Approfondimenti

1960, l’anno delle indipendenze africane: Indépendance Cha Cha

Hotel Plaza Bruxelles - Indépendance Cha Cha

Ad aprire le danze delle indipendenze africane, è, già il primo gennaio, il Camerun; il 4 aprile entra in pista il Senegal: alla fine del 1960 sono ben diciassette i Paesi africani che si sono aggiunti al ballo degli Stati indipendenti. Un’ondata di nuovi Stati, un’ondata di nuovi inni nazionali. Ma oltre agli inni dei singoli Stati c’è un altro inno: non ufficiale, sbarazzino, panafricano, addirittura ballabile. Già: indépendance in francese non rima forse con danse? E gran parte dell’Africa nera ballerà forsennatamente l’Indépendance Cha Cha.

Al principio del ’60 la definizione dei tempi dell’indipendenza del Congo Belga arriva alla stretta finale. Il 20 gennaio si apre a Bruxelles quella che passerà alla storia come “Table Ronde” belga-congolese, alla quale partecipano esponenti governativi e parlamentari belgi e rappresentanti delle forze politiche e capi tradizionali congolesi.

Il quartier generale dei congolesi è l’Hotel Le Plaza: ma qualcuno ha provveduto a non farli sentire troppo spaesati, e a portare un po’ di calore congolese nel freddo inverno di Bruxelles. A dar man forte ai delegati congolesi sbarca così a Bruxelles una formazione di eccellenza di quella musica moderna che a Leopoldville ha cominciato a muovere i primi passi, formazione guidata da Joseph Kabasele, noto soprattutto come Le Grand Kallé.

Manu Dibango, che dal Camerun che gli ha dato i natali è arrivato sedicenne a Marsiglia nel ’49, e che negli anni cinquanta si è appassionato al jazz di Louis Armstrong, Sidney Bechet, Duke Ellington, è proprio in quella occasione, in cui incontra Kabasele, che ha la rivelazione della musica africana moderna. Non solo: a Kabasele piace come Dibango suona il sax, lo ingaggia per il proprio gruppo, e lo porta con sé in quel continente nero che il futuro decano della musica africana in Europa quasi non conosce.

Il 27 gennaio la “tavola rotonda” approda alla decisione di una data per l’indipendenza, il 30 giugno: all’Hotel Le Plaza, Kabasele lancia col suo complesso Indépendance Cha Cha.

L’appuntamento con la storia a cui arriva puntuale a Bruxelles nel ’60 è solo il momento più epico della carriera di Kabasele: dai primi anni cinquanta Le Grand Kallé getta le basi della straordinaria rumba congolese, che per decenni sarà la massima rappresentazione dello spirito del suo paese e di tutto il continente: e con la sua musica, con cui non solo riflette ma contribuisce anche a formare la nuova identità delle popolazioni inurbate a Leopoldville (poi nel ’66 ribattezzata Kinshasa), il loro senso di sé e del loro essere dei congolesi moderni, Le Grand Kallé la storia non si limita ad incrociarla ma, direttamente, la scrive.

Foto di MarekF

  • Autore articolo
    Marcello Lorrai
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 05/03/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 03/05/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 05/03/21 delle 19:49

    Metroregione di ven 05/03/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 03/05/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 05/03/21

    Doppia Acca di ven 05/03/21

    Doppia Acca - 03/06/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 05/03/21

    A casa con voi di ven 05/03/21

    A casa con voi - 03/05/2021

  • PlayStop

    Andrà tutto bene, terza puntata: l'ultimo viaggio

    Il contagio sottovalutato, l'ospedale di Alzano lombardo riaperto in fretta e furia, la zona rossa rinviata all'ultimo minuto, le campane…

    Andrà Tutto Bene - 03/05/2021

  • PlayStop

    Esteri di ven 05/03/21

    ..1-Papa Francesco in Iraq. Nel suo primo discorso ha criticato il governo locale per la corruzione e il settarismo, ha…

    Esteri - 03/05/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 05/03/21

    Ora di punta di ven 05/03/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 03/05/2021

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 05/03/21

    Follow Friday di ven 05/03/21

    Follow Friday - 03/05/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 05/03/21

    Uno di Due di ven 05/03/21

    1D2 - 03/05/2021

  • PlayStop

    Jack di ven 05/03/21

    Jack di ven 05/03/21

    Jack - 03/05/2021

  • PlayStop

    Stay Human di ven 05/03/21

    Stay Human di ven 05/03/21

    Stay human - 03/05/2021

  • PlayStop

    Memos di ven 05/03/21

    Occupazione e salari, quando il divario di genere è vera disuguaglianza. A Memos la sociologa Enrica Morlicchio, dell’università Federico II…

    Memos - 03/05/2021

  • PlayStop

    Note dell'autore di ven 05/03/21

    Note dell'autore di ven 05/03/21

    Note dell’autore - 03/05/2021

  • PlayStop

    Cult di ven 05/03/21

    ira rubini, cult, noir in fest 2021, barbara sorrentini, joe evan, sanremo 2021, arnica, cattive immagini, valeria bucchetti, franco angeli…

    Cult - 03/05/2021

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 05/03/21

    Efficienza energetica significa non solo etichette (con Anna Crimella di Eliante) ma molto di più. Lo approfondiamo con Arianna Vitali…

    C’è luce - 03/05/2021

  • PlayStop

    Prisma di ven 05/03/21

    Abbiamo parlato con voi di quanto siete arrabbiati per questa repentina chiusura delle scuole e di come farete in questi…

    Prisma - 03/05/2021

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 05/03/21

    Il Giorno Delle Locuste di ven 05/03/21

    Il giorno delle locuste - 03/05/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 05/03/21

    Il demone del tardi - copertina di ven 05/03/21

    Il demone del tardi - 03/05/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 05/03/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 5 marzo 2003 - Nature…

    Fino alle otto - 03/05/2021

Adesso in diretta