Approfondimenti

Una tregua a Gaza? Devono convergere più variabili

gaza tregua ANSA

In queste ore una delle parole più utilizzate nella comunicazione politica, nella propaganda, nella diplomazia, nei media, in tutto quello che gira intorno al conflitto israelo-palestinese è tregua. In un senso o nell’altro. Nel giro di poche ore, per esempio, esponenti israeliani, così come rappresentanti di Hamas, hanno confermato che si stia lavorando intensamente a un cessate il fuoco ma poi hanno dichiarato che questo non sia il momento per un’interruzione delle ostilità.
Tutto questo mentre la diplomazia sta lavorando proprio per arrivare al più presto a una tregua. Diplomazia, va ricordato, che sta facendo fatica.

La domanda è se ci siano reali possibilità che nel giro di poco le armi si fermino, cercando di andare oltre le dichiarazioni ufficiali e la propaganda.

Partiamo dai diretti interessati.
Questa mattina Benjamin Netanyahu ha detto che non ha il cronometro in mano e che non ci sono ancora le condizioni per fissare il momento nel quale chiederà ai militari di fermarsi.
Da parte di Hamas sono arrivate dichiarazioni più possibiliste, ma nulla di concreto.
Entrambe le parti, a proposito di comunicazione a uso interno, devono dimostrare di aver vinto o comunque di aver raggiunto i loro obiettivi.
Netanyahu – in Israele si sta negoziando il nuovo governo – di aver neutralizzato una buona parte dell’arsenale dei gruppi armati palestinesi. Hamas di essere in grado di attaccare Israele e di essere ormai il principale difensore del popolo palestinese. In questo senso, è interessante citare il rappresentante di Hamas in Iran: “abbiamo cambiato in maniera importante il nostro concetto di resistenza, non difendiamo più solo Gaza ma tutta la Palestina”.

Poi c’è la diplomazia.
Sul campo il lavoro è affidato soprattutto a Egitto e Qatar, che hanno legami con Hamas. Ma in queste ore la dinamica più interessante è rappresentata da quello che sembra un primo spostamento dell’amministrazione Biden nei confronti di Netanyahu.
I due hanno parlato al telefono per la quarta volta e il presidente americano ha detto di aspettarsi già oggi un’importante riduzione delle violenze, in vista di una tregua.
In realtà la stessa TV israeliana aveva parlato di un possibile cessate il fuoco dalle sei di domattina, ma la notizia non è stata confermata e anzi è stata superata, almeno ufficialmente, dalla parole di Netanyahu e da quelle di alcuni militari citati dai media locali.

In ogni caso domani, giovedì 20 maggio, potrebbe essere una giornata importante. Ci sarà infatti un’ennesima riunione del consiglio di sicurezza ONU, la quinta dall’inizio della crisi. Finora gli Stati Uniti hanno bloccato il comunicato alla fine di ogni riunione. In sostanza hanno dato tempo a Israele. Ma le parole di Biden sembrano indicare che quel tempo sia quasi terminato. Oltretutto questa volta a Palazzo di Vetro si discuterà una proposta di risoluzione preparata dalla Francia – che copre una debolissima posizione europea – e la Casa Bianca non sembra intenzionata a mettere il veto, che sarebbe un veto pesantissimo.

Ma il lavoro della diplomazia – parlavamo prima di una certa fatica – si scontra con gli attori interni, concentrati sui loro obiettivi.
Nelle ultime ore, per esempio, raid e lancio di razzi si sono intensificati.
Certo, potrebbe essere l’ultima fiammata prima di un cessate il fuoco, una dinamica classica dei conflitti armati convenzionali.
Ma c’è anche un’altra dimensione, quella dei messaggi all’esterno.
Dopo la telefonata con Biden e dopo un incontro con i vertici della sicurezza Netanyahu ha detto di essere determinato ad andare avanti con l’operazione militare.

I rapporti con gli Stati Uniti si complicheranno sicuramente nel caso in cui gli americani raggiungessero un nuovo accordo con l’Iran, nemico numero uno di Israele, sul suo programma nucleare. Proprio oggi tutte le parti coinvolte nel negoziato di Vienna hanno espresso grande ottimismo. E proprio oggi sono stati sparati nuovamente verso il nord di Israele dei razzi dal sud del Libano, la roccaforte di Hezbollah, fedele alleato di Teheran. Non è detto sia stata una sua iniziativa, ma lo sviluppo conferma la complessità della situazione e la necessità di interpretarla con più chiavi di lettura.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di dom 13/06/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 14/06/2021

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 13/06/21

    Reggae Radio Station di dom 13/06/21

    Reggae Radio Station - 14/06/2021

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 13/06/21

    Prospettive Musicali di dom 13/06/21

    Prospettive Musicali - 14/06/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di dom 13/06/21

    News Della Notte di dom 13/06/21

    News della notte - 14/06/2021

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 13/06/21

    Sacca del Diavolo di dom 13/06/21

    La sacca del diavolo - 14/06/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 13/06/21

    Sunday Blues di dom 13/06/21

    Sunday Blues - 14/06/2021

  • PlayStop

    Bollicine di dom 13/06/21

    Bollicine di dom 13/06/21

    Bollicine - 14/06/2021

  • PlayStop

    Domenica Aut di dom 13/06/21

    Domenica Aut di dom 13/06/21

    DomenicAut - 14/06/2021

  • PlayStop

    Italian Girl di dom 13/06/21

    Italian Girl di dom 13/06/21

    Italian Girl - 14/06/2021

  • PlayStop

    L'artista della settimana di dom 13/06/21

    L'artista della settimana di dom 13/06/21

    L’Artista della settimana - 14/06/2021

  • PlayStop

    Pop Cast di dom 13/06/21

    Pop Cast di dom 13/06/21

    PopCast - 14/06/2021

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di dom 13/06/21

    Labirinti Musicali di dom 13/06/21

    Labirinti Musicali - 14/06/2021

  • PlayStop

    Avenida Brasil di dom 13/06/21

    Avenida Brasil di dom 13/06/21

    Avenida Brasil - 14/06/2021

  • PlayStop

    Comizi D'Amore di dom 13/06/21

    Comizi D'Amore di dom 13/06/21

    Comizi d’amore - 14/06/2021

  • PlayStop

    C'e' di buono del dom 13/06/21

    C'e' di buono del dom 13/06/21

    C’è di buono - 14/06/2021

  • PlayStop

    Onde Road di dom 13/06/21

    Onde Road di dom 13/06/21

    Onde Road - 14/06/2021

  • PlayStop

    Dido di dom 13/06/21

    Dido di dom 13/06/21

    Dido – Conversazioni della domenica - 14/06/2021

  • PlayStop

    Chassis di dom 13/06/21

    Chassis di dom 13/06/21

    Chassis - 14/06/2021

  • PlayStop

    Favole al microfono di dom 13/06/21

    Favole al microfono di dom 13/06/21

    Favole al microfono - 14/06/2021

  • PlayStop

    Siria. Il nostro paese non c'è più. Capitolo 2: La guerra

    All’inizio del conflitto si scontrano il regime e i ribelli. L’Esercito Libero Siriano, che raccoglie diversi gruppi armati, mette in…

    Siria. Il nostro Paese non c’è più - 13/06/2021

  • PlayStop

    Passatel di sab 12/06/21

    Passatel di sab 12/06/21

    Passatel - 06/12/2021

  • PlayStop

    Pop Up di sab 12/06/21

    Pop Up di sab 12/06/21

    Pop Up Live - 06/12/2021

Adesso in diretta