Approfondimenti

La poltrona di Raggi traballa

Virginia Raggi rimane al suo posto ma solo per il momento. “Non è possibile dire se sarà così anche in seguito” si dicono i deputati del Movimento 5 Stelle dopo l’arresto di Raffaele Marra, il capo del personale del Campidoglio, uomo di fiducia della sindaca di Roma nella macchina comunale.

Le scuse di Raggi non sono piaciute. La parte di movimento vicina a Fico, Lombardi e Taverna, molto radicata a Roma, le ha prese male. “Non servono scuse, serve invece una assunzione di responsabilità”. In serata la senatrice pentastellata Paola Taverna ufficializzerà la posizione degli oltranzisti: “chiedere scusa non basta”

Non significa, per ora, che Raggi debba andarsene. Ma, se dovessero esserci ulteriori sviluppi giudiziari (a partire dalla vicenda del sequestro degli atti relativi alla nomina dello staff della sindaca, eseguito ieri dopo l’esposto dell’ex capo di gabinetto Raineri) in molti, nel Movimento 5 Stelle, sarebbero pronti a chiederne le dimissioni. E in molti stanno leggendo con attenzione le carte delle inchieste di questi giorni. “La motivazione con cui il Gip ha disposto il carcere per Marra dice diverse cose sul piano politico” si fa notare rispetto all’arresto di Marra. In particolare, il passaggio in cui il Giudice per le indagini preliminari descrive Raffaele Marra come uomo che “ha la fiducia di Raggi” e “c’è il rischio di nuovi reati”.

La sindaca di Roma insisterà nella linea difensiva adottata in mattinata: chiedo scusa a Grillo e ai romani ma Raffaele Marra è solo uno dei tanti dipendenti del Comune di Roma, quindi vado avanti.

In realtà Marra è molto di più. Ex uomo di Gianni Alemanno, funzionario importantissimo al Campidoglio, è stato da subito un tassello fondamentale del potere di Virginia Raggi. Nominato inizialmente capo di Gabinetto, è stato poi spostato alla guida del personale per l’opposizione alla nomina da parte di quella parte di Movimento 5 Stelle romano che ora non ci sta a farsi bastare le scuse della Sindaca.

Scuse che Grillo ha accettato ma che potrebbero dire una cosa: Raggi da qui in avanti non avrà più l’automonia di cui ha goduto fino a oggi. Escludendo nuovi eventi che facciano precipitare la situazione

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 28/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 28/06/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di martedì 28/06/2022

    1-Strage dei migranti in Texas. Sale a 50 il numero di morti all'interno di un camion abbandonato a San Antonio.…

    Esteri - 28/06/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 28/06/2022

    1) G7, concluso il vertice in Germania. Il “price-cap” di Draghi per tagliare i prezzi di gas e petrolio non…

    The Game - 28/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 28/06/2022

    Dove si sonda il quartiere di Baggio a Milano dopo la proposta di Matteo Salvini di costruire lì una centrale…

    Muoviti muoviti - 28/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh. Isole e vie di fuga

    Con Margherita Fruzza, Giulia Strippoli e Lorenzo Palloni

    Di tutto un boh - 28/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 28/06/2022

    Si parla con Mino Petazzini su La poesia degli animali, un'antologia di testi su cane, cavallo, gatto e altri animali…

    Considera l’armadillo - 28/06/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 28/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 28/06/2022

  • PlayStop

    La GKN lombarda: la storia della Cromoplastica di Verdellino

    Lo scorso fine settimana la proprietà della Maier Cromoplastica di Verdellino ha portato via, nottetempo, alcuni macchinari necessari alla produzione…

    Clip - 28/06/2022

  • PlayStop

    La GKN lombarda: la storia della Cromoplastica di Verdellino

    Lo scorso fine settimana la proprietà della Maier Cromoplastica di Verdellino ha portato via, nottetempo, alcuni macchinari necessari alla produzione…

    Clip - 28/06/2022

  • PlayStop

    Suadenza forzata

    quando le corde vocali di Dismacchione lo costringono ad assumere un tono sexy, mentre auguriamo buone vacanze alle nostre antenne…

    Poveri ma belli - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

  • PlayStop

    Avni Doshi, Zucchero bruciato

    AVNI DOSHI - ZUCCHERO BRUCIATO – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28/06/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 28/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la libraia Mariana Marenghi parla del contest…

    Cult - 28/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 28/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 28/06/2022

    L'ASTENSIONE: UN PROBLEMA SOCIALE E POLITICO. Salvatore Vassallo direttore istituto Cattaneo e Filippo Barbera docente di sociologia economica all'università di…

    Prisma - 28/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 28/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

Adesso in diretta