Hana Al-Khamri in un frame
Parla Hana Al-Khamri

Le donne in Arabia Saudita oltre al diritto di guidare

venerdì 12 ottobre 2018 ore 17:58

In Arabia Saudita ora le donne possono guidare: è stato abolito un divieto lungo una vita, a cui si sono opposte ondate di donne, dal 2011 organizzate nel “Women to drive movement”. Tra le nazioni estere l’abolizione del divieto è filtrato come una gentile concessione del principe progressista Mohammad Bin Salman, figlio di quel re novantenne Salman Abd al-ʿazīz che per anni ha vietato alle donne di guidare. Non è però proprio così che sono andate e vanno le cose. Il diritto di guidare è una vittoria del movimento femminista, ma soprattutto è una “riforma di cartapesta”: così l’ha definita la sociologa saudita Madawi al-Rasheed in un articolo per il Middle East Eye ripreso da Internazionale. Bin Salman ha concesso la guida alle donne e auspica un’Arabia Saudita moderna e progressista, ma intanto mette in carcere attivisti, giornalisti e chiunque dissenta. A maggio di quest’anno, almeno cinque attiviste sono state prelevate dalle loro case e scortate in prigione.

Ne abbiamo parlato con Hana Al-Khamri, una giornalista saudita. Ha lavorato per un quotidiano locale a Jeddah, “ma non ho mai visto il mio caporedattore, né il direttore. Parlavamo al telefono e io stavo in un’altra stanza, perché sono donna”. Ora vive in Svezia, e si occupa soprattutto di Yemen e diritti di genere.

Durante la vostra conferenza al Festival di Internazionale di Ferrara, la sociologa saudita Madawi al-Rasheed ha detto che ora le donne possono guidare da sole verso la prigione. Cosa vuol dire?

Significa che vivi in uno Stato di paura, in Arabia Saudita. Uno stato in cui il regime ti dà dei diritti limitati solo quando soddisfa la loro agenda politica. E quando provi a sfidare la legge e chiedi di più, quando chiedi di essere considerato un cittadino attivo a tutti gli effetti, invece di metterti dietro al volante, ti mettono dietro alle sbarre.

Diritti umani e attività politica ed economica sono strettamente legate in Arabia Saudita

Quando le donne si mobilitano e chiedono più diritti, non è una questione che riguarda solo le loro ma tutta la società. Quando le donne cambiano, cambiano tutta le regole: la struttura del potere, la legislazione patriarcale. Il regime in Arabia Saudita teme un cambiamento che proviene dal basso, in cui le donne si appropriano delle strade pretendendo più diritti. E sa che più sarà permesso, più la scintilla si diffonderà e il popolo chiederà democrazia e di avere una Costituzione.

E questa è una delle ragioni per cui in Arabia Saudita non c’è un Parlamento eletto

Esatto. Non c’è un Parlamento eletto e chiunque provi a esprimere dissenso a riguardo viene messo in prigione. L’unico obiettivo per il regime è mantenere e proteggere il potere centrale, e le entrate di Salman Abd al-ʿAzīz.

La rimozione del divieto di guidare è un successo nato solo dall’impegno di Mohammed bin Salman, o è stato merito delle attiviste?

Togliere il divieto di guidare è stata una battaglia delle donne dal 1990. E vuoi sapere qual è la cosa divertente? Nel 1990 quando le donne sono scese in strada a protestare contro il divieto guidando le macchine dei loro autisti privati e dei loro padri sono state arrestate, i loro passaporti sono stati stracciati e sono state licenziate. Il fautore di questa ondata di incarcerazioni è Salman Abd al-ʿAzīz, l’attuale re saudita che ai tempi era il governatore di Riyadh. 27 anni dopo, oggi, dopo aver punito le figure leader di quel movimento, il governo ha detto che ha deciso di dare alle donne il diritto di guidare. È vero, l’hanno fatto, ma non perché credono nella parità dei sessi o perché vogliono dare dignità alle donne, ma per proteggere la legittimità del regime, che ha avuto una crisi economica. E un modo per superare questa crisi era rendere le donne parte della forza lavoro rimuovendo uno degli ostacoli maggiori, cioè appunto il fatto che non potessero guidare. Questo mostra come questo governo sia antifemminista, contro i diritti delle donne. Quando hanno rimosso il divieto di guidare, tutti volevano darne credito ai movimenti del 1990, del 2011, del 2013, campagne promosse dalle donne. Ma il regime non ha voluto, ha invece preferito screditare le donne. Ma questo cambiamento è avvenuto grazie alla loro determinazione e mobilitazione. Il regime ha paura che le persone potrebbero sapere che mobilitandosi si possono cambiare le cose. Da un lato ha permesso alle donne di guidare, ma le donne rimangono comunque legalmente cittadine di serie b. Quindi stai seduta al volante, ma devi comunque avere il permesso di un parente uomo per guidare, per viaggiare, addirittura per comprare effettivamente una macchina. Questo non ha niente a che fare con il femminismo, con la parità dei sessi.

Tu abiti in Svezia. In Italia immaginiamo la Svezia come un posto felice in cui tutto funziona bene. È davvero così?

Prima di tutto cerco sempre di essere cauta, quando faccio questi paragoni, perché dobbiamo sempre guardare un paese inserito nel suo contesto. Non mi piacciono le dicotomie: felice, triste, buono, cattivo…il mondo e la realtà sono molto più complessi, in Arabia Saudita e in Svezia. Certo la battaglia per la parità dei sessi in Arabia Saudita dura da più tempo e le donne stanno combattendo per i diritti umani di base, ma ci sono altre forme di lotta in Svezia. C’è un partito di estrema destra che è effettivamente contro i diritti delle donne, contro l’aborto…quindi c’è un passo indietro ora nella lotta per i diritti delle donne. Dobbiamo trattare i due contesti in modo differente.

Intervista a cura di Martina Pagani

Arabia Saudita donne alla guida - Intervista Hana Al-Khamri

Hana Al-Khamri in un frame

Aggiornato lunedì 15 ottobre 2018 ore 20:29
TAG