giunta e periferie

La partita da 90 milioni su Giambellino

mercoledì 29 giugno 2016 ore 11:25

Anche la Casetta Verde di via Odazio 7 in cui si riunirà la prima giunta dell’era Sala sarà abbattuta e ricostruita. Quando ancora non si sa, ma fa parte degli interventi di riqualificazione finanziati con 90 milioni, buona parte della Comunità europea, e assegnati a Comune di Milano, Regione e Aler per ridisegnare una parte del quartiere. E’ la grande partita che si gioca su Giambellino insieme al passaggio della nuova linea 4 della metropolitana.

Via Odazio, Lorenteggio, Inganni, Giambellino: è all’interno di questo quadrilatero di vie che avverrà la riqualificazione. Il Fondo Sociale Europeo e il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale hanno affidato a Regione Lombardia 55 milioni, 25 li mette il Comune di Milano, di cui 20 da fondi propri del bilancio e 5 comunitari. Altri 12 milioni arrivano dal bilancio regionale e saranno utilizzati per le opere di bonifica dall’amianto.

La riqualificazione interesserà 12 edifici per circa 400 alloggi. A questi si aggiungono altri 25 edifici interessati da interventi di bonifica dall’amianto e 240 alloggi attualmente sfitti e non assegnabili. Secondo le stime del Comune l’intervento interesserà circa 1.500 famiglie.

Sono tre le linee di intervento individuate: sul patrimonio abitativo, sullo spazio pubblico e sulle azioni sociali.

Per il patrimonio abitativo, circa 50 milioni dei 90, ci saranno ad esempio l’abbattimento e la ricostruzione dell’edificio di via Lorenteggio 181, la ristrutturazione degli edifici di via Giambellino 150 e Segneri 3, il recupero di 240 alloggi sfitti diffusi nel quadrilatero di vie.

Su spazio pubblico e azioni sociali saranno investiti 25 milioni, interventi si sistemazione delle vie, del verde pubblico, delle strutture comunali, come la Casetta Verde in cui si svolgerà la prima giunta Sala.

Le famiglie durante i lavori di ristrutturazione saranno trasferite in altri alloggi della zona. I fondi europei bloccano la possibilità di vendita degli alloggi ristrutturati per 25 anni. Questo non vieta ad Aler di mettere in vendita gli appartamenti a fianco di quelli ristrutturati con soldi comunitari, operazione già annunciata dall’azienda di edilizia pubblica regionale, indipendente da questo intervento e agevolata dalla nuove legge sulla casa appena votata dalla maggioranza di centro destra in regione.

Resta aperta la partita sulla destinazione degli alloggi ristrutturati: finiranno nelle graduatorie comunali a canone sociale, oppure tra quelli a canone moderato o concordato? Una partita che si giocherà nei prossimi mesi tra Aler, Regione, Comune e Municipio 6, in quartiere ricco di associazioni e comitati di abitanti attivi e attenti al destino del proprio quartiere.

Aggiornato venerdì 01 luglio 2016 ore 08:41
TAG