Approfondimenti

Ucraina, con i referendum illegali si apre una nuova fase della guerra

referendum illegali donbass

Nel pomeriggio i media russi hanno cominciato ad anticipare i risultati parziali dei referendum nelle quattro zone occupate nell’est e nel sud dell’Ucraina: Donetsk, Luhansk, Zaporizhia e Kherson.
Secondo l’agenzia statale Ria Novosti con circa il 15% dei voti scrutinati a favore dell’annessione da parte della Federazione Russa ci sarebbe ovunque una maggioranza bulgara, tra il 97 e il 98%.
Durante un incontro con alti funzionari – ripreso dalle TV – Putin ha detto che l’obiettivo è salvare le popolazioni di quelle regioni dalle continue discriminazioni da parte dello stato ucraino. Una narrazione ormai consolidata – anche se non l’unica – con la quale il Cremlino ha giustificato fin dall’inizio l’invasione del paese vicino.

Il presidente russo dovrebbe parlare davanti al parlamento venerdì prossimo, 30 settembre. E potrebbe essere proprio quella l’occasione per annunciare il via libera all’annessione di un’area che fa circa il 15% del territorio ucraino. Con la Crimea siamo al 20%.
Il presidente della Camera Alta del parlamento russo ha fatto sapere che la questione potrebbe essere discussa e votata già il 4 di ottobre, all’inizio della prossima settimana.
Insomma, probabile che l’operazione sia piuttosto rapida, più o meno come quella che nel 2014 portò all’annessione della Crimea. Tutto nel giro di pochi giorni.

Il voto non risponde ad alcun criterio di legalità, nazionale o internazionale.
Niente osservatori, nessuna verifica delle modalità della consultazione, diversi cittadini ucraini bloccati in quelle zone hanno raccontato di un’operazione telecomandata spesso con la minaccia dell’uso della forza.
L’annessione di quei territori non verrà quindi riconosciuta dalla comunità internazionale, proprio come avvenne con la Crimea otto anni fa.
Stati Uniti e Unione Europea hanno già annunciato nuove sanzioni alla Russia.
Mentre il governo ucraino ha detto che chi ha collaborato con le autorità russe verrà punito con il carcere.

Ma la Russia considererà quelle zone suo territorio al 100%. E il punto è proprio questo: come cambieranno le dinamiche della guerra quando da una parte ci sarà il territorio ucraino e dall’altro – anche se solo per Mosca – il territorio russo?
Sicuramente Putin sposterà lì altri uomini e mezzi. Anche a questo serve la complicatissima mobilitazione di questi giorni.
Le intenzioni sono state esplicitate da uno degli uomini fidati del Cremlino, l’ex-presidente Medvedev, che ha ripetuto come la Russia risponderà con assoluta determinazione a ogni minaccia alla sua sicurezza nazionale, anche nei nuovi territori e anche con armi nucleari.
Medvedev aveva già usato parole simili, nella strategia comunicativa del Cremlino fa la parte del falco. Ma questa volta ha aggiunto un pezzo: siamo sicuri – ha detto – che l’Occidente non interverrà, nemmeno se dovessimo usare armi nucleari, perché non hanno interesse a entrare in un conflitto che diventerebbe globale. Una minaccia.

Da parte loro gli ucraini hanno detto che continueranno con la loro contro-offensiva. Lo stanno facendo anche in questi giorni, da sud – Kherson – a est – Kharkiv e il Donbass.
Ma sicuramente stiamo per entrare in una fase nuova, ancora più imprevedibile.
Kiev e i suoi alleati valuteranno con la massima attenzione le prossime mosse.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 06/02/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 02/06/2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 06/02/2023 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 02/06/2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 06/02/2023

    Cancellare i diritti con il consenso popolare: la tripla crisi epocale - guerra, clima, pandemia - lo rende possibile. Rights…

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 02/06/2023

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 06/02/2023

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 02/06/2023

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 05/02/2023

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 02/05/2023

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 05/02/2023

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 02/05/2023

  • PlayStop

    News della notte di domenica 05/02/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 02/05/2023

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 05/02/2023

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 02/05/2023

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 05/02/2023

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 02/05/2023

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 05/02/2023

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 02/05/2023

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 05/02/2023

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 02/05/2023

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 05/02/2023

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei…

    Archivio Ricordi - 02/05/2023

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 05/02/2023

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 02/05/2023

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 05/02/2023

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 02/05/2023

  • PlayStop

    Canta che ti passa di domenica 05/02/2023

    I concerti della settimana e una breve monografia sugli artisti in tour

    Canta che ti passa - 02/05/2023

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 05/02/2023

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 02/05/2023

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 05/02/2023

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 02/05/2023

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 05/02/2023

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 02/05/2023

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 05/02/2023

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 02/05/2023

Adesso in diretta