Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 11/12 delle ore 17:30

    GR di mer 11/12 delle ore 17:30

    Giornale Radio - 12/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 11/12

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 11/12 delle 07:15

    Metroregione di mer 11/12 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 12/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Due di due di mer 11/12

    Due di due di mer 11/12

    Due di Due - 12/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 11/12 (prima parte)

    Jack di mer 11/12 (prima parte)

    Jack - 12/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 11/12 (seconda parte)

    Jack di mer 11/12 (seconda parte)

    Jack - 12/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 11/12

    Jack di mer 11/12

    Jack - 12/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 11/12

    Considera l'armadillo mer 11/12

    Considera l’armadillo - 12/11/2019

  • PlayStop

    Radio Session di mer 11/12

    Radio Session di mer 11/12

    Radio Session - 12/11/2019

  • PlayStop

    Memos di mer 11/12

    Elezioni in Gran Bretagna, sfida tra alternative radicalmente opposte. Domani il voto, favoriti i conservatori. Memos ha ospitato il filosofo…

    Memos - 12/11/2019

  • PlayStop

    Tazebao di mer 11/12

    Tazebao di mer 11/12

    Tazebao - 12/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 11/12 (seconda parte)

    Cult di mer 11/12 (seconda parte)

    Cult - 12/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 11/12 (prima parte)

    Cult di mer 11/12 (prima parte)

    Cult - 12/11/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 11/12

    LORENZA GHIDINI

    Note dell’autore - 12/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 11/12

    Cult di mer 11/12

    Cult - 12/11/2019

  • PlayStop

    Barrilete Cosmico di mer 11/12

    Barrilete Cosmico di mer 11/12

    Barrilete Cosmico - 12/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di mer 11/12 (terza parte)

    Chiude il centro di aggregazione giovanile Punto e Virgola, dove i ragazzi realizzavano i reportage di "Radio Quartieri" per Prisma.…

    Prisma - 12/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di mer 11/12 (prima parte)

    Prisma di mer 11/12 (prima parte)

    Prisma - 12/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di mer 11/12 (seconda parte)

    Prisma di mer 11/12 (seconda parte)

    Prisma - 12/11/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 11/12

    Il demone del tardi - copertina di mer 11/12

    Il demone del tardi - 12/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 11/12 (prima parte)

    il risveglio di Popolare Network, l'edicola, la rubrica accadde oggi (prima parte)

    Fino alle otto - 12/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 11/12 (seconda parte)

    l'edicola di Popolare Network, il brano del giorno (seconda parte)

    Fino alle otto - 12/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 11/12 (terza parte)

    la manifestazione "L'Odio non ha futuro" (terza parte)

    Fino alle otto - 12/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Una diga verde contro l’avanzata dell’estrema destra

DIE GRuNEN Germania

Due settimane fa la Baviera. Ora l’Assia. E la forte ascesa dei Verdi si vede anche nei recenti sondaggi nazionali, dove il partito ambientalista sta occupando con una certa frequenza il secondo posto alle spalle della CDU, con percentuali tra il 19 e il 21%.

I Verdi, per utilizzare un’espressione che si è sentita spesso in questi giorni, sono in “volo ad alta quota”. Un successo che ha diversi fattori, meriti propri e anche, in un certo senso, ha guadagnato dai punti deboli altrui.

In Assia i Verdi hanno sfiorato il 20%, oltre 8 punti in più delle scorse elezioni. In questi 5 anni sono stati al governo, partner di minoranza dell’esecutivo a guida CDU, con la quale hanno lavorato in maniera piuttosto soddisfacente, dicono gli elettori. Mostrato che si può collaborare tra forze di orientamento diverso anche senza gli scontri e i litigi che invece caratterizzano spesso la Grande coalizione di Berlino.

Tarek Al-Wazir, vicepresidente regionale e co-candidato di punta assieme a Priska Hintz, è stato poi dichiarato il politico più popolare del Land. I Verdi hanno ottenuto i voti soprattutto tra donne giovani, persone con alto livello di istruzione e abitanti delle città. Hanno portato via oltre 100 mila voti alla CDU, penalizzata dalla brutta immagine del governo federale, e ne hanno presi circa 140 mila da ex elettori socialdemocratici.

Una dinamica simile a quanto avvenuto due settimane fa in Baviera. E il successo nel Land meridionale ha fatto da traino anche per i colleghi assiani.

Protezione dell’ambiente, agricoltura sostenibile, ma anche più giustizia sociale, lotta al populismo, tolleranza, accoglienza, europeismo. Si possono sintetizzare così i punti cardine del partito. Che ha una classe dirigente, a partire dai leader Robert Habeck ed Annalena Baerbock, nuova e relativamente giovane, in grado di comunicare in maniera efficace. E credibile. Portando dalla propria parte anche chi non rientra nello schema diciamo dell’elettore tipo dei Gruenen.

In questi giorni ci si è chiesti più volte se i Verdi stiano cambiando, se siano diventati ormai diciamo una forza “moderata”, centrista. Dal partito dicono di no, che i Verdi restano a sinistra del centro e che piuttosto sono cambiate le sensibilità degli elettori – dall’inquinamento dei motori diesel ai cambiamenti climatici, in particolare dopo la torrida estate di quest’anno. Oppure, in una Germania dove cresce anche l’estrema destra e l’AfD è ora in tutti i parlamenti regionali, i Verdi sono stati visti come un argine a razzismo e xenofobia.

E adesso si guarda già avanti, alle elezioni europee l’anno prossimo. Dove i Verdi vogliono confermare i successi raccolti finora.

DIE GRuNEN Germania
Foto dalla pagina FB del partito Die Grunen https://www.facebook.com/B90DieGruenen/
  • Autore articolo
    Flavia Mosca Goretta
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni