Approfondimenti

Quando trent’anni al potere non bastano

Ieri si è votato in Uganda. Doveva trattarsi di un’elezione senza storia: il vincitore, secondo un collaudato copione africano, doveva essere Yoweri Museveni. Un personaggio che – insieme a Pierre Nkurunziza, presidente del Burundi, a Paul Kagame, capo di Stato in Ruanda e Joseph Kabila, presidente della Repubblica Democratica del Congo – costituisce il nucleo degli inamovibili presidenti della regione dei Grandi Laghi. L’opposizione però ha mostrato di non starci e ci sono stato disordini di piazza.
Ma chi è Yoweri Musseweni, l’uomo responsabile di tutto questo?

In molti lo chiamano The Old Man, anche se ha solo 71 anni. Forse il soprannome gli deriva dalla lunga permanenza al potere che risale al lontano gennaio del 1986: trent’anni tondi tondi, senza mai perdere un colpo, con molti chiaroscuri.

Ebbe il merito di salvare il Paese dal dittatore Idi Amin Dada, un folle accusato di cannibalismo che in pochi anni fece diventare l’Uganda un mattatoio. Ha avuto il merito di una politica lungimirante e attenta quando il Paese, tra gli anni Ottanta e Novanta, era il più colpito dall’Aids. Ha, ancora, avuto il merito di far diventare il suo Paese uno dei più ambìti luoghi di investimento straniero per la collocazione strategica nella ricchissima regione dei Grandi Laghi e, di conseguenza, uno dei più virtuosi in quanto a crescita economica.

Ma ha anche molti demeriti, alcuni veramente imperdonabili. Anzitutto il fatto di essere affetto dalla malattia comune a molti suoi colleghi africani, virulenta e maligna, cioè quella di non riuscire a fare a meno del potere e, dunque, di escogitare tutti i trucchi per non perderlo. Mai. Anche a costo di mandare il Paese a rotoli e di sparare sul proprio popolo.

Negli ultimi anni Museveni, che è al sesto mandato, ha giocato veramente sporco e per vincere le elezioni è partito da lontano impedendo ai suoi rivali – tra l’altro personaggi di secondo piano perché quelli più pericolosi vengono addirittura fermati con larghissimo anticipo – di fare campagna elettorale.

Sebbene in queste elezioni il candidato favorito fosse lui e per tutti non c’era partita, si è premunito: ha fatto arrestare preventivamente il principale candidato Kizza Besigye, un tempo suo fedelissimo, colpevole di sospettare pubblicamente di brogli. Ha fatto mantenere chiusi (o li ha fatti aprire con enorme ritardo) i seggi nelle città dove il suo rivale era forte, ha oscurato i social network nelle ore del voto per prevenire accuse di brogli, manifestazioni o collegamenti tra l’opposizione.

Ora quasi sicuramente il vincitore sarà lui.

I sondaggi, anche quelli controllati dal regime, lo davano attorno a un tranquillo 54 per cento, dimostrazione del fatto che Museveni non vuole diffondere di sé un’immagine da dittatore delle banane, con quote di consenso inverosimile, ma quella di un leader con un’opposizione e alla guida di un sistema democratico.

Ma anche l’immagine di un leader che non rinuncia alle tradizioni, uno del popolo. The Old Man si compiace di mostrarsi come un piantatore di banane, con il cappellaccio da agricoltore e il viso da contadino cotto dal sole.

  • Autore articolo
    Raffaele Masto
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 29/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 29/06/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 29/06/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 29/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 29/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 29/06/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 29/06/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 29/06/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 29/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 28/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/06/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 28/06/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 29/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 28/06/2022

    1-Strage dei migranti in Texas. Sale a 50 il numero di morti all'interno di un camion abbandonato a San Antonio.…

    Esteri - 29/06/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 28/06/2022

    1) G7, concluso il vertice in Germania. Il “price-cap” di Draghi per tagliare i prezzi di gas e petrolio non…

    The Game - 29/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 28/06/2022

    Dove si sonda il quartiere di Baggio a Milano dopo la proposta di Matteo Salvini di costruire lì una centrale…

    Muoviti muoviti - 29/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh. Isole e vie di fuga

    Con Margherita Fruzza, Giulia Strippoli e Lorenzo Palloni

    Di tutto un boh - 29/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 28/06/2022

    Si parla con Mino Petazzini su La poesia degli animali, un'antologia di testi su cane, cavallo, gatto e altri animali…

    Considera l’armadillo - 29/06/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 28/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 29/06/2022

  • PlayStop

    La GKN lombarda: la storia della Cromoplastica di Verdellino

    Lo scorso fine settimana la proprietà della Maier Cromoplastica di Verdellino ha portato via, nottetempo, alcuni macchinari necessari alla produzione…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    La GKN lombarda: la storia della Cromoplastica di Verdellino

    Lo scorso fine settimana la proprietà della Maier Cromoplastica di Verdellino ha portato via, nottetempo, alcuni macchinari necessari alla produzione…

    Clip - 28/06/2022

  • PlayStop

    Suadenza forzata

    quando le corde vocali di Dismacchione lo costringono ad assumere un tono sexy, mentre auguriamo buone vacanze alle nostre antenne…

    Poveri ma belli - 29/06/2022

Adesso in diretta