Approfondimenti

“Una persona davvero esemplare”, Maurizio Acerbo ricorda Lidia Menapace

Lidia Menapace

La senatrice Lidia Menapace, partigiana simbolo della Resistenza italiana, si è spenta oggi a Bolzano all’età di 96 anni. Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista, a cui Lidia Menapace aderì fin dalla sua fondazione nel 1991, ha voluto ricordarla oggi ai microfoni di Radio Popolare.

L’intervista di Lorenza Ghidini e Claudio Jampaglia a Prisma.

È una notizia a cui in qualche modo eravamo pronti, ma è dura perchè eravamo molto legati, non solo io ma tutti i compagni e le compagne di Rifondazione Comunista. L’ho scritto sul Manifesto l’altro giorno, come si fa a non voler bene a Lidia? È stata nel corso degli anni una figura davvero esemplare, una persona che ci ha regalato non solo pensieri, ma anche tante occasioni di umanità, tante lezioni di vita a cui siamo legatissimi. È un po’ difficile parlarne questa mattina, lo confesso.

La storia e la vita politica di Lidia Menapace attraversano pezzi interi della nostra società. Inizia giovanissima come staffetta partigiana, poi all’università con la Federazione Universitaria Cattolica Italiana. Nel 1968 è la prima donna ad essere eletta nel consiglio provinciale di Bolzano insieme a Waltraud Gebert Deeg con Democrazia Cristiana. Sarà assessore e uscirà dalla Democrazia Cristiana per simpatia col Partito Comunista Italiano.

Già femminista, sarà invitata dai fondatori del Manifesto, sarà tra i promotori dei Cristiani per il socialismo e ne farà talmente tanto, in senso positivo, che sarà al fianco delle prostitute così come nel Comitato Etico di Banca Popolare Etica. Una figura davvero esemplare che è sempre stata dalla parte di una ragione critica.

Sì, Lidia Menapace ha avuto una storia davvero eccezionale. Lei teneva a sottolineare che aveva concluso la sua partecipazione alla Resistenza col grado di sottotenente. Lidia è stata un punto di riferimento eccezionale del movimento pacifista in Italia e della riflessione sulla non violenza. È davvero impossibile riassumere in poche parole il percorso di Lidia perché davvero la sua militanza e il suo attivismo fino ad un’età avanzatissima sono stati davvero straordinari. In Lidia c’era una capacità di stare tra le persone mantenendosi fedele ad alcuni valori di fondo e al tempo stesso avendo una forte capacità di mettere in discussione la propria storia davvero eccezionali. Io ho raccontato quando nei giorni dopo la tentata strage di Macerata il Ministro Minniti annunciò che avrebbe vietato la manifestazione antirazzista. Chiamai Lidia, le raccontai la situazione e le dissi che noi avevamo intenzione di manifestare lo stesso. Lei mi rispose “sono d’accordo, non possiamo accettare che dopo una tentata strage non ci sia una risposta“. E lei la mattina dopo era lì a Macerata e si fece tutto il corteo. Lidia non è mai diventata una reduce che parla al passato dei suoi ideali, è sempre rimasta una compagna e una partigiana in servizio attivo.

Foto di dumplife (Mihai Romanciuc)

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 28/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 28/06/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di martedì 28/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 28/06/2022

    1-Strage dei migranti in Texas. Sale a 50 il numero di morti all'interno di un camion abbandonato a San Antonio.…

    Esteri - 28/06/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 28/06/2022

    1) G7, concluso il vertice in Germania. Il “price-cap” di Draghi per tagliare i prezzi di gas e petrolio non…

    The Game - 28/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 28/06/2022

    Dove si sonda il quartiere di Baggio a Milano dopo la proposta di Matteo Salvini di costruire lì una centrale…

    Muoviti muoviti - 28/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh. Isole e vie di fuga

    Con Margherita Fruzza, Giulia Strippoli e Lorenzo Palloni

    Di tutto un boh - 28/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 28/06/2022

    Si parla con Mino Petazzini su La poesia degli animali, un'antologia di testi su cane, cavallo, gatto e altri animali…

    Considera l’armadillo - 28/06/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 28/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 28/06/2022

  • PlayStop

    La GKN lombarda: la storia della Cromoplastica di Verdellino

    Lo scorso fine settimana la proprietà della Maier Cromoplastica di Verdellino ha portato via, nottetempo, alcuni macchinari necessari alla produzione…

    Clip - 28/06/2022

  • PlayStop

    Suadenza forzata

    quando le corde vocali di Dismacchione lo costringono ad assumere un tono sexy, mentre auguriamo buone vacanze alle nostre antenne…

    Poveri ma belli - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

  • PlayStop

    Avni Doshi, Zucchero bruciato

    AVNI DOSHI - ZUCCHERO BRUCIATO – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28/06/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 28/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la libraia Mariana Marenghi parla del contest…

    Cult - 28/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 28/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 28/06/2022

    L'ASTENSIONE: UN PROBLEMA SOCIALE E POLITICO. Salvatore Vassallo direttore istituto Cattaneo e Filippo Barbera docente di sociologia economica all'università di…

    Prisma - 28/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 28/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

Adesso in diretta