Approfondimenti

“Tragedia annunciata, il torrente andava chiuso”

tragedia gole del Raganello

Dieci morti, tutti turisti, oltre a una guida locale. Una strage, che avrebbe potuto essere ancora più pesante se la piena che li ha travolti fosse accaduta a Ferragosto o in un fine settimana, quando nelle gole del Parco del Pollino arrivano a esserci centinaia di persone. E’ stata solo una fatalità? E’ stata colpa solo della “bomba d’acqua” precipitata a monte, violenta e improvvisa?

Radio Popolare ha intervistato una delle guide ufficiali del Parco del Pollino, Emanuele Pisarra, che parla, al contrario, di una tragedia annunciata. Secondo la guida il problema, infatti, non è stata solo la bomba d’acqua del pomeriggio, ma le piogge incessanti dei giorni e mesi precedenti e le nevicate dello scorso inverno.

Chi si avventura tra quelle gole senza esperienza e senza un minimo di informazioni sulle condizioni del torrente che le attraversa, dice Pisarra, può andare incontro a rischi altissimi. Che potrebbero essere prevenuti.

A mio avviso è stata un’imprudenza, perché visto che quasi tutti i pomeriggi sta piovendo e non era il caso di avventurarsi in un canyon così complesso come questo del Raganello con questa instabilità pomeridiana.

Sono gruppi organizzati o sono persone singole?

Entrambi. I gruppi organizzati sono tanti, però diciamo che siamo un 40-60%, cioè 40% organizzati e il 60% no. I gruppi non organizzati non si avventurano in grosse imprese, fanno un piccolo tratto, quello più semplice. E quando ci sono le prime difficoltà se uno è minimamente intelligente torna indietro, perchè non ha la muta, non ha il casco e non ha l’attrezzatura adatta. Se non è un temerario oppure uno specialista che sa in cosa incorre, la maggior parte se la svigna. Il torrente è molto vario, ma quest’anno c’è molta più acqua del solito, ha piovuto tantissimo a primavera e c’è stata molta neve in inverno. Ci sono bei tratti del canyon da fare a nuoto e ci sono dei tratti in cui bisogna arrampicarsi, serve insomma un minimo di capacità.

Non è corretto quindi dire che è stata solo una bomba d’acqua improvvisa e imprevedibile?

No no, assolutamente no. Il temporale era previsto, le previsioni meteo lo davano. Era prevista anche un’allerta meteo della regione Calabria, forse il nostro sindaco avrebbe dovuto fare un’ordinanza di divieto di accesso. Diciamo che c’erano tutti i requisiti per non avventurarsi, se uno ha un minimo di esperienza di montagna sa che queste condizioni di primo pomeriggio sono sempre micidiali.

Bisognava chiudere il torrente ai turisti?

Secondo me sì, sono di questo avviso.

C’erano degli elementi per poter immaginare che la prudenza suggerisse di chiuderlo.

Sì, io sono di questo avviso e me ne assumo tutta la responsabilità. Quest’anno c’è molta più acqua del normale nel torrente, è piovuto tantissimo in primavera e in inverno è nevicato tanto. Ci sono addirittura dei tratti della gola che si possono percorrere solo a nuoto.

È vero che c’è un accesso spropositato a quei luoghi?

Sì, è iper-conosciuta e iper-frequentata. Troppo. Il problema è quando ti infili nelle gole senza l’attrezzatura giusta e senza i requisiti giusti. Questo è il dramma. Gli incidenti accadono spesso, credo che il 70-80% dei soccorsi effettuati dal soccorso alpino negli ultimi 20 anni siano stati fatti tutti nelle gole. Io lo temevo, è la cronaca di una morte annunciata.  Ora spero che le autorità competenti prendano la cosa un po’ più seriamente visto che non è mai stato fatto un regolamento a valle, che io chiedevo da anni.

Lo dovrebbe fare l’Ente del parco d’intesa col Comune. Quella è la zona 1 del parco, quindi tocca all’ente del parco come primo attore con l’intesa e il parere del comune.

tragedia gole del Raganello
Foto | Vigili Del Fuoco
  • Autore articolo
    Alessandro Principe
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/06/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/06/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 26/06/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 25/06/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 26/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 25/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/06/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/06/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 26/06/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 26/06/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/06/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 26/06/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/06/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 26/06/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 25/06/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 26/06/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/06/2022

    Il ricordo di Patrizia Cavalli con Paolo Massari; le sorelle terribili di Simenon; la festa del Naga; La maschera: un…

    Good Times - 26/06/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 25/06/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 26/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/06/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 25/06/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 26/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 24/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 24/06/2022

    1-Stati Uniti. Dopo una lunga crociata reazionaria abolito il diritto all’aborto federale. La sentenza della Corte suprema sarà applicata nella…

    Esteri - 26/06/2022

  • PlayStop

    The Game di venerdì 24/06/2022

    Puntata speciale dedicata alla memoria di Stefano Rodotà (1933-2017), il grande giurista e intellettuale morto il 23 giugno di cinque…

    The Game - 26/06/2022

Adesso in diretta