Approfondimenti

Una campagna ai calci di rigore

La metafora della campagna elettorale di Milano è il calcio di rigore.

L’ha imposta Renzi, e a Sala non è piaciuta. Un calcio di rigore che si può solo sbagliare, ha detto il presidente del Consiglio, un po’ per scaramanzia, un po’ per prendere le distanze da un eventuale risultato negativo. E un po’ per provare a depotenziare il fattore R., il fattore Renzi. Il voto amministrativo, a Milano e nelle altre grandi città, come un voto sul Governo, il voto contro Sala come un voto contro il premier. Gli avversari politici del centrosinistra hanno insistito su questo punto. L’argomento ha fatto presa su una parte della sinistra, che ha attribuito al voto un significato politico: mandare a casa Renzi. E il ballottaggio si preannuncia davvero come una partita ai rigori, giocata voto su voto.

Giuseppe Sala ha vinto le primarie ma dal giorno dopo ha dovuto spendere molte delle sue energie comunicative per convincere gli elettori di essere un candidato che unisce e non divide, un candidato indipendente da Renzi, un “uomo di sinistra”, una persona appassionata alla politica e non l’algido manager che ha gestito Expo, altro evento divisivo a sinistra, per usare un termine mutuato dal marketing politico.

Un clima molto diverso rispetto all’entusiasmo che accompagnò la campagna elettorale di Giuliano Pisapia nel 2011, quando la sinistra costruì la narrazione della “rivoluzione arancione”, la liberazione di Milano dalle destre. Cinque anni dopo, il bilancio positivo della giunta Pisapia non ha impedito che alle primarie si presentassero due assessori, Balzani e Majorino, in una competizione che ha creato tensioni e polemiche solo in parte riassorbite dopo il 7 febbraio.

Stefano Parisi ha condotto una prima parte di campagna elettorale quasi perfetta. E’ riuscito a sfruttare a proprio vantaggio il suo limite iniziale, il deficit di popolarità rispetto a Sala.

Laico, con un passato nel Partito socialista, estroverso e simpatico, Parisi ha calamitato l’attenzione su di sé, è così si è discusso del Parisi di Fastweb, del Parisi romano e romanista, del Parisi che sfila il 25 aprile. Invece, della cultura e della proposta politica di Parisi e del centrodestra si è parlato poco. L’idea di città degli Albertini, dei De Corato, dei La Russa; il sogno coltivato da Salvini di trasformare Milano nella piattaforma di lancio della destra lepenista a livello nazionale. Tutto questo è rimasto sullo sfondo a lungo, a lungo la campagna elettorale è stata sotto tono e a lungo Parisi è riuscito a inchiodare Sala là dove il suo rivale non avrebbe voluto e dovuto stare: nel dibattito del “sono uguali, sono due manager allo stesso livello e con le stesse idee”.

L’esito del primo turno ha segnato una svolta nel comportamento di Giuseppe Sala: si è smarcato da Renzi, ha abbandonato l’aplomb e ha attaccato Parisi in più occasioni, ha preso una posizione più dura contro la destra. Ha continuato a parlare a tutta la città, allo stesso tempo ha siglato l’accordo coi Radicali di Cappato ed è andato alla ricerca dei voti di sinistra, puntando molto di più sui temi identitari della propria coalizione. Ieri, Sala ha ottenuto il consenso di Basilio Rizzo, ex candidato sindaco di sinistra per la lista Milano in Comune. E alla festa finale della campagna elettorale ha detto: “quello che doveva essere fatto è stato fatto”. Ora conta solo l’esito delle urne.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 25/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 25/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 25/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 25/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 25/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 25/05/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 25/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 25/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 24/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 24/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 25/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 24/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    - Guerra In Ucraina. La Russia comincia ad ammettere in modo implicito le sue difficoltà sul campo. - Cina. ”'sparare…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 24/05/2022

    1) “La pandemia ha avuto effetti di rilevanza storica, che vanno al di là di quelli sanitari, ovviamente importanti”. Parla…

    The Game - 25/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 24/05/2022

    Dove ci si getta sull'attualità raccontando, con ascoltatori e ascoltatrici, la grandinata che sta colpendo il nord di Milano. Poi…

    Muoviti muoviti - 25/05/2022

  • PlayStop

    Intervista a Emilio Isgrò di Tiziana Ricci

    Ricordiamoci cosa significa la cancellatura per Emilio Isgrò: non significa annullare, nascondere, togliere di mezzo, bensì esaltare un testo, proteggerlo,…

    Clip - 24/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 24/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 25/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 24/05/2022

    Si parla con Chiara Caprio di Animal Equality Italia delle novità in Europa su benessere animale, ma anche di Regione…

    Considera l’armadillo - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 24/05/2022

    Ospite telefonico la Bandakadabra per parlare di Musicamobile Monza

    Jack - 25/05/2022

  • PlayStop

    Marco Colombo, Il bosco delle maschere. La vita segreta del tasso

    MARCO COLOMBO - IL BOSCO DELLE MASCHERE. LA VITA SEGRETA DEL TASSO – presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 25/05/2022

Adesso in diretta