2330 casi quest'anno

Lo stupro fa notizia se il colpevole è straniero

venerdì 01 settembre 2017 ore 10:00

Perché ci sono così tanti stupri, in questa estate? E’ cresciuto il numero degli stupratori, si sono aperte le gabbie? Qualcuno impazzisce dal caldo?

Soltanto ieri sulla pagina principale di un quotidiano nazionale on line si leggeva di 7 diversi episodi di violenza sessuale ai danni di donne, in un solo giorno.

La verità è che gli stupri sono quotidiani e sono molti di più. Quelli denunciati, una minoranza, sono stati 2333 da gennaio a luglio 2017. Fanno 11 al giorno. Ma “normalmente” non finiscono sui giornali, perché sono considerati, appunto, normalità. Si parla tutt’al più di femminicidi, che sono molti meno, uno ogni tre giorni. Gli stupri compaiono improvvisamente nelle cronache se si tratta di un fatto di particolare efferatezza, come ad esempio una violenza di gruppo, particolarmente odiosa, oppure se i fatti sono oggetto di una polemica politica. Quello che accade ora è che lo stupro di gruppo di Rimini, che racchiude entrambe le casistiche, è stato strumentalizzato per aizzare un discorso razzista, che in questo momento è molto in voga. I quattro stupratori non sono ancora stati catturati, ma si ipotizza che siano nordafricani. E allora anche gli altri casi di stupro diventano improvvisamente visibili per le testate giornalistiche.

Torniamo ai dati del ministero dell’Interno. Le violenze sessuali rispetto allo scorso anno sono in leggero calo: ce ne sono state 12 in meno. Gli stupratori sono italiani nel 63% dei casi, stranieri nel 37%. In leggero aumento rispetto allo scorso anno gli italiani, in leggera diminuzione gli stranieri. Sono numeri risibili, rispetto all’enormità degli stupri quotidiani che avvengono in Italia. E alle donne che subiscono, non interessa nulla della nazionalità dei violentatori. Non vogliono che la loro sofferenza sia strumentalizzata. E infatti le vittime scompaiono dalle cronache. Al centro del dibattito, ci sono gli stupratori. Ma non si parla della cultura sessista che è alla base della violenza sulle donne. Ci si concentra sulla nazionalità.

Aggiornato mercoledì 13 settembre 2017 ore 17:00
TAG