Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di ven 28/02 delle ore 17:30

    GR di ven 28/02 delle ore 17:30

    Giornale Radio - 28/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 28/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 28/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 28/02 delle 07:15

    Metroregione di ven 28/02 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 28/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 28/02

    Ora di punta di ven 28/02

    Ora di punta – I fatti del giorno - 28/02/2020

  • PlayStop

    Arrivano i vostri di ven 28/02 (prima parte)

    Arrivano i vostri di ven 28/02 (prima parte)

    Arrivano i vostri - 28/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di ven 28/02 (seconda parte)

    Due di due di ven 28/02 (seconda parte)

    Due di Due - 28/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di ven 28/02 (prima parte)

    Due di due di ven 28/02 (prima parte)

    Due di Due - 28/02/2020

  • PlayStop

    Jack di ven 28/02 (seconda parte)

    B52, Niia, Noel Gallagher's high flying Birds, Lady Gaga, Bugo, Cecilia Paesante, Jackset, Quarantena (seconda parte)

    Jack - 28/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo ven 28/02

    Considera l'armadillo ven 28/02

    Considera l’armadillo - 28/02/2020

  • PlayStop

    Jack di ven 28/02 (prima parte)

    B52, Niia, Noel Gallagher's high flying Birds, Lady Gaga, Bugo, Cecilia Paesante, Jackset, Quarantena (prima parte)

    Jack - 28/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session di ven 28/02

    Radio Session di ven 28/02

    Radio Session - 28/02/2020

  • PlayStop

    Memos di ven 28/02

    Sviluppo sostenibile e rischi pandemici. E’ il titolo di uno studio sulle cause primarie dell’infezione da virus di origine animale,…

    Memos - 28/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore 28/02/20

    ARIANNA FARINELLI - GOTICO AMERICANO - presentato da LORENZA GHIDINI

    Note dell’autore - 28/02/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 28/02 (seconda parte)

    ira rubini, cult, brueghe, sergio gaddi, tiziana ricci, sergio escobar, piccolo teatro, spettacolo dal vivo ai tempi del coronavirus, maurizio…

    Cult - 28/02/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 28/02 (prima parte)

    ira rubini, cult, brueghe, sergio gaddi, tiziana ricci, sergio escobar, piccolo teatro, spettacolo dal vivo ai tempi del coronavirus, maurizio…

    Cult - 28/02/2020

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 28/02

    C'e' Luce di ven 28/02

    C’è luce - 28/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di ven 28/02

    Prisma di ven 28/02

    Prisma - 28/02/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 28/02 (seconda parte)

    Il Giorno Delle Locuste di ven 28/02 (seconda parte)

    Il giorno delle locuste - 28/02/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 28/02 (prima parte)

    Il Giorno Delle Locuste di ven 28/02 (prima parte)

    Il giorno delle locuste - 28/02/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di ven 28/02

    Rassegna stampa internazionale di ven 28/02

    Rassegna stampa internazionale - 28/02/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 28/02

    Il demone del tardi - copertina di ven 28/02

    Il demone del tardi - 28/02/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 28/02 (terza parte)

    Fino alle otto di ven 28/02 (terza parte)

    Fino alle otto - 28/02/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 28/02 (seconda parte)

    Fino alle otto di ven 28/02 (seconda parte)

    Fino alle otto - 28/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Alla scoperta della Bruxelles africana

IL VIAGGIO E’ COMPLETO

Il centravanti della nazionale belga è Lukaku, congolese di origine e il musicista pop più famoso è Stromae, di origine ruandese. Nulla di strano quindi se il più grande museo del mondo consacrato al continente africano è a Tervuren, immediata periferia di Bruxelles. LAfricaMuseum, circondato dal verde e ospitato in un vecchio palazzo del re Leopoldo II, ha riaperto i battenti lo scorso gennaio sulle ceneri del vecchio Museo reale dell’Africa Centrale. Figlio dell’Esposizione Internazionale di Bruxelles del 1897, era stato concepito dal re come mezzo di propaganda per osannare i meriti della monarchia nella colonizzazione belga di Congo, Ruanda e Burundi. Nella nuova versione del museo la storia coloniale viene finalmente raccontata in tutta la sua violenza  grazie a foto e documenti di appoggio all’utente.  I numeri dell’AfricaMuseum testimoniano la sua imponenza: tre km di archivi, 120mila oggetti etnografici, maschere, sculture, 10 milioni di animali imbalsamati tra cui un elefante. Il nuovo allestimento pone l’attenzione anche sulla diversità linguistica nell’Africa Centrale attraverso mappe, dipinti popolari, frammenti di suoni e video. I visitatori possono ascoltare le storie della narrazione orale riflettendo sul loro significato e messaggio, capendo l’importanza della parola che veniva associata a specifici strumenti. Oltre a workshop sui ritmi e la  musica africana per studenti e adulti, vengono affrontati anche temi contemporanei come le diaspore, la biodiversità e il cambiamento climatico.

AfricaMuseum 07_Chéri Samba, Réorganisation, 2002. Oil on canvas

Oltre alla visita dell’AfricaMuseum il nostro viaggio nella Bruxelles africana prevede la scoperta di due quartieri meticci. Matongè, il primo, si dipana lungo la Chaussée de Wavre, a pochi passi da una delle più costose vie dello shopping di Bruxelles, Avenue Louise. Prende il nome da una vivace area di Kinshasa, capitale della Repubblica Democratica del Congo, ed è nato alla fine degli anni ’50 con l’afflusso di studenti congolesi in Belgio, trasformandosi in un autentico quartiere africano dopo che il Congo conquistò la sua indipendenza nel 1960. Per le strade le lingue si mescolano armoniosamente: wolof, inglese e arabo incrociano dialetti difficili da classificare. Le bancarelle dei negozi pullulano di frutti e verdure importati dall’Africa, l’afrore dei pesci essiccati si alza dai bancali di bizzarre drogherie e i numerosissimi parrucchieri sono affollati di clienti. Ritmi e groove variegati escono dagli smartphone dei passanti ed è molto fornito il cartellone di iniziative culturali e concerti. Non è difficile riuscire ad ascoltare alcuni canti in lingua kikongo, accompagnati dal suono di strumenti tradizionali. Frequenti anche le celebrazioni religiose legate ad ataviche tradizioni. Le nostre guide saranno gli operatori culturali di Kuumba , un centro sociale che come nome si è scelto una parola swahili che significa “creare” e come mission ha lo sviluppo dell’energia e della creatività che emergono quando culture e comunità si incontrano.

Bruxelles_aprile 2019 053

Il secondo quartiere è Molenbeek. Conosciuto come “Molenkech”, ovvero la “Piccola Marrakech” di Bruxelles, è diventato tristemente famoso in seguito agli attentati che hanno colpito il cuore dell’Europa. E’ un’area di fortissima immigrazione magrebina e per scoprirlo useremo le biciclette che ci presterà il Centre Communautaire Maritime – CCM , un attore chiave nella vita socioculturale, artistica ed educativa del distretto marittimo di Molenbeek (a Bruxelles non c’è il mare, ma nel quartiere c’è un porto fluviale con relativa dogana).

Molenbike 01

Invece, aiutati dalla nostra collaboratrice Margherita Radaelli, residente da anni a Bruxelles, scopriremo  Les Marolles, una sorta di borgo nella città, dove si parla ancora un dialetto stretto e sopravvivono le botteghe di una volta. Conosciuto per la presenza di mercatini, caffè e ristoranti regala da sempre uno spaccato dell’anima popolare della città anche se, secondo i brussellesi doc, da qualche anno si sta ‘sablonizzando’ (Sablon è un quartiere borghese prossimo a Les Marolles) e la gentrificazione è incombente. Ovviamente abbiamo ritagliato un monte ore sufficiente per perdersi in qualche museo di Bruxelles: da quello dedicato a Magritte a quello dei fumetti, senza dimenticare il Museo Reale di Belle Arti del Belgio, dove si può visitare la collezione permanente delle opere del versatile pittore e incisore fiammingo Pieter Bruegel (generalmente indicato come il Vecchio per distinguerlo dal figlio primogenito), di cui quest’anno la città celebra il 450° anniversario della sua morte.

Bruxelles_aprile 2019 017

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni