Approfondimenti

Francia, il braccio di ferro governo-sindacato

Il governo francese non ha intenzione di ritirare la riforma del lavoro, né di modificare il contestato articolo due. Il primo ministro Manuel Valls in una serrata intervista all’emittente televisiva BFM  ha confermato la linea dura, nel giorno in cui le proteste si sono estese dal settore dei trasporti e petrolifero, alle centrali nucleari.

In particolare Valls ha cercato di minimizzare il ruolo del sindacato Cgt, che guida la protesta e ha dichiarato che non fermerà la mobilitazione fino al ritiro della legge.

Ecco alcuni passaggi dell’intervista del giornalista Jacques Bourdin al primo ministro:

“Non è la Cgt che può bloccare il paese, non è la Cgt che può imporre un testo di legge. La Cgt, al contrario dei sindacati riformisti, ha rifiutato l’accordo che noi abbiamo trovato con questi sindacati, dopo le lunghe discussioni che ho condotto”, ha risposto Valls all’intervistatore, il giornalista Jacques Bourdin.

Un accordo rigettato da alcuni sindacati,  senza maggioranza all’Assemblea Nazionale e rifiutato dal 70% dei francesi…Non è poca cosa. Ma voi non ritirerete la riforma del lavoro, giusto?

Chi governa? Il Presidente della Repubblica, il capo del Governo, il Governo, che si è assunto la responsabilità di far passare la legge utilizzando l’articolo 49.3 della Costituzione.

Lei governa contro i deputati, contro i francesi, contro una parte dei sindacati?

Qual è l’alternativa? Il ritiro del testo? Non è possibile. Il ritiro non è possibile non solo per questo governo, ma per qualunque governo riformista, ha risposto Manuel Valls. Qual è l’alternativa? Elezioni legislative anticipate? Sarebbe una vittoria della destra.

Si dimetterà?

No. Di nuovo, qual è l’alternativa? Lo vedremo tra qualche giorno. Perché la riforma del lavoro andrà al Senato, dove c’è una maggioranza di destra, che esporrà un progetto agli antipodi rispetto a questa legge che abbiamo proposto noi e a quello che si aspettano coloro che manifestano.  Quindi è fuori questione un cambiamento la legge, si potranno al massimo avere alcune modifiche, alcuni miglioramenti…

La riscrittura dell’articolo 2?

No. L’articolo 2 è il cuore di questa legge, e io dovrei ritirarlo? Quel punto, che riguarda la negoziazione nelle imprese, viene difeso dai sindacati riformisti perchè ritengono che dia nuovi diritti  che ai lavoratori.

Questo paese rischia di morire di conservazione, dell’impossibilità di fare riforme.  Siamo in un momento cruciale. So che i francesi esprimono la loro opposizione al governo attraverso l’opposizione a questa legge, che sono preoccupati. Lo capisco, nonostante le cifre della disoccupazione stiano migliorando, nonostante  il Paese stia ritrovando competitività e crescita. Ma la mia responsabilità come capo del governo non è seguire i sondaggi, io penso che questo testo sia buono per le imprese e buono per i lavoratori.

Ascolta un passaggio l’intervista di Valls a BFM (in lingua originale)

Manuel Valls su Bfm Tv

Ma la Cgt non ha nessuna intenzione di mollare. Ai nostri microfoni Thierry Dumez, segretario regionale aggiunto dell’Ile de France, commenta l’intervista di Valls e annuncia nuove mobilitazioni.

“A premier rispondiamo che deve rispettare la democrazia, ad esempio perché l’opinione pubblica è in maggioranza contraria a questa legge. Lui invece fa passare la legge con la fiducia, quindi con la forza, e questo è antidemocratico. Abbiamo già conosciuto altri premier che promettevano che non avrebbero fatto passi indietro rispetto alle loro riforme – ha detto Dumez – ad esempio nel 2006 con il contratto di primo impiego, che dopo le mobilitazioni è stato ritirato. Quindi noi crediamo che il governo dovrà cedere, davanti alla maggioranza della popolazione e dei lavoratori, che chiedono il ritiro di questa legge e l’apertura di un altro negoziato su nuove basi”.

Ascolta l’intervista a Thierry Dumez a cura della nosrta collaboratrice da Parigi Luisa Nannipieri

Thierry Dumez-Cgt

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 29/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 29/06/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    The Weekly Report di giovedì 30/06/2022

    Ogni settimana un viaggio musica tra presente e passato all’insegna dei suoni di chitarra e la ricerca di grandi melodie.…

    The Weekly Report - 30/06/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 29/06/2022

    Ultima puntata della stagione: facciamo bilanci con Giulia Giordano di ECCO, presentiamoun bel progetto di cooperazione internazionale in Camerun, parliamo…

    Il giusto clima - 30/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 29/06/2022

    1-Attentati di Parigi. Un processo per la Storia e una lezione di umanità. Oggi la lettura della sentenza. Lo speciale…

    Esteri - 30/06/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 29/06/2022

    1) Stati Uniti con una piede nella recessione. Nel primo trimestre 2022 il pil americano è calato dell’1,6%, dopo il…

    The Game - 30/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 29/06/2022

    Dove si affronta ancora il problema dell'emergenza climatica con il Dott. Andrea Merlone, Metrologo e Climatologo dell’INRiM, l’Istituto Nazionale di…

    Muoviti muoviti - 30/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 29/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 30/06/2022

  • PlayStop

    L'acqua per l'agricoltura è finita in pianura

    Ancora dieci giorni d'acqua per l'agricoltura poi nel bacino del Po si dovrà dare la poca acqua rimasta agli usi…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 29/06/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 30/06/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 29/06/2022

    Marta Blumi Tripodi ci racconta il live di Alicia Keys al Forum di Assago

    Jack - 30/06/2022

  • PlayStop

    La carovana per la pace Stop The War Now ad Odessa

    Questa mattina a Prisma, Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni hanno intervistato Gianpiero Cofano, segretario dell'associazione Papa Giovanni XXIII, che con…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Giorgio Macellari, La vita si sconta morendo. L'arte del vivere e del morire bene

    GIORGIO MACELLARI – LA VITA SI SCONTA MORENDO. L’ARTE DEL VIVERE E DEL MORIRE BENE – presentato da MARCO DI…

    Note dell’autore - 30/06/2022

  • PlayStop

    La volta che sono arrivato uno

    quando Dismacchione è fuori gioco ed è sostituito da Giulia che lavora da subito per il suo fanclub, mantre elogiamo…

    Poveri ma belli - 30/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 30/06/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 29/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30, “Vapore d'estate” con oltre 100 appuntamenti culturali…

    Cult - 30/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 29/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 30/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 29/06/2022

    LA SICCITA' E L'INERZIA DEL GOVERNO Stefano Iannacone giornalista de Il Domani Angelo Bonelli portavoce dei Verdi Serena Giacomin Fisica…

    Prisma - 30/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 29/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 30/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 30/06/2022

Adesso in diretta