Approfondimenti

The big Cigar, la serie TV di Damon Thomas e Don Cheadle

The big Cigar

Ci sono due rivoluzioni che si incontrano nella miniserie The Big Cigar, che comincerà su AppleTv+ il prossimo 17 maggio. La prima, e certamente la più importante, è quella del Black Panther Party, e di Huey P. Newton, che lo fondò nel 1966, a Oakland, in California, insieme al compagno di studi Bobby Seale. Un movimento politico fondamentale nella Storia (non solo) statunitense delle lotte per i diritti civili, che alla pratica della non violenza predicata dal reverendo Martin Luther King contrapponeva quella dell’autodifesa, rivendicando il diritto a portare armi per proteggersi dalle violenze istituzionalizzate della polizia, che opprimevano (e opprimono) le comunità nere. «Contraddizioni», ripete spesso nella serie Huey P. Newton, interpretato da André Holland, soprattutto quando rievoca l’improvvisa campagna dei repubblicani, solitamente sempre schierati a difesa del secondo emendamento, per imporre un maggior controllo delle armi, purché non fossero utilizzate dalle Black Panther. Accanto alle attività di pattugliamento armato – per “controllare i controllori”, cioè i poliziotti, e provare a dissuaderli dagli abusi –, il Black Panther Party, d’ispirazione marxista-leninista e maoista, organizzava e metteva a disposizione delle comunità nere programmi di educazione e di sanità gratuiti, sovrapponendo la battaglia antirazzista alla lotta di classe, oltre a lavorare anche culturalmente per coltivare l’orgoglio black. La serie The Big Cigar rievoca tutto ciò, ma non è un documentario né una ricostruzione storica troppo austera, perché l’altra rivoluzione che racconta è quella di un ambiente molto meno serio, cioè Hollywood: il co-protagonista è Bert Schneider, impersonato dall’attore Alessandro Nivola (visto recentemente nei film Lo strangolatore di Boston e Rumore bianco). Cioè un produttore cinematografico fondamentale per la nascita di quella che verrà chiamata New Hollywood: fu lui a insistere per finanziare e distribuire un certo folle “film sui motociclisti”, ovvero Easy Rider, destinato a diventare uno dei più maggiori cult movie di tutti i tempi, e a fissare per sempre sul grande schermo la controcultura di fine anni 60. Easy Rider non è l’unico capolavoro prodotto da Schneider, gli fanno compagnia anche Cinque pezzi facili di Bob Rafelson, L’ultimo spettacolo di Peter Bogdanovich, il documentario sulla guerra in Vietnam Hearts and Minds, e I giorni del cielo di Terrence Malick. L’incontro tra Huey P. Newton e Bert Schneider, mostra la miniserie, è anche quello tra le lotte politiche di fine anni 60 e inizio 70, e i vari movimenti controculturali; ma è anche, soprattutto, l’occasione di mettere in scena una storia vera – anche se, inevitabilmente e dichiaratamente, un po’ romanzata – che ha contorni surreali. Newton – che era già stato in carcere per un omicidio di cui si è sempre dichiarato innocente: recuperate il bellissimo mediometraggio documentario Black Panther di Agnès Varda per uno sguardo in presa diretta sulle proteste per la sua liberazione – all’inizio degli anni 70 si ritrova nuovamente accusato di un delitto, e cerca una via di fuga dal paese, consapevole che difficilmente uscirebbe vivo da una caccia all’uomo ai suoi danni messa in piedi dall’FBI di J. Edgar Hoover, intenzionato a distruggere il Black Panther Party con ogni mezzo necessario (a tal proposito, ecco un altro consiglio cinematografico: il film candidato all’Oscar Judas and the Black Messiah, sulla persecuzione di un altro famoso membro delle Black Panther, Frad Hampton). In fuga, Huey P. Newton si rivolge a Bert Schneider, e i due mettono in piedi un piano spericolato: Newton raggiungerà l’accogliente Cuba di Fidel Castro “nascosto” in mezzo a una produzione cinematografica coordinata proprio da Schneider. Se la trama vi ricorda quella di Argo – il film di Ben Affleck che raccontava la fuga degli ostaggi americani da Teheran attraverso l’ausilio di un film fasullo – è forse anche perché Joshuah Bearman, il giornalista che aveva raccontato quella storia, è anche l’autore del reportage a cui si ispira The Big Cigar. A produrre la miniserie, e a dirigere i primi due episodi, invece, c’è l’attore Don Cheadle, passato qui alla regia per portare sullo schermo un periodo troppo poco rappresentato e una storia, anche hollywoodiana, ancora sconosciuta.

  • Autore articolo
    Alice Cucchetti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

  • PlayStop

    Cult di lunedì 20/05/2024

    Oggi a Cult: Tindaro Granata in "Vorrei una voce" all'Elfo Puccini di Milano; a Milano inziaia la ArchWeek 2024; Marco Malvaldi sul suo libro "Dodici" (Il Mulino);la corrispondenza dal Festival del Cinema di Cannes di Barbara Sorrentini; la rubrica di classica di Giuseppe Califano...

    Cult - 20-05-2024

  • PlayStop

    Pubblica di lunedì 20/05/2024

    La Cina ha prenotato un posto in prima fila nel futuro ordine mondiale? Il presidente Xi Jinping è l’unico - tra i leader globali - ad essere riuscito ad incontrare, seppur separatamente, le parti in conflitto in Ucraina. La settimana scorsa, nel giro di pochi giorni, Xi ha incontrato Putin, l’invasore dell’Ucraina, e Macron, il presidente francese che vorrebbe mandare i soldati occidentali a combattere contro i russi in Ucraina. Pubblica ha ospitato Filippo Fasulo, ricercatore all’Istituto di Studi di Politica Internazionale (ISPI) e direttore del centro studi della «Fondazione Italia-Cina», e Alessandro Politi, analista politico e strategico internazionale, direttore «Nato Defense College Foundation».

    Pubblica - 20-05-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 20/05/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 20-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di lunedì 20/05/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 20-05-2024

  • PlayStop

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE - presentato da Ira Rubini

    Note dell’autore - 20-05-2024

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 20/05/2024

    - La libertà d’informazione a rischio. Oggi Londra decide se estradare Julian Assange verso gli Stati Uniti. Milano attenderà la sentenza in piazza Mercanti con l’istallazione Anything to say? Parla il suo ideatore Davide Dormino. - 10 anni fa in Ucraina l’uccisione del fotoreporter Andy Rocchelli. Insieme a lui venne ucciso l’interprete e attivista dei diritti umani Andrej Mironov. 10 anni senza verità è giustizia. Parla il padre di Andy. - Malala e le sue sorelle. Sono milioni le ragazze a cui è impedito di studiare da regimi autoritari. Sentiamo uno dei podcast realizzati dalle scuole che hanno partecipato al Festival dei Diritti Umani. Oggi ci occupiamo del Premio Sacharov Malala Yousafzai. In collaborazione con l’Ufficio di Milano del Parlamento Europeo.

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 20-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di lunedì 20/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 20-05-2024

Adesso in diretta