Approfondimenti

USA-Corea Del Nord: dialogo grazie a Moon Jae-in

Kim Jong-Un in Corea Del Sud

Di recente c’è una narrazione della vicenda coreana che va per la maggiore. È quella secondo cui, se invece di minacciare di incenerire l’isola di Guam o le coste californiane, Kim Jong-un si è improvvisamente impegnato in un tour de force diplomatico, il merito è della strategia di “massima pressione” – tramite sanzioni economiche e minacce militari – messa in pratica dall’amministrazione Trump. Onore quindi all’inquilino della Casa Bianca, ma perché il gioco funzioni, a ogni sbirro cattivo che si rispetti deve corrisponderne uno buono.

Lo sbirro buono, nella fattispecie, è il presidente sudcoreano Moon Jae-in. Oggi, a poco più di una settimana dallo storico summit di Panmunjeon in cui incontrerà Kim Jong-un, Moon ha esplicitamente dichiarato che il nuovo orizzonte dei rapporti intercoreani è la pace definitiva dopo la guerra degli anni Cinquanta, conclusasi con un semplice armistizio nel 1953.

Questo sarebbe il vero game-changer. Moon ha sottolineato che la pace stessa si inserice in un progetto più ampio, di crescita economica comune per le due Coree. Ed è questa la promessa che più seduce Kim Jong-un. Il giovane leader nordcoreano, da quando è salito al potere nel 2011, ha più volte insistito sulla dottrina del Byungjin (doppio sviluppo: nucleare ed economico), e si ritiene che il primo sia funzionale, ma al tempo stesso un limite, al secondo.

Kim vorrebbe assicurare il proprio regime con la deterrenza nucleare, per poi dedicarsi alla crescita, di cui già si vedono segnali: la società nordcoreana non è più quella afflitta dalle carestie degli anni Novanta e un piccolissimo ceto medio va formandosi all’ombra della burocrazia di Stato e dei traffici più o meno leciti.

D’altra parte però, lo sforzo economico militare e le sanzioni della comunità internazionale minano questo tentativo alla radice. Moon Jae-in ha scommesso che Kim è in questo momento sensibile alla mano tesa economica. Ma come dargli la certezza che non farà la fine di un Saddam Hussein o di un Gheddafi, una volta che rinuncerà al nucleare?

Ecco allora che salta fuori la soluzione della “pace definitiva”, cioè la messa in sicurezza del regime di Pyongyang. Una soluzione che nessun presidente Usa, democratico o repubblicano che fosse ma imbevuto comunque di eccezionalismo, avrebbe mai accettato. Trump invece non ha di questi scrupoli, non ha l’ansia di esportare la democrazia e ha di fatto già riconosciuto la Corea del Nord nel momento in cui ha lasciato intendere l’ipotesi di incontrarsi con Kim Jong-un. Incontro che sarebbe previsto per il mese prossimo.

Kim Jong-Un in Corea Del Sud
Foto | Wikimedia
  • Autore articolo
    Gabriele Battaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 25/02/21 delle 19:49

    Metroregione di gio 25/02/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 26/02/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 25/02/21

    Rotoclassica di gio 25/02/21

    Rotoclassica - 26/02/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 25/02/21

    A casa con voi di gio 25/02/21

    A casa con voi - 26/02/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 25/02/21

    Ora di punta di gio 25/02/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/02/2021

  • PlayStop

    Esteri di gio 25/02/21

    1-In Francia la variante inglese rappresenta la metà dei casi positivi". Verso nuove misure restrittive ma il governo vuole evitare…

    Esteri - 26/02/2021

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia: Lucia Castellano

    Quarto incontro del nuovo ciclo di “Lezioni di antimafia” ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e coordinato da Raffaele…

    Lezioni di antimafia - 26/02/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 25/02/21

    Sunday Blues di gio 25/02/21

    Sunday Blues - 26/02/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 25/02/21

    Uno di Due di gio 25/02/21

    1D2 - 26/02/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 25/02/21

    Considera l'armadillo gio 25/02/21

    Considera l’armadillo - 26/02/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 25/02/21

    Ospiti Carota e Lodo dello Stato Sociale che raccontano i loro progetti solisti e Venerus intervistato sul suo disco Magica…

    Jack - 26/02/2021

  • PlayStop

    Stay Human di gio 25/02/21

    Stay Human di gio 25/02/21

    Stay human - 26/02/2021

  • PlayStop

    Memos di gio 25/02/21

    Europa, tra aiuti e vaccini. Non si parla d’altro nel vecchio continente: dei soldi del Recovery Plan e dei vaccini…

    Memos - 26/02/2021

  • PlayStop

    Giuseppe Martini, Regio People

    GIUSEPPE MARTINI - REGIO PEOPLE - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 26/02/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 25/02/21

    ira rubini, cult, milano sanremo, l'ultima ruota, rita pelusio, duccio fabbri, doc squizo, louis wolfman, barbara sorrentini, davide steccanella, perché…

    Cult - 26/02/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 25/02/21

    Cominciamo lanciando uno sguardo dentro gli ospedali: raccontiamo due storie segnalateci dai nostri ascoltatori; medici di medicina generale e vaccini…

    37 e 2 - 26/02/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 25/02/21

    Prisma di gio 25/02/21

    Prisma - 26/02/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 25/02/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 25/02/21

    Rassegna stampa internazionale - 26/02/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 25/02/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 25/02/21

    Il demone del tardi - 26/02/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 25/02/21

    Fino alle otto di gio 25/02/21

    Fino alle otto - 26/02/2021

Adesso in diretta