Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 18/11 delle ore 10:29

    GR di lun 18/11 delle ore 10:29

    Giornale Radio - 18/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 18/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 18/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 18/11 delle 07:14

    Metroregione di lun 18/11 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 18/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/11 (terza parte)

    Prisma di lun 18/11 (terza parte)

    Prisma - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/11 (prima parte)

    Prisma di lun 18/11 (prima parte)

    Prisma - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/11 (seconda parte)

    Prisma di lun 18/11 (seconda parte)

    Prisma - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/11

    Prisma di lun 18/11

    Prisma - 18/11/2019

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 18/11

    Rassegna stampa internazionale di lun 18/11

    Rassegna stampa internazionale - 18/11/2019

  • PlayStop

    Di Lunedi di lun 18/11

    Di Lunedi di lun 18/11

    DiLunedì - 18/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/11 (prima parte)

    Fino alle otto di lun 18/11 (prima parte)

    Fino alle otto - 18/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/11 (seconda parte)

    Fino alle otto di lun 18/11 (seconda parte)

    Fino alle otto - 18/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/11 (terza parte)

    Fino alle otto di lun 18/11 (terza parte)

    Fino alle otto - 18/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/11

    Fino alle otto di lun 18/11

    Fino alle otto - 18/11/2019

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 17/11 (seconda parte)

    Reggae Radio Station di dom 17/11 (seconda parte)

    Reggae Radio Station - 18/11/2019

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 17/11 (prima parte)

    Reggae Radio Station di dom 17/11 (prima parte)

    Reggae Radio Station - 18/11/2019

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 17/11

    Reggae Radio Station di dom 17/11

    Reggae Radio Station - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 17/11 (seconda parte)

    Prospettive Musicali di dom 17/11 (seconda parte)

    Prospettive Musicali - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 17/11 (prima parte)

    Prospettive Musicali di dom 17/11 (prima parte)

    Prospettive Musicali - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 17/11

    Prospettive Musicali di dom 17/11

    Prospettive Musicali - 18/11/2019

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 17/11

    Sacca del Diavolo di dom 17/11

    La sacca del diavolo - 18/11/2019

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 17/11 (terza parte)

    Sunday Blues di dom 17/11 (terza parte)

    Sunday Blues - 18/11/2019

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 17/11 (prima parte)

    Sunday Blues di dom 17/11 (prima parte)

    Sunday Blues - 18/11/2019

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 17/11 (seconda parte)

    Sunday Blues di dom 17/11 (seconda parte)

    Sunday Blues - 18/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

A rischio habitat e specie protette

500mila e 325 firme per salvaguardare la natura. Tante sono quelle consegnate alla Commissione europea da un centinaio di associazioni ambientaliste europee, al termine di una campagna durata sei mesi.

Le associazioni chiedono che le direttive europee a tutela di ambiente e animali non siano annacquate e per questo hanno lanciato l’operazione “Nature Alert” (Allarme natura). Oggi il 18% del territorio europeo (1 milione di chilometri quadrati) e il 4% dei siti marini (250mila chilometri quadrati) fanno parte di Natura 2000, la rete di aree protette più grande al mondo.

Il fatto è che Bruxelles sta rivendendo la attuale normativa – molto stringente – e il timore è che ci siano pesanti cedimenti alle lobby industriali, tali da mettere in pericolo la tutela dell’ambiente. Le leggi attuali, dunque, potrebbero essere modificate in senso più lassista.

C’è chi vuole indurre le istituzioni europee – è la denuncia – a rivedere in particolare due direttive: le Direttive “Habitat” e “Uccelli” e il rischio è che vengano introdotte deroghe e scappatoie per chi inquina. Le  norme europee sulla Natura, infatti, sono una barriera alla perdita della biodiversità: il 60% degli animali e delle piante europee e il 77% degli habitat sono ancora oggi in pericolo. Secondo le associazioni ambientaliste, il processo di valutazione delle attuali normative si tiene in un clima ostile alla conservazione della natura e che rischia di cancellare decenni di progresso nella protezione dell’ambiente. Le due direttive in esame infatti sono riconosciute come tra le più rigorose leggi al mondo per la difesa di animali selvatici, piante e habitat naturali dall’estinzione.

Grazie a queste normative, l’Europa ha oggi il più grande network al mondo di aree protette: la rete Natura 2000, che copre circa il 20% del territorio europeo e il 4% dei suoi siti marini. Ma la crisi economica ha cambiato l’ordine delle priorità: in questo momento la spinta perché vengano introdotte norme meno vincolanti, in nome di una maggiore spinta all’attività industriale. Il conflitto fra questi due interessi rischia dunque di spostare il baricentro verso un maggior lassismo.

Parte del processo di revisione delle direttive è la consultazione pubblica in cui la Commissione europea chiede l’opinione dei cittadini. E qui entra in gioco la campagna “Nature Alert”. All’iniziativa partecipano Birdlife Europa (Lipu in Italia), Wwf, European Environmental Bureau e Friends of Earth Europe. “Abbiamo una grande mole di evidenze scientifiche – ha dichiarato Angelo Caserta direttore di BirdLife Europa – che mostrano come queste direttive quando implementate funzionano; e molti esempi dimostrano che non ostacolano lo sviluppo economico”. Secondo Jeremy Wates, segretario generale di EEB, “la Commissione e gli stati membri dovrebbero applicare le attuali normative, invece di impegnarsi nel disfarle”.

La Commissione europea ha preso atto della forte richiesta arrivata dalla petizione presentata oggi. E si è data da fare per rassicurare gli ambientalisti sulla bontà della revisione, che non porterebbe a un indebolimento delle tutele ambientali. E così ha fatto la presidenza lussemburghese del Consiglio europeo. “Il grande coinvolgimento dei cittadini mostra che la natura è importante per la società civile e non possiamo in nessun caso abbassare la sua tutela, è una questione di credibilità delle politiche europee” ha detto il ministro dell’ambiente del Lussemburgo, Carole Dieschbourg.

Ma c’è anche un problema di risorse. Quelle necessarie alla tutela delle aree protette. La rete delle aree protette Ue “produce benefici per 2-300 miliardi di euro l’anno”, ha ricordato Dieschbourg. Il problema è che queste aree sono a corto di risorse: secondo uno studio Ue, conservarle costa 5,8 miliardi di euro, ma appena il 19% arriva dai fondi comunitari e i finanziamenti nazionali non riescono a coprire tutto il resto della spesa.

 

 

  • Autore articolo
    Alessandro Principe
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni