Approfondimenti

Fermate l’esecuzione di Zeinab, la sposa bambina

Rischia da un momento all’altro l’esecuzione Zeinab Sekaanvand, la ragazza 22enne curdo-iraniana, condannata a morte per impiccagione, in Iran, perché ritenuta colpevole dell’omicidio del marito.

Amnesty International è impegnata in una corsa contro il tempo per salvarle la vita. C’è un appello e una raccolta firme che le varie sezioni di Amnesty nel mondo stanno promuovendo. Alcune sezioni stanno organizzando iniziative davanti alle ambasciate e ai consolati dell’Iran.

Amnesty ha seguito con particolare attenzione la vicenda. Abbiamo chiesto a Riccardo Noury, portavoce di Amnesty Italia, di raccontarci la storia di Zeinab.

“E’ una ragazza curda-iraniana che ha avuto una vita piena di sfortune: prima di tutto è stata obbligata a sposarsi a 15 anni. E’ una sposa bambina, come molte in Iran, contro la sua volontà. Passata dall’infanzia a questo ruolo di moglie e schiava, il marito la picchiava e il fratello di lui la violentava. E oltre al turpe fenomeno del matrimonio forzato e precoce, è stata accusata dell’omicidio del marito che avrebbe ucciso quando di anni ne aveva 17.

Durante la prigionia ha sposato un uomo dal quale ha avuto una gravidanza – cosa che aveva consentito di rinviare l’esecuzione – ma il bambino poi è nato morto e quindi il conto alla rovescia è ripreso. E’ stata processata nel 2014 con un procedimento del tutto irregolare, è stata affiancata da un avvocato d’ufficio solo nell’ultima udienza ma in tutta la fase degli interrogatori, prima del processo, di avvocato difensore non ne ha avuto neanche uno. Ha trascorso persino un periodo di detenzione preventiva senza l’assistenza di un legale. Ha denunciato di essere stata torturata nei primi venti giorni di detenzione, denunce che non sono mai state prese in considerazione durante il processo.

Ma è successa una cosa ancora più importante: nell’ultima fase del processo, Zeinab ha raccontato un’altra versione dei fatti. Ha raccontato che era stata costretta ad autoincolparsi dell’omicidio del marito e che in realtà il vero omicida era il fratello di lui, il quale l’aveva violentata più volte, così come il marito. Ha raccontato che era stata spinta ad autoaccusarsi dal fratello del marito perché poi lui l’avrebbe perdonata nell’ambito di quel meccanismo di grazia che la legge iraniana consente di esercitare ai parenti delle vittime. Che questa altra versione sia vera o meno non lo sappiamo, ma certamente non è mai stata presa in considerazione.

E c’è di più: il nuovo codice penale del 2013 prevede che, nei casi di imputati minorenni al momento del reato, si possa chiedere un nuovo processo. Lei non lo sapeva, quindi non ha chiesto un nuovo processo. Lo stesso codice penale prevede anche che ci sia una valutazione sulla maturità, sulla competenza mentale dell’imputato. E questa valutazione nel caso di Zeinab non è stata fatta. Quindi ci troviamo di fronte a un regime di totale irregolarità, al quale aggiungiamo il fatto che l’Iran ha firmato convenzioni internazionali con cui si sarebbe impegnato a non mettere a morte persone minori di 18 anni al momento del presunto reato. Zeinab meriterebbe delle attenuanti, previste dal sistema della giustizia minorile in tutto il mondo. Certamente non dovrebbe essere messa a morte“.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 16/05/2022 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 17/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 17/05/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 17/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 16/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 17/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 16/05/2022

    1- Guerra in Ucraina. Dopo la Finlandia anche la Svezia chiederà di fare parte della Nato. Putin afferma che la…

    Esteri - 16/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 16/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 17/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 16/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 17/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 16/05/2022

    1) L’Europa rallenta la sua crescita, la Commissione rivede al ribasso tutte le sue previsioni economiche. Per il 2022 un…

    The Game - 17/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 16/05/2022

    Dove si scopre che una signora a Mandello del Lario ha trovato una bomba a mano sgomberando il box e…

    Muoviti muoviti - 17/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di lunedì 16/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 17/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 16/05/2022

    Si parla con Tommaso Lisa del suo ultimo libro Insetti delle tenebre, coleotteri troglobi e specie relitte, Exorma edizioni, ma…

    Considera l’armadillo - 17/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 16/05/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 17/05/2022

  • PlayStop

    Bidoni raccogli acqua

    quando ci ergiamo a campioni del risparmio energetico, elargiamo biglietti capibara, disquisiamo di biciclette e infine impariamo la lezione orwelliana…

    Poveri ma belli - 17/05/2022

  • PlayStop

    Il porto di Genova. O della multinazionale MSC?

    Sempre più mega-container e sempre più immense navi crociera. Genova sembra ormai destinata a una vera e propria invasione dal…

    Omissis - 16/05/2022

  • PlayStop

    Zoja Svetova, Gli innocenti saranno colpevoli. Appunti di un'idealista. La giustizia ingiusta nella Russia di Putin

    ZOYA SVETOVA - GLI INNOCENTI SARANNO COLPEVOLI. APPUNTI DI UN'IDEALISTA. LA GIUSTIZIA INGIUSTA NELLA RUSSIA DI PUTIN – presentato da…

    Note dell’autore - 17/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 17/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 17/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 17/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 17/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 16/05/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 17/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 16/05/2022

    Loghi che si consumano, simboli da abbattere, bare inclinate, abbiamo bisogno di memoria, di non fuggire via dall'orrore. Le merci…

    Guarda che Lune - 17/05/2022

Adesso in diretta