Approfondimenti

Unica certezza, la frammentazione

L’esito del referendum sulla Brexit di giovedì prossimo stava creando paura e incertezza in tutto il mondo. Erano preoccupati i mercati finanziari, erano preoccupati i politici, erano preoccupati i sostenitori di quella che in fondo, nonostante tutti i suoi limiti e i suoi problemi, è l’unica unione politica tra stati a livello mondiale. A disposizione c’erano solo i sondaggi, che da tempo davano in testa proprio la Brexit, cioè il distacco di Londra da Bruxelles.

Tutto questo fino a giovedì scorso, fino all’omicidio di Jo Cox, la deputata del partito laburista uccisa nella sua circoscrizione, in Yorkshire, nel nord dell’Inghilterra. Un fatto che ha reso ancora più imprevedibile il risultato del referendum. La domanda che molti si sono fatti è che impatto avrà l’uccisione di Jo Cox sull’esito della consultazione. Nessuno lo sa.

La tragedia di giovedì, però, ha permesso una riflessione generale su una campagna molto dura, nella quale entrambi gli schieramenti hanno giocato sulle paure dei britannici. Un atteggiamento più comprensibile, anche se non condivisibile, da parte della campagna per la Brexit, visto che la paura è un sentimento che i politici sfruttano anche in altri paesi europei, pensiamo all’immigrazione in Europa dell’Est o alla sicurezza in Francia. Si tratta quindi di una dinamica piuttosto abituale.

Meno comprensibile, invece, la scelta di chi vuole evitare il divorzio tra Londra e Bruxelles, a partire dal primo ministro David Cameron. Cameron ha detto che la Brexit sarebbe un disastro, e il suo ministro delle finanze, George Osborne, ha aggiunto che l’uscita dall’Unione Europea si tradurrà in un taglio drastico alle pensioni e alla sanità. La campagna quindi è stata tutta negativa. Nessuno ha spiegato agli elettori quali sarebbero i vantaggi di rimanere agganciati all’Europa.

In questo contesto, Nigel Farage, il leader dello UKIP, e Boris Johnson, l’ex sindaco di Londra, i due capofila dello schieramento per la Brexit, hanno avuto gioco facile, sottolineando semplicemente che la Gran Bretagna non trarrebbe alcun vantaggio dalla permanenza nell’Unione Europea. Nazionalismo e proclami anti-immigrati sembravano destinati a portare il paese a un divorzio annunciato da Bruxelles.

Adesso, invece, dopo l’omicidio di Jo Cox, che aveva fatto campagna a favore dell’Europa, è impossibile fare previsioni. L’unica certezza è che la Gran Bretagna, l’Europa, e tutto l’occidente stanno lentamente scivolando verso una pericolosa frammentazione politica e sociale.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 27/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 27/06/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 28/06/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 28/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 27/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/06/2022

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 27/06/2022

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 16 anni e può uscire da sola la…

    Il Suggeritore Night Live - 28/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 27/06/2022

    1--Attentati di Parigi. Dopo 9 mesi di udienze si è chiuso oggi il processo del secolo. Nella sua ultima dichiarazione,…

    Esteri - 28/06/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 27/06/2022

    1) G7, colpire le entrate di Putin. E’ l’obiettivo di nuove sanzioni e dell’ipotesi del price cap. Il commento dell’economista…

    The Game - 28/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 27/06/2022

    Dove ci si interroga sulla suoneria del neo eletto sindaco di Verona Damiano Tommasi. E' Britney Spears o no? Poi…

    Muoviti muoviti - 28/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un Boh. Mal di mare e vermi del polistirolo

    Con Andrea Bellati e Gaia Grassi

    Di tutto un boh - 27/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 27/06/2022

    Si parla con Emanuele Biggi del suo ultimo libro Micromondi. Storie di animali, piante e forme di vita nascosti in…

    Considera l’armadillo - 28/06/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 27/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 28/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 27/06/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 27/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 27/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la nuova edizione di Suoni Mobili a…

    Cult - 28/06/2022

  • PlayStop

    Carla De Bernardi, Storia di Milano. Guida per curiosi e ficcanaso

    CARLA DE BERNARDI - STORIA DI MILANO. GUIDA PER CURIOSI E FICCANASO – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 27/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 27/06/2022

    Commentiamo i risultati delle elezioni comunali con Daniela Preziosi, Carlo Galli e Claudio Jampaglia. Covid, la nuova ondata spiegata da…

    Prisma - 28/06/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 27/06/2022

    Il contenitore del lunedì mattina che vi racconta cosa raccontano i giornali, come comunica la politica, le aziende e i…

    Guarda che Lune - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 27/06/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

Adesso in diretta