Approfondimenti

Verstappen – Hamilton, il duello che ha resuscitato la F1

Lewis Hamilton Max Verstappen

Alla fine il mondiale più lungo della storia, con i suoi 22 gran premi, si è giocato tutto nell’ultimo giro. Con il campione che precede lo sfidante, ne subisce l’attacco, tenta la reazione fino all’ultimo e solo allora si arrende, praticamente sulla linea del traguardo. Da ieri Verstappen è campione del mondo di Formula 1. Quando lo sport regala questo tipo di spettacoli, degni di una sceneggiatura, poche cose possono competervi a livello di coinvolgimento emotivo. Un coinvolgimento emotivo che questa categoria non sperimentava da lustri, essendo riuscita a trasformare l’adrenalina e il brivido della velocità che l’hanno sempre caratterizzata in complicati e spesso noiosi spettacoli da pennica pomeridiana.

Il più grande merito di questo improvviso risveglio va ai due protagonisti di quest’annata da ricordare. Due personaggi perfetti per sostenere la trama e arricchire la narrazione umana sportiva e romanzesca intorno a uno dei topos più classici, quello della sfida della tenzone. Due personaggi perfetti perché agli antipodi. Il campione navigato, carico di esperienza e consapevole della sua forza e di quella, invero, del suo mezzo. E lo sfidante, giovane, volitivo, spigoloso in pista al limite del rischio, e veloce. Ma veloci lo sono tutti e due. Così come entrambi non propriamente simpatici fuori dalla cerchia dei loro tifosi, ma questo spesso si accompagna a chi è vincente. Due piloti in grado di presentarsi all’ultima partenza con lo stesso esatto punteggio, dopo ventuno gare. E poi di presentarsi appaiati fino all’ultimo giro, quasi fin sotto la bandiera a scacchi. Questo anche grazie a una gara che ha ricompattato il plotone quando alla fine mancava poco per un intervento della safety car, che ha lasciato il circuito proprio per l’ultima tornata. Cosa che ha fatto infuriare non poco il muretto della Mercedes, ma di polemiche quest’anno ce ne sono state tante. Del resto, veramente avremmo voluto vedere chiudersi questo mondiale dietro la Safety Car? Hamilton probabilmente si, avrebbe mantenuto la posizione, ma c’è da riconoscergli che, a parte uno sbotto a caldo via radio, anche nella sconfitta questa volta è riuscito a dare lezioni di stile, dimostrando a 36 anni di avere acquisito una delle abilità più rare, di aver imparato una delle lezioni più dure per uno sportivo. La capacità di saper perdere.

Una menzione finale va per Kimi Raikkonen, che con il ritiro di ieri chiude una carriera che lo ha visto portare alla Ferrari il suo ultimo titolo piloti. “Ciao Kimi, ora ti lasceremo in pace” gli hanno scritto i meccanici sulla fiancata della sua alfa romeo, citando un suo famoso rimprovero via radio. “Ciao Kimi, ora puoi bere quanto ti pare”, recitava invece uno striscione a bordo pista, citando un’altra, meno nobile, passione di uno degli ultimi piloti vecchio stampo del circus.

  • Autore articolo
    Matteo Villaci
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 04/12/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 12/04/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 04/12/2022

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 12/04/2022

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 04/12/2022

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 12/04/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 04/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/04/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 04/12/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 12/04/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 04/12/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 12/04/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 04/12/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 12/04/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 04/12/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 12/04/2022

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 04/12/2022

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei…

    Archivio Ricordi - 12/04/2022

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 04/12/2022

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 12/04/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 04/12/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 12/04/2022

  • PlayStop

    Canta che ti passa di domenica 04/12/2022

    I concerti della settimana e una breve monografia su degli artisti in tour

    Canta che ti passa - 12/04/2022

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 04/12/2022

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 12/04/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 04/12/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 12/04/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 04/12/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 12/04/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 04/12/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 12/04/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 04/12/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 12/04/2022

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 04/12/2022

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del…

    Apertura musicale classica - 12/04/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 03/12/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 12/03/2022

  • PlayStop

    Guida nella Jungla di sabato 03/12/2022

    GnJ Guida nella Jungla è nata da un’idea di Paolo Minella e Luca Boselli nella seconda metà dei ’90. Da…

    Guida nella Jungla - 12/03/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 03/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/03/2022

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 03/12/2022

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro twitter: @SkepticAfro

    AfroRaffa - 12/03/2022

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 03/12/2022

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 12/03/2022

Adesso in diretta