guerra ex Jugoslavia

Karadžić colpevole di genocidio

venerdì 25 marzo 2016 ore 08:15

Il Tribunale internazionale dell’Aja per i crimini nella ex Jugoslavia ha condannato il 24 marzo l’ex presidente della Republika Srpska Radovan Karadžić a 40 anni di reclusione per crimini commessi durante la guerra in Bosnia Erzegovina.

I giudici del Tribunale internazionale dell’Aja per i crimini nella ex Jugoslavia hanno giudicato colpevole Radovan Karadžić per il genocidio di Srebrenica, i crimini commessi durante l’assedio di Sarajevo e altri crimini commessi in Bosnia Erzegovina durante la guerra degli anni Novanta (sterminio, omicidio, crimini contro l’umanità, violazione delle leggi e consuetudini di guerra, deportazioni, attacchi contro i civili e presa di ostaggi). È  caduta invece l’accusa di genocidio per le sette municipalità di Ključ, Sanski Most, Prijedor, Vlasenica, Foča, Zvornik e Bratunac.

Tratto dai Bloc-notes di Osservatorio Balcani Caucaso

Aggiornato venerdì 25 marzo 2016 ore 15:18
TAG