Approfondimenti

They call me Magic e Winning Time raccontano i Lakers di Magic Johnson

MAGIC JOHNSON

Il grande successo di The Last Dance, nel 2020, ha riacceso l’interesse – o, meglio, l’ha espanso anche oltre la cerchia di appassionati – per il basket, più precisamente per l’NBA. Secondo qualche ironico commentatore, The Last Dance – miniserie doc, disponibile su Netflix, che ripercorre la straordinaria carriera di Michael Jordan incastonandola, tra interviste, flashback e flashforward, nel racconto della sua ultima stagione con i Chicago Bulls – non è troppo lontana da Il trono di spade: le sfide nei palazzetti sportivi equivalgono a epiche battaglie, la propensione di Jordan a legarsi al dito qualsiasi minimo sgarbo si trasforma sempre in sete di vendetta. All’estremo opposto, a livello di immaginario, di Michael Jordan c’è – e probabilmente c’è sempre stato – Magic Johnson: al secolo Earvin Johnson Jr., di qualche anno più grande di Jordan, è come il collega considerato uno dei maggiori sportivi della Storia, ma laddove Michael non nasconde la competitività esasperata e la litigiosità, Magic promuove un più deciso spirito di squadra e ottimismo.

La sua straordinaria carriera conta cinque titoli NBA vinti e, soprattutto, ha coinciso con una vera e propria era sportiva per la sua squadra, i Los Angeles Lakers, chiamata “Showtime”: i passaggi di Johnson e l’infallibilità a canestro di Kareem Abdul-Jabbar davano vita a uno spettacolo veloce, pirotecnico e indimenticabile. Ma Johnson ha fatto la Storia anche fuori dai palazzetti, quando ha scoperto di essere sieropositivo: invece di tacere, ha reso pubblica la propria condizione – uno dei primissimi sportivi di sempre a farlo – contribuendo così a combattere lo stigma sociale che negli anni 80 e 90 perseguitava le persone che avevano contratto l’HIV. Tutto questo e molto altro è al centro, quasi in contemporanea, di due serie diverse e complementari. They Call Me Magic, su AppleTv+, è per certi versi il corrispettivo di The Last Dance: si tratta di una miniserie documentaria in cui è lo stesso Magic Johnson a raccontarsi in prima persona, concedendosi a un’intervista lunga e generosissima intervallata da tanto materiale di repertorio. Johnson è qui anche produttore esecutivo ed è inevitabile che They Call Me Magic assuma a tratti dei toni quasi agiografici, parlando anche del successo da imprenditore del cestista dopo il ritiro dai campi da basket. L’altra serie s’intitola Winning Time, e comincia il 2 giugno su Sky Atlantic e sulla piattaforma NOW: in questo caso non parliamo di un documentario, ma di una serie tv di fiction, per quanto ovviamente basata su una conosciutissima storia vera. Con lussuosa e storicamente accurata produzione HBO, ci riporta alla Los Angeles degli anni 80 per riraccontare l’ascesa della dinastia Lakers, come recita il sottotitolo: l’attore John C. Reilly interpreta l’imprenditore Jerry Buss, proprietario di maggioranza dei Lakers e presunto deus ex machina dietro la straordinaria infilata di vittorie della squadra.

La serie è prodotta da Adam McKay, il regista di La grande scommessa e Don’t Look Up, che ne ha diretto anche l’episodio pilota, e lo sterminato cast è ricco di ottimi interpreti, oltre a Reilly: Quincy Isaiah, i premi Oscar Sally Field e Adrian Brody, Jason Clarke, Gaby Hoffman, Tracy Letts, Jason Sagel, Julianne Nicholson, Lola Kirke, Gillian Jacobs… A differenza di They Call Me Magic, però, Winning Time, non troppo sorprendentemente, non è piaciuto a Magic Johnson, a Kareem Abdul-Jabbar e ad altri dei reali personaggi rappresentati. L’ex giocatore Jerry West non ha gradito il proprio turbolento ritratto e ha minacciato di fare causa a HBO, la quale però ha risposto che «sebbene sia naturale prendersi qualche licenza poetica quando si adatta una storia vera, Winning Time è frutto di un grande lavoro di ricerca, e molto accurato». D’altronde tutti gli idoli hanno luci e ombre, e poi come dice l’adagio: the show(time?) must go on.

  • Autore articolo
    Alice Cucchetti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 08/06 12:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 08-06-2023

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 08/06/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 08-06-2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 08/06/2023 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 08-06-2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di giovedì 08/06/2023

    Oggi a Cult: lo scrittore e saggista Hans Tuzzi sarà alla Festa di Radio Popolare con il suo ultimo libro "Curiosissimi fatti di cronaca criminale"; a MIlano il Best Movie Festival diretto da Giorgio Viaro; al Teatro Gerolamo la mostra per Fondazione Trussardi "Dramoletti" di Diego Marcon; al Teatro alla Scala debutta la nuova produzione di "Rusalka" di A. Dvorak, per la regia di Emma Dante, di cui parla anche Giovanni Chiodi nella sua rubrica settimanale di lirica...

    Cult - 08-06-2023

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 08/06/2023

    La divisione di genere del lavoro nelle società a capitalismo avanzato. Un progetto interdisciplinare per discuterne è stato promosso dall'istituto di economia e dall'istituto Dirpolis (diritto, politica e sviluppo) della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. Di cosa si tratta? Pubblica ha ospitato Maria Enrica Virgillito, economista, professoressa all'istituto di economia della Scuola Sant'Anna.

    Pubblica - 08-06-2023

  • PlayStop

    Microfono aperto di giovedì 08/06/2023

    Vita, politica, storie, dibattito, confronto, scontro. La formula: un tema, un conduttore, degli ospiti e voi. Dalla notizia del momento alla vita di tutti i giorni: si parla di tutto e c’è spazio per tutti. Basta telefonare e argomentare. Il Microfono Aperto è nato insieme a Radio Popolare e ne resta un cardine. Negli anni ha cambiato conduttori, forma, orari, durata, non la sostanza: la voce alle ascoltatrici e agli ascoltatori, la loro opinione, il loro punto di vista sulle cose.

    Microfono aperto del sabato - 08-06-2023

  • PlayStop

    Note dell’autore di giovedì 08/06/2023

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 08-06-2023

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 08/06/2023

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 10.00, il venerdì dalle 9.00 alle 10.30 Due ore insieme tra storie vicine e lontane, i fatti del giorno, i reportage, sempre con il microfono aperto ad ascoltatori e ascoltatrici. Nell’epoca delle verità uniche saremo Prisma. Prisma è condotto da Lorenza Ghidini. In redazione Massimo Alberti

    Prisma - 08-06-2023

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 08/06/2023

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 08-06-2023

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di giovedì 08/06/2023

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a una conduttrice della redazione programmi sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo un buon caffè nero bollente.

    Caffè Nero Bollente - 08-06-2023

  • PlayStop

    Mono 35 - Summer Festival '23 (seconda parte) - 08/06/2023

    Un altro po' del meglio della musica che quest'estate verrà a trovarci dal vivo in Italia.

    Mono - 07-06-2023

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 07/06/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07-06-2023

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 07/06/2023

    GIMME SHELTER 113 Gusci di un tetto che sembrano i petali di un fiore; architetti con la passione per l'ingegneria e le connessioni che ci sono sfuggite tra le strutture sperimentali dell’architettura e del rock. 1. David Byrne “Road To Nowhere (Live at WXPN 1994)” 2. Beck, Bogart & Appice “Superstition” 3. The Yardbirds “Heart Full Of Soul” 4. Python Lee Jackson “In A Broken Dream” 5. Elton John “Love Song”

    Gimme Shelter - 07-06-2023

Adesso in diretta