Approfondimenti

Verso la fase 2: la situazione a Crema

Comune di Crema

La fase 2 è ormai alle porte. Com’è la situazione a Crema a pochi giorni dalla prima riapertura e dopo settimane di emergenza e di isolamento? La sindaca Stefania Bonaldi fa il punto della situazione a Radio Popolare, illustrando come una delle zone d’Italia più colpite dall’epidemia di COVID-19 si sta preparando al lungo periodo di convivenza col virus e come è riuscita ad affrontare le prime e difficilissime settimane di assolutamente emergenza.

L’intervista di Serena Tarabini a Fino Alle Otto.

Qual è stato l’impatto dell’emergenza coronavirus sulla città di Crema?

Il nostro territorio e tutta la provincia sono stati colpiti in modo molto significativo. Noi abbiamo da subito avvertito l’impatto perché già dal 21-22 febbraio abbiamo accolto negli ospedali di Crema e Cremona dei pazienti che arrivavano direttamente dalla zona rossa, quella del focolaio. Poi abbiamo riconvertito immediatamente l’ospedale ad assistere i malati COVID del nostro territorio. L’intero ospedale di Crema è stato deputato ai malati COVID: abbiamo immediatamente svuotato i reparti di cardiologia, gastroenterologia e la neurologia ed è diventato tutto COVID.
Dopo un paio di settimane la situazione è diventata quasi insostenibile. La nostra provincia ha raggiunto la percentuale dell’1,66 di contagiati. Credo che a Milano sia lo 0,55%, Bergamo l’1%. Noi siamo una provincia piccola e qui l’incidenza è stata alta. La città di Crema conta complessivamente 490 casi su 35mila abitanti, purtroppo con oltre 120 decessi. Abbiamo avuto un impatto molto forte e non a caso da noi è arrivato l’Esercito ed è stato montato un ospedale da campo che è tuttora funzionante.

Oltre all’ospedale da campo quali sono state le misure più efficaci per affrontare questa situazione?

Avendo avuto fin da subito un impatto del genere abbiamo avuto la possibilità di capire velocemente la gravità della situazione. Ci siamo resi conto che anche in Lombardia questa percezione all’inizio era a macchia di leopardo. Ad un certo punto altri territori erano quasi pronti alla ripartenza e noi ci guardavamo con gli occhi spalancati. Abbiamo cercato subito di fare squadra tra sindaci con comportamenti omogenei sui territori, anche nell’interpretazione delle regole perché all’inizio si andava avanti a suon di ordinanze regionali e provvedimenti nazionali. Era piuttosto laborioso riuscire a star dietro a tutte le interpretazioni restrittive. Poi il Ministero della Difesa ha garantito la possibilità dell’Esercito e infine è arrivata anche la brigata cubana di 52 operatori sanitari che son venuti a dare un mano. In realtà non ci sono solo loro, sono arrivati medici da tutta Italia e questa è stata sicuramente un’altra prova di solidarietà e un’iniezione di fiducia.

Come prosegue la collaborazione con queste task force provenienti dall’estero?

Gli operatori cubani sono stati impiegati nella gestione del presidio da campo e anche nei turni dell’ospedale. Poi, visto che adesso la tensione si è allentata, alcuni erano più liberi e abbiamo proposto la possibilità che lavorassero presto una nostra fondazione, la Fondazione Benefattori Cremaschi, che è stata riconvertita nella cura di pazienti COVID stabilizzati e 7 di loro oggi stanno lavorando lì, mentre gli altri sono ancora in ospedale. Non vogliono stare con le mani in mano.

Ieri avete ricevuto la visita del premier Conte. Come è andata?

La visita c’è stata ieri sera presso la Prefettura di Cremona. Con me c’erano anche i sindaci di Cremona e di Casalmaggiore così da rappresentare tutto il territorio. Noi abbiamo chiesto al Presidente Conte una particolare attenzione al nostro territorio che è stato colpito in modo significativo, un’attenzione anche dal punto di vista epidemiologico perché qui stiamo chiedendo a gran voce la possibilità di estendere i test sierologici in modo significativo, consapevoli che ci sono ancora molti limiti e che il patentino di immunità non è ancora chiaro. Sapere chi ha l’anticorpo e chi no, chi si è ammalato e chi no è importante per capire l’incidenza effettiva, anche perché sappiamo che i numeri sono diversi da quelli ufficiali. Abbiamo anche chiesto attenzione al mondo economico e alle imprese con la disponibilità dei Comuni a fare da tramite. I Comuni sono gli avamposti e coi soldi dati direttamente a noi riusciamo subito a metterli in circolo. Aiutare i comuni per aiutare le comunità e le famiglie, così come le imprese.
L’altra disponibilità che abbiamo dato è quella rispetto al tema della cura dei bambini e dei minori in questi mesi perché c’è molta apprensione per chi dovrà riprendere a lavorare il 4 o il 18 maggio.
I Comuni sono a disposizione per pensare servizi e modalità innovative rispetto a queste tematiche. Ci tenevamo a presentare anche questa esigenza perché la cogliamo nei rapporti quotidiani con tanti genitori. Devo dire che il presidente Conte ci ha ascoltato con molta disponibilità e molta pazienza, soprattutto considerando che arrivava da una giornata in cui aveva fatto diversi incontri coi colleghi di Lodi e Piacenza e al mattino era stato a Genova. È stata una bella chiacchierata di oltre un’ora in cui ci ha ascoltato e si è annotato queste istante.

Foto dalla pagina Facebook della sindaca di Crema Stefania Bonaldi

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 24/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/09/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/09/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/09/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 25/09/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/09/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 25/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/09/2022

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 24/09/2022

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro

    AfroRaffa - 25/09/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/09/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 25/09/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/09/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 25/09/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 24/09/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 25/09/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/09/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 25/09/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/09/2022

    Con Pippo Mezzapesa e Francesco Patané regista e attore del film “Ti mangio il cuore”. Roberta Torre parla del suo…

    Chassis - 25/09/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/09/2022

    L’ultima notte. La maratona elettorale in diretta dalla sede di Fondazione Feltrinelli, con Radio Popolare; il Festival della fotografia etica;…

    Good Times - 25/09/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 24/09/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 25/09/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/09/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25/09/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/09/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/09/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/09/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 25/09/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 23/09/2022

    Parliamo di aborto in vista della manifestazione del 28 settembre: intervista a Lisa Canitano, ginecologa e attivista, fondatrice dell'associazione Vita…

    Sui Generis - 24/09/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di venerdì 23/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 25/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/09/2022

    1-Libano. La grave crisi economica spinge le famiglie a prendere le navi della morte. Nell’ultimo naufragio al largo delle coste…

    Esteri - 25/09/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/09/2022

    (9 - 200) Dove andiamo a sentire il tipico friccicorino delle ultime ore della campagna elettorale. Poi nella rubrica dei…

    Muoviti muoviti - 25/09/2022

Adesso in diretta