muoviti muoviti - 18/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 17/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 18/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 17/05/2022

    Si parla con Gianluca Felicetti presidente di Lav su ministro Cingolani, Europa, caccia, cinghiali, Roma, ma anche del censimento del…

    Considera l’armadillo - 18/05/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 17/05/2022

    Novità e approfondimenti con Jack Box a cura di Ilaria Bonelli

    Jack - 18/05/2022

Adesso in diretta