Approfondimenti

Gas serra, è davvero ora di invertire la tendenza

Il Comitato permanente dell’Assemblea nazionale del popolo cinese ha ratificato l’Accordo di  Parigi approvato informalmente nel dicembre scorso, che impegna il paese a ridurre le emissioni  di gas serra. Un grande passo per la Cina che in passato aveva spesso ostacolato le trattative. Un passo piccolo, tardivo, insufficiente perché lo scopo dell’Accordo è di limitare entro fine secolo il riscaldamento globale a più 1,5-2 °C rispetto alla temperatura media nel 1800. Sommando gli impegni virtuali e confermati, se va bene nel 2100 ci saranno 2,5-3,0 °C in più.

Poco dopo Pechino, anche gli Stati Uniti hanno annunciato la mondo la ratifica di quello stesso Accordo: dunque hanno mantenuto  le promesse fatte a Parigi i paesi che emettono il 40% circa della CO2 aggiunta ogni anno all’ atmosfera. Dal 2015 supera 400 parti per milione (ppm) rispetto a 270 ppm nel 1800 e con gli effetti che tutti vediamo. Anni “record” si susseguono dall’inizio del secolo e ognuno dei 15 mesi scorsi è stato il più caldo mai registrato dal 1850.

A tutto gas invece di alzare il piede dall’acceleratore.

Così aumentano l’intensità e la frequenza di siccità, alluvioni, tempeste; accelerano la fusione dei ghiacciai, della banchisa artica e della calotta antartica, l’innalzamento del livello del mare e l’acidificazione degli oceani; si allungano le “stagioni degli incendi”; si spostano verso i poli gli habitat di animali e vegetali. Sono gli effetti che i modelli climatici prevedono dal 1965, quando nei computer si infilavano schede perforate a mano e c’erano 315 ppm di CO2 atmosferica (vedi il diagramma). I modelli lo prevedevano con più precisione nel 1981 quando ce n’erano 350, la concentrazione alla quale bisogna tornare di corsa, ripetono da anni i climatologi. Una volta superata, anche i rischi si sommano velocemente.

La cosa preoccupante è che oggi l’aumento della temperatura è di 1,3°C. Non rispetto al 1800, bensì alla media per il periodo 1961-1990, a riscaldamento già avviato. I costi non sono ripartiti esattamente come il calore sulle mappe termiche del pianeta. Li pagano innanzitutto i paesi più poveri, che nel passato hanno emesso meno gas serra e ora sono i più colpiti dalle conseguenze.

La cosa un po’ rassicurante è che sempre più governi sembrano accorgersi che insieme alla temperatura aumentano i danni economici e sociali dovuti alla loro inerzia, alle buone intenzioni espresse al vertice di Rio nel 1992 e rimaste sulla carta.

Ci sarebbe parecchio da dire sull’incapacità di risolvere problemi globali, sulla tendenza a scaricarli sulle prossime generazioni.  Ricordo soltanto che nella storia dell’Homo sapiens, cambiamenti climatici molto più graduali e modesti di quello iniziato a fine Settecento hanno sempre innescato grandi migrazioni. Migrare risolveva il problema.

La nostra specie se l’è sempre cavata, è vero che si è lasciata dietro tante vittime, ma ha anche creato nuove civiltà. Eravamo in pochi, senza frontiere, con le risorse del pianeta a disposizione. Oggi abbiamo inquinato suoli, aria e acqua, vero anche questo, per di più siamo 7,5 miliardi. Ma dall’ultima glaciazione che quasi ci sterminava abbiamo accumulato abbastanza risorse intellettuali per smetterla di comportarci da Homo insipiens.

 

  • Autore articolo
    Sylvie Coyaud
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 27/10/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 27/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 27/10/20 delle 19:50

    Metroregione di mar 27/10/20 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 27/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 27/10/20

    A casa con voi di mar 27/10/20

    A casa con voi - 27/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di mar 27/10/20

    1-Spagna. Varata la legge di bilancio 2021. ..I ricchi pagheranno di più per finanziare i sussidi e la sanità. (…

    Esteri - 27/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 27/10/20

    Ora di punta di mar 27/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 27/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di mar 27/10/20

    Uno di Due di mar 27/10/20

    1D2 - 27/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 27/10/20

    Considera l'armadillo mar 27/10/20

    Considera l’armadillo - 27/10/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 27/10/20

    Speciale intervista ai BlueBeaters

    Jack - 27/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mar 27/10/20

    Spazio Muscia Pavia, Simon Le Bon, Lou Reed, Elton John , Disc Gochi Senza Frontiere, Phil Collins, H.E.R.

    Stay human - 27/10/2020

  • PlayStop

    Memos di mar 27/10/20

    Che infanzia si vive nel distanziamento fisico? Che adolescenza è quella in cui è vietato stare insieme, assembrarsi, toccarsi? Quella…

    Memos - 27/10/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di mar 27/10/20

    Note dell'autore di mar 27/10/20

    Note dell’autore - 27/10/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 27/10/20

    ira rubini. cult, francesco frongia, ferdinando bruni, elfo puccini, bookcity 2020, luca formenton, oliviero ponte di pino, ricerca abitare da…

    Cult - 27/10/2020

  • PlayStop

    A come America del mar 27/10/20

    A come America del mar 27/10/20

    A come America - 27/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 27/10/20

    Prisma di mar 27/10/20

    Prisma - 27/10/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 27/10/20

    Rassegna stampa internazionale di mar 27/10/20

    Rassegna stampa internazionale - 27/10/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 27/10/20

    Il demone del tardi - copertina di mar 27/10/20

    Il demone del tardi - 27/10/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 27/10/20

    Fino alle otto di mar 27/10/20

    Fino alle otto - 27/10/2020

Adesso in diretta