Approfondimenti

4 zone rosse in Lombardia a Bollate, Viggiù, Mede e Castrezzato

Lombardia Zone Rosse

L’ordinanza firmata martedì sera da Attilio Fontana, stranamente senza annunci e commenti da parte della Regione, è la prima zona rossa locale a quasi un anno di distanza dalle prime zone focolaio di Codogno e della bassa lodigiana, che però erano state decise dal governo. Quindi la prima notizia è che la Regione può fare le zone rosse (come non fece ad Alzano e Nembro, addossando la responsabilità al governo).

La seconda notizia è che questo dovrebbe essere il nuovo modello, già sperimentato in Toscana e Umbria: piccole zone rosse per evitare quelle totali di fronte al diffondersi delle varianti. Basterà superare i 250 casi positivi ogni 100mila abitanti per finire sotto i riflettori del CTS. E questi quattro Comuni sono oltre questa soglia. Lo erano da giorni, a dire il vero, alcuni come Viggiù da due settimane, con le scuole già chiuse, visto che la variante inglese sembra trovare terreno fertile anche tra i più piccoli.

I sindaci interessati hanno appreso ieri sera la notizia da Fontana o dai prefetti. Quello di Castrezzato nella bassa bresciana definisce eccessivo il provvedimento: scuole e parchi erano già chiusi, insieme ad altre limitazioni. Quello di Mede nel pavese lo definisce punitivo e ricorda lo screening su tutta la popolazione scolastica già previsto con la locale Ats da stamattina. Di Viggiù, invece, sappiamo che i casi erano circa 70 e che anche qui stamattina era già previsto lo screening di massa per tutti i 5mila abitanti. Ma proprio qui, sempre ieri, la locale ATS ha annunciato di aver scoperto per la prima volta la presenza di una variante definita scozzese. E questa è la terza notizia.

E poi c’è Bollate, 40mila abitanti al confine, indistinguibile con Milano. Qui il sindaco, di centrosinistra è più collaborativo, nonostante ricordi di non avere a disposizione numeri e parametri per spiegarsi la decisione, ma che essendo alle porte di Milano può comprendere la preoccupazione. E qui sta l’ultima notizia: scala ridotta, si ripete il copione già visto tra Regione Lombardia e governo, con i sindaci, soprattutto di Lega e centrodestra che protestano per le decisioni prese con dati non aggiornati e senza coinvolgere i sindaci sul territorio. E lo dicono ad Attilio Fontana.

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 03/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/03/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 03/07/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 07/03/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 03/07/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 07/03/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 03/07/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 07/03/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 03/07/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 07/03/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 02/07/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 02/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/02/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 02/07/2022

    Enzo Gentile ci racconta di Naturalmente Pianoforte, un festival toscano che prenderà il via il 20 luglio. Iasko e Kit…

    Stay human - 07/02/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 02/07/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 07/02/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 02/07/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 07/02/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 02/07/2022

    25° “Voci per la libertà - Una canzone per Amnesty”; Biennale Teatro; Tiziana Ricci e l’arte; ; i consigli di…

    Good Times - 07/02/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 02/07/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 07/02/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 02/07/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Alberto Guariso e Gianfranco Schiavone

    Nono e ultimo incontro di “Lezioni di antimafia”. Gli ospiti sono Alberto Guariso, avvocato ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) e…

    Lezioni di antimafia - 01/07/2022

Adesso in diretta