© Teun Voeten Tuzla, Bosnia, Aprile 1993.
A 22 anni dall'omicidio

Arrestato chi uccise nel ’93 tre pacifisti italiani

giovedì 29 ottobre 2015 ore 06:50

IoHanefija Prijić (Paraga) è un cittadino bosniaco di 52 anni, ex comandante del Terzo battaglione della 317ma brigata dell’esercito della Bosnia Erzegovina. Il 29 maggio 1993 ha ucciso tre volontari italiani Gornj Vakuf, nella Bosnia centrale: si chiamavano Fabio Moreni, Sergio Lana e Guido Puletti. La mattina del 28 ottobre alle 8.30 è stato arrestato all’aeroporto internazionale di Dortmund. Eppure nel 2001 (a Travnik, in Bosnia) è stato condannato a 15 anni di carcere, dopo un processo che ancora ha lasciato molti dubbi, in particolare sui motivi per i quali Paraga ha aperto il fuoco. I motivi per cui è stato scarcerato non sono chiari.

I tre erano pacifisti, volontari del “Coordinamento iniziative di solidarietà con l’ex Jugoslavia” diretti alla città di Zavidovići per portare sostegno e aiuto ai cittadini colpiti dalla guerra. Tra loro, c’erano anche Christian Penocchio e Agostino Zanotti. Si sono salvati scappando nel bosco e chiedendo aiuto ai caschi blu dell’Onu scozzesi. Scampati d’un soffio alla morte. Queste le parole di Zanotti raccolte per Radio Popolare da Chawki Senouci nel 1993, subito dopo l’omicidio:

 

Il ricordo di Agostino Zanotti dopo l’esecuzione dei volontari_ Audio del 1993

I media bosniaci riportano le parole di Dževad Saldić, console generale di Bosnia Erzegovina a Francoforte, secondo cui a ordinare l’arresto sarebbero state le autorità italiane. La speranza, quindi, è che dopo il processo bosniaco di Travnik se ne possa aprire uno in Italia per capire finalmente chi ha ordinata a Paraga di premere il grilletto contro gente disarmate. Ventidue anni dopo quei tragici fatti, Zanotti (oggi presidente dell’associazione che si occupa di richiedenti asilo e migranti Adl a Zavidovici, con sede a Brescia) reagisce così:

 

Agostino Zanotti: le reazioni all’arresto

 

L’atmosfera di quegli anni e i dubbi ancora aperti su questa esecuzione dissennata li racconta ai microfoni di Radio Popolare Andrea Rossini, giornalista di Osservatorio Balcani Caucaso, organizzazione che mai ha smesso di seguire la vicenda. Fin dal primo processo del 2001.

Andrea Rossini: i fatti del 28 ottobre

 

Aggiornato mercoledì 02 dicembre 2015 ore 19:22
TAG