Approfondimenti

Terrorismo, nuovi arresti in Italia

Antiterrorismo in azione

La giornata odierna si è aperta con la notizia dell’arresto di cinque persone ritenute vicine all’attentatore di Berlino Anis Amri. Quattro cittadini tunisini residenti tra la provincia di Napoli e Caserta e un cittadino palestinese già detenuto nel carcere romano di Rebibbia sarebbero stati in contatto col terrorista che provocò la morte di 12 persone al mercatino di Natale a Breitscheidplatz e che fu ucciso pochi giorni dopo a Sesto San Giovanni.

Le misure di sicurezza in Italia sono ai massimi livelli, ma gli arresti di questi ultimi giorni lasciano immaginare una situazione di emergenza. È davvero così? Lo abbiamo chiesto ad Alessandro Orsini, direttore dell’Osservatorio sulla Sicurezza Internazionale della LUISS e autore del libro “L’Isis non è morto. Ha solo cambiato pelle”:

Io direi che in realtà l’attività di propaganda non è mai cessata. È soltanto che capita raramente che questi fatti arrivano alla cronaca perchè in molti casi la polizia opera senza raccontare quello che fa. Diciamo che questi casi sono normali nell’era dell’ISIS, viviamo in un’epoca di espansione dell’ideologia jihadista e il fatto che ci siano questi arresti deve essere considerato un fatto assolutamente normale.

È la dimostrazione che c’è una politica preventiva che sta funzionando, no?

La politica preventiva ha funzionato molto bene finora, questo mi sembra fuori discussione, però ripeto noi dobbiamo abituarci a questo tipo di arresti perchè fanno parte della normalità di un’epoca caratterizzata da una intensificazione dei processi di radicalizzazione. Non dobbiamo considerarli come un fatto straordinario, ma come un fatto normale.

Non la definirebbe un’emergenza quindi?

La definirei un’emergenza permanente e proprio perchè si tratta di un’emergenza permanente almeno dal punto di vista sociologico diventa un fatto politico normale.

Gli arresti di questi giorni cosa ci dicono, che non c’è più una strategia organizzata ma che si tratta sostanzialmente di singoli che operano con poco materiale a disposizione?

Io ho analizzato tutte le stragi dell’ISIS in Europa occidentale e quello che ho trovato è quello che lei ha sintetizzato nella sua domanda. Noi siamo colpiti quasi esclusivamente da lupi solitari che non sono, per questo motivo, in contatto con i capi dell’ISIS. Perciò la risposta alla sua domanda è che sì, i capi dell’ISIS è come se si fossero ritirati perchè hanno smesso di pianificare, coordinare e finanziare gli attentati e hanno lasciato praticamente carta bianca ai lupi solitari. Io direi che siamo entrati nell’era dei lupi solitari.

Antiterrorismo in azione

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 21/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 21/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 20/05/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 21/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 21/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 21/05/2022

  • PlayStop

    Pop Up Live di sabato 21/05/2022

    PopUp Live! Alberto Nigro e Andrea Frateff-Gianni – storici conduttori di PopUp – daranno vita a una trasmissione itinerante con…

    Pop Up Live - 21/05/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 21/05/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 21/05/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 21/05/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 21/05/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 21/05/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 21/05/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 21/05/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 21/05/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 21/05/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 21/05/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 21/05/2022

    Il Polo del Novecento di Torino ospita la mostra “Più moderno di ogni moderno. Le geografie di Pier Paolo Pasolini”;…

    Good Times - 21/05/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 21/05/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 21/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 21/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 21/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 21/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 21/05/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 21/05/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 21/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 20/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 20/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 21/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 20/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 21/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 20/05/2022

    1-Braccio di ferro Stati Uniti – Russia sul grano ucraino. Per togliere il blocco navale Mosca chiede la revoca delle…

    Esteri - 21/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 20/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 21/05/2022

Adesso in diretta